LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Il patrimonio abbandonato
Adriana Dragoni
LIndipendente, 24 luglio 2005

Bella, con la sua misurata eleganza, Firenze, che vanta le opere di quei suoi artisti che riscoprirono l'arte classica e modernamente ne ripresero la razio-nalit e la simmetria. Il neoclassico Luigi Lanzi, curatore degli Uffizi, scrivendo la prima storia dell'arte italiana (Storia pit-torica della Italia), us come metro di giu-dizio proprio quell'arte fiorentina, che giu-dic, avendola presa a modello, - a va sans dire - la migliore di tutte. Oggi il fiorentinocentrismo continua ad avere i suoi fautori in prestigiose istituzioni culturali, come l'Istituto del Rinascimento, l'Istituto Villa Tatti e il Medici Office, tutte con sede a Firenze, molto efficaci nel propagandare la cultura della loro citt come pressoch unica protagonista del nostro Rinascimento e ad esaltare Lorenzo il Magnifico, detto "l'ago della bilancia" (simmetrico anche lui?) della politica italiana.
I fatti qui citati hanno soltanto un valore culturale? No, perch da essi dipendono, pi di quanto s pensi, le file di turisti da-vanti agli Uffizi, la fortuna commerciale dell'artigianato fiorentino e del made in Florence, l'orgoglio dei fiorentini d'esser tali, con quel che segue, e anche la loro di-fesa dei monumenti cittadini, che sono te-nuti con il giusto decoro.
Diversissima la condizione dei monu-menti, del centro storico di Napoli. Da quan-do, nel 1995, stato dichiarato dall'Unesco Patrimonio dell'Umanit, ha subito un ul-teriore, accelerato degrado. Tanto che l'Unesco, informata del suo stato da una do-cumentazione videofotografica inviatale dall'avvocato napoletano Lucio Minervini, potrebbe togliere a Napoli il suo titolo. Edi-fici vandalizzati dalle spoliazioni e incerti finanche nella statica per le infiltrazioni dalle reti idriche e fognarie comunali, stra-de maltenute, dissestate e sporche. Segni evidenti di una cattiva amministrazione. E il Comune cittadino, peraltro proprietario di molti edifci, civili e religiosi, del centro sto-rico, che fa? Tutt'al pi si adopera in inter-venti modernistici che tendono a rettifica-re la curvilinea complessit di quella che B. Croce defin una citt barocca, cio anti-classica (e Napoli anticlassica lo fu, sin dal-le origini greche), cercando di distruggere un'identit che la sua mentalit giacobina non pu comprendere. E insinua che la re-sponsabilit delle condizioni di questa do-lorante citt sia degli stessi napoletani e dei mali endemici dovuti alle pecche della loro storia. Ma contraddetto dalle parlan-ti pietre del centro storico napoletano, che inequivocabilmente testimoniano la sa-pienza, la laboriosit, l'inesausta creativit, la sensibile umanit di una civilt magnifica. Cos i fatti culturali s'intrecciano con la scottante attualit.
Certo al Comune conviene servirsi di una vulgata della storia napoletana che non le rende giustizia. Una vulgata promossa, sin dall'800, dai Savoia, che vollero far crede-re di aver salvato Napoli da un barbaro pas-sato. Ma ora le condizioni politiche sono cambiate e anche gli studi presentano qual-cosa di nuovo. Oggi si pu affermare che la Napoli detta ancora nei manuali "sotto gli Aragonesi", ma in realt con Alfonso d'Aragona splendida capitale di una federa-zione di stati mediterranei tra cui l'Aragona stessa, ebbe un peso politico importan-te nell'Italia rinascimentale. Lo testimonia-no, tra l'altro, i recenti studi sulle fonti di-plomatiche di quel periodo. L'accademico statunitense Vincent Uardi, tra i massimi esperti in questo campo, ha sostenuto che da questi studi potrebbe finalmente essere ridimensionata la figura di Lorenzo de' Me-dici e apparire la grandezza politica del re di Napoli Ferrante d'Aragona e del suo al-leato Francesco Sforza, signore di Milano. Una particolare simpatia vi era tra lombar-di e napoletani, derivata anche dall'affi-nit, a fronte di una certa astrazione fioren-tina, tra il realismo lombardo e l'empirismo napoletano Nel 1977, una bellissima mostra sul Settecento borbonico, organizzata dal compianto Raffaele Causa