LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pompei, sindacati denunciano: "Aperture spot delle Domus". La replica della Soprintendenza: "Polemiche sterili"
26 gennaio 2017 la repubblica



Flp e Unsa, assemblea ed esposto contro soprintendente Osanna

Pompei, sindacati denunciano: "Aperture spot delle Domus". La replica della Soprintendenza: "Polemiche sterili"
Le accuse dei sindacati. Il 21 giugno 2013 fu riaperta nel sito archeologico di Pompei una delle Domus pi belle, la "Casa degli Amorini dorati". "Oggi la Domus chiusa e, insieme ad altre nove Domus antiche, aperte con grande clamore da parte della Soprintendenza ed elogi del ministero di beni culturali e turismo, ma quasi subito chiuse al pubblico, a causa della grave carenza di personale addetto alla custodia, non visitabile".

una delle denunce che i segretari nazionali dei sindacati Flp-Bac e Unsa-Beni culturali hanno reso note al termine di un' assemblea del personale della Soprintendenza di Pompei. "Una delle ultime aperture-spot, clamorosa per la grande propaganda politica che l'ha accompagnata, quella della Casa dei Pigmei, piena di magnifici affreschi, riaperta tre mesi fa. Poi chiusa.

Cos come la Tomba di Prisco a Porta Vesuvio, chiusa ai turisti due giorni dopo che stata mostrata ai giornalisti", hanno affermato Rinaldo Satolli, coordinatore generale della Flp-Bac e Giuseppe Urbino, segretario generale Unsa-Beni culturali.

I due sindacalisti, dopo l'assemblea, hanno presentato un esposto-denuncia ai Carabinieri contro il Soprintendente degli Scavi, Massimo Osanna, accusato di tenere nei confronti dei lavoratori "comportamenti anomali che il sindacato non pu pi tollerare".

Tra questi vi sarebbe "l'utilizzo di personale di supporto, non preparato, per la vigilanza del sito che mette a rischio la sicurezza del grande patrimonio archeologico protetto dall' Unesco".

I sindacati nazionali Flp e Unsa dei Beni Culturali accusano il Soprintendente degli Scavi di Pompei, Massimo Osanna di "aver omesso un atto di ufficio previsto dal combinato disposto di norme e contratti che regolano l'attivit istituzionale e le relazioni sindacali, quale il confronto con le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative".

L'assemblea dei lavoratori della Soprintendenza degli Scavi di Pompei con le rappresentanze sindacali nazionali - dalle ore 9 alle 11 - non ha causato alcun disagio ai turisti che questa mattina hanno visitato il sito archeologico vesuviano. Sono state rispettate, infatti, le norme che prevedono di assicurare i servizi minimi di custodia del sito. Erano 4 su 14 i custodi della Soprintendenza presenti in mattinata per presidiare il prezioso sito archeologico. La mancanza del turn-over del personale, di nuove assunzioni, ha ridotto oltre ogni immaginazione la forza lavoro dei custodi negli Scavi che in questo periodo di "bassa stagione" sono anche obbligati a consumare le ferie.

"La soluzione adottata in linea con la tendenza europea, che la strategia di creare lavoro precario con la compressione dei salari e personale pi riscattabile, riducento i diritti dei lavoratori - accusano Rinaldo Satolli, coordinatore generale Flp Bac, e Giuseppe Urbino, segretario generale Unsa Beni Culturali - In sostituzione dei custodi della Soprintendenza stato utilizzato del personale della societ Ales, non preparato per questo compito. Si tratta di lavoratori che non saprebbero cosa fare in caso di una improvvisa emergenza, come in caso di evacuazione o in caso di incendio".

Le vertenze sono molte, il Soprintendente Osanna viene accusato dai sindacati di non rispettare le norme contrattuali, le relazioni sindacali, la sicurezza del sito archeologico e per questo la Flp Bac e la Unsa BC chiedono le sue dimissioni anche perch "poco presente in Soprintendenza, sempre pi proteso a tessere rapporti scientifici con universit all'estero che qui a gestire il sito archeologico".

