LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Un'alleanza contro i predoni della storia
di Tomaso Montanari
la Repubblica, 4 febbraio 2017


Il nostro Paese tanto ricco di arte non solo grazie alla capacit di crearla, ma anche alla lucidit con cui, lungo i secoli, si dato leggi che lhanno sottratta agli interessi privati e al mercato. L'obiettivo del negoziato reprimere i reati che riguardano opere darte libri e reperti. la Repubblica, 4 febbraio 2017 (c.m.c.)


Non sono molti gli ambiti internazionali in cui lItalia sappia esercitare una leadership: nonostante tutto, ancora il caso della tutela del patrimonio culturale, e torna a dimostrarlo, in questi giorni, un seminario del Consiglio dEuropa alla Scuola Imt di Alti Studi di Lucca. Al centro della discussione il negoziato, in corso presso lo stesso Consiglio dEuropa, sui reati penali contro il patrimonio. Un negoziato che gi ad aprile sfocer in una Convenzione internazionale che una volta ratificata dagli Stati nazionali render pi sicuro ci che abbiamo di pi prezioso: musei, scavi archeologici, biblioteche, archivi e molto altro.

Lobiettivo facile da comprendere, ma finora arduo da raggiungere definire con gli stessi termini, reprimere con i mezzi pi avanzati e possibilmente punire con decisione i tanti modi che esistono prima per rubare, e poi per far muovere da uno Stato allaltro questa specialissima refurtiva: quadri, statue, libri, reperti di ogni tipo.

Oggi unestrema sperequazione di mezzi caratterizza, per cos dire, le guardie e i ladri darte ( da non immaginare come romantici Lupin: tra loro contano anche i terroristi dellIsis). Linternazionale del crimine contro il patrimonio usa mezzi sofisticati e ignora ogni confine nazionale, mentre le forze di polizia ( pensiamo ai nostri eroici carabinieri del Nucleo di tutela) e le magistrature che devono combatterla sono frenate da strumenti giuridici antiquati ( pressoch impossibile, per esempio, usare le intercettazioni per reati di questo tipo), rogatorie internazionali interminabilmente lunghe, resistenze sciovinistiche.

Queste ultime rendono complessa la trattativa per la nuova convenzione: linteresse dei Paesi ricchi di opere darte e di siti archeologici ( Italia, Grecia, Cipro, Spagna, Portogallo e Francia) diverge da quello dei Paesi ricchi di case dasta e di gallerie antiquarie ( Regno Unito e Olanda su tutti), e la libera circolazione delle merci forse lunica religione del nostro tempo.
Qua far la differenza la qualit della diplomazia italiana, che lavora perch lamore per le radici della comune identit europea prevalga sullarbitrio di un mercato senza regole, in cui non di rado sono sfumati i confini tra lecito e illecito.

Dopo decenni di disinteresse, il nostro ministero della Giustizia ora particolarmente impegnato su questo fronte, e ha preparato anche una profonda innovazione della ( pressoch inesistente) sezione penale del nostro Codice dei Beni culturali. Se durante il precedente governo, il ministero per i Beni culturali ( cui ci spetta) non aveva portato la proposta di legge in Consiglio dei ministri, con la nascita del governo Gentiloni questo passo stato compiuto.

Sarebbe importante che, entro lo scorcio della legislatura, il Parlamento riuscisse ad approvarla, anche per dare il senso di uninversione di marcia rispetto a segnali inquietanti, quali il disegno di legge Marcucci ( che giace in Parlamento) che mira, al contrario, a rendere pi indiscriminata lesportazione; o il discutibile coinvolgimento di rappresentanti di case dasta internazionali nelle commissioni ministeriali chiamate a ridefinire le regole dellesportazione.

Il nostro Paese tanto ricco di arte non solo grazie alla capacit di crearla, ma anche alla lucidit con cui, lungo i secoli, si dato leggi che lhanno sottratta agli interessi privati e al mercato: se il patrimonio italiano esiste ancora, lo dobbiamo al continuo aggiornamento di queste leggi. Comprenderlo, e addirittura farlo comprendere allEuropa, di importanza vitale. Non per il nostro passato: per il nostro futuro.



news

22-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news