LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI - RESTAURARE IL CENTRO STORICO
MARTA HERLING
01 febbraio 2017 la repubblica




RITORNIAMO sulla vicenda del cedro del Libano decapitato dai barbari a Largo Giusso: indice e simbolo del degrado e delle condizioni di insicurezza e invivibilit del centro storico. Perch l'ondata dei turisti che lo hanno affollato nel periodo natalizio non pu essere considerata come indice di rinascita. La realt su cui si deve riflettere per trarne valutazioni reali e conseguenze responsabili quella successiva, spente le luci del Natale, della vita quotidiana in cui si trovano i cittadini che lo abitano, lo frequentano e gli operatori che vi svolgono attivit commerciali e culturali. La esprimono, quella realt, la desolazione che sopraggiunge la sera quando quelle attivit chiudono i battenti, il velo che si apre sui tanti luoghi e siti monumentali chiusi e in attesa da lunghi anni di restauri, il ripetersi costante e diffuso di violenze, aggressioni, rapine che leggiamo sui giornali o apprendiamo dalle testimonianze che ci vengono date. Prioritario un lavoro dalle fondamenta, intese come la struttura monumentale e dell'habitat da cui composto il centro storico: poich l'azione di restauro di edifici monumentali e abitativi urgente, ma anche segno tangibile della presenza delle istituzioni pubbliche nel territorio, di cura, interesse e vigilanza. Gli interventi che sono stati annunciati dal sindaco in risposta alla domanda che gli ho posto su repubblica. it, devono riscuotere fiducia nella loro realizzazione: dopo la delusione recente di fondi assegnati e opere non compiute. E la notizia riportata da Repubblica Napoli oggi di rilievo: "Decumani nuovo look, cantieri per 35 strade. Tra un mese si parte". Il grande progetto Unesco del 2013 avr un primo significativo avvio: gli interventi di restyling degli spazi urbani riguardano le principali strade e piazze del centro antico e sono assi e nodi di connessione tra i monumenti del sito Unesco anch'essi presenti nel progetto. Seppure col ritardo dei lavori pubblici, rispetto alla previsione di inizio nel 2015, va accolta con sollievo la conclusione delle gare con le imprese aggiudicatarie e la prossima firma dei contratti col Comune. Si tratta di un ampio intervento sull'antico tessuto urbano, viario e monumentale, di riqualificazione e restauro. Ma soprattutto va sottolineata la ripresa del progetto Unesco e la presenza sul territorio delle istituzioni pubbliche coinvolte: dal Comune alla Regione e Soprintendenza. Un segnale che avr ricadute positive sulla cittadinanza che da tempo lamenta lo stato di abbandono e la mancanza di interlocutori con i quali confrontarsi. Il silenzio in cui sono cadute le tante denunce di abusivismi in questo come in altri quartieri della citt, di irregolarit e di autorizzazioni per attivit non consone ai luoghi che le ospitano, al loro decoro e storicit, ha generato sfiducia e senso di impotenza. In tal senso si auspica che l'avvio dei lavori sia preceduto da una ampia comunicazione pubblica sui progetti e interventi che verranno attuati, con i loro tempi e modalit. Ma anche che si riapra il dialogo dei cittadini con le istituzioni che li rappresentano, e con quelle preposte alla tutela e vigilanza dei beni monumentali, architettonici, artistici e storici. Sar un contributo, il nostro auspicio, alla migliore realizzazione degli interventi e al loro radicamento nel tessuto umano e civile della citt antica: nel nome dell'organismo internazionale che sugella il progetto, l'Unesco, e nel 1995 ha dichiarato il centro storico di Napoli patrimonio dell'umanit. Con una motivazione di principii che vanno richiamati: Si tratta di una delle pi antiche citt d'Europa, il cui tessuto urbano contemporaneo conserva gli elementi della sua storia ricca di avvenimenti. I tracciati delle sue strade, la ricchezza dei suoi edifici storici caratterizzanti epoche diverse conferiscono al sito un valore universale senza uguali, che ha esercitato una profonda influenza su gran parte dell'Europa e al di l dei confini di questa. Non mancheranno le voci delle associazioni culturali e ambientaliste che da anni dedicano a quei principii il loro impegno, dall'Assise di Palazzo Marigliano fondata da Gerardo Marotta e Antonio Iannello, a Italia Nostra, il Fai Campania, l'Adsi, Napoli 99; degli intellettuali che intendono il loro compito e competenze al servizio della comunit. E le accoglieremo in un incontro alla libreria Ubik di via Benedetto Croce, uno dei presidi culturali del centro storico: per riprendere il dibattito "Piani paesistici, urbanistici e per il centro storico di Napoli" del maggio 2011 rimasto aperto a nuovi possibili sviluppi di confronto. Ma anche per dare testimonianza sull'episodio che abbiamo richiamato in apertura sul quale si riaccende una luce di speranza per il futuro di vivibilit e sicurezza del centro antico. Perch la storia del cedro del Libano non si conclusa con la decapitazione ma con la rinascita, nella decisione annunciata sabato per iniziativa della comunit di quartiere, in un nuovo esemplare analogo che verr ripiantato nella sua aiuola. E che si proposto di intitolare alla memoria di Gerardo Marotta: come segno tangibile dell'affetto dei suoi concittadini e in omaggio alle battaglie da lui condotte di guardiano della citt, in continuit con l'opera sua.




news

16-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news