I sindacati riaprono il libro di doglianze: turni pesanti, "ormai ogni custode deve sobbarcarsi la vigilanza di un'area pari a mezzo campo di calcio a testa"; siti che contengono amianto al quale sono esposti i lavoratori, "nei locali dei corpi di guardia, negli uffici della Soprintendenza nonostante il bando e il progetto siano stati pubblicati da tempo, neanche la relazione dell'Arpac sul rischio amianto ci stata mai sottoposta".

La replica. "L'accusata mancanza di dialogo e' inammissibile quando voglia significare l'accettazione univoca delle condizioni poste dai sindacati, ponendo in secondo piano le esigenze dei turisti; e ancor piu' sterile e' l'accusa di poca presenza del Direttore Generale Osanna a Pompei che, oltre ad essere continuamente in supervisione sui cantieri del sito, si avvale di funzionari e uffici amministrativi a pieno supporto di tutte le attivita', anche quelle sindacali". Cosi' la nota dell'Ufficio stampa della Soprintendenza Pompei, in merito all' assemblea sindacale indetta questa mattina e alle polemiche relative sollevate dalle sigle sindacali FLP e UNSA.

"Le assemblee sindacali convocate sono, come sempre, regolarmente autorizzate dalla Soprintendenza nel pieno rispetto dei diritti del lavoratore. Allo stesso modo nella piu' assoluta considerazione del visitatore viene garantita, con gli addetti alla vigilanza non aderenti all'assemblea, l'apertura regolare del sito seppur con inevitabile temporanea chiusura di alcuni edifici in quelle ore. Cio' in linea con quanto disposto dal decreto Franceschini del 2015 che inserisce i servizi museali tra i servizi essenziali al pubblico".

"Questa mattina - si legge nel testo - il sito archeologico e' stato aperto con i 9 custodi non aderenti all'assemblea affiancati da alcuni funzionari in servizio che sono stati ridistribuiti per presidiare varchi e punti sensibili e assicurare i servizi minimi di custodia del sito. Il personale Ales, come da destinazione d'ufficio, ha invece presidiato gli edifici gia' a loro assegnati. In questa maniera e considerato il flusso estremamente ridotto di una mattina di gennaio, si e' riusciti a garantire l'accesso ai visitatori e la sicurezza del sito".

"Preventivamente, come di prassi, gia' il giorno prima ci si e' premurati di avvisare il pubblico attraverso il sito web istituzionale e i punti informazione, circa la possibile e temporanea chiusura nelle ore di assemblea di alcuni edifici in custodia agli addetti della Soprintendenza. Tra queste la citata domus degli Amorini dorati cosi' come l'Antiquarium, la Casa del fauno, di Casca Longus, di Fabius Amandius, le Terme del Foro, il Macellum, le Terme Stabiane, il Lupanare, il Tempio di Iside e l'Anfiteatro".

"Considerata la generale situazione di disagio determinata da una assemblea che viene richiesta nelle ore di apertura al pubblico, quantunque l'Amministrazione suggerisca il differimento della stessa negli orari di chiusura al fine di evitare l'interdizione di domus e difficolta' ai turisti e in considerazione dell'impegno a garantire i diritti di tutte le categorie (lavoratori e turisti), qualsiasi polemica al riguardo appare assolutamente tendenziosa e strumentale. Cosi' come quella che riguarda l' apertura e la rotazione delle case. Il sito di Pompei ha registrato tra il 2015 e il 2016 la restituzione alla fruizione di ben 28 edifici a seguito dei relativi interventi di restauri. Tale
traguardo - e' scritto infine nel comunicato stampa della Soprintendenza - e' in assoluto per la Soprintendenza un grande successo perche' per quanto, come sempre chiaramente annunciato gia' in sede di inaugurazione, sia necessario far ruotare l'apertura di alcune domus per assicurarne la tutela e di evitare insistenti flussi in sole alcune di loro, viene ad oggi garantita la piu' ampia scelta di visita che Pompei abbia mai avuto prima".



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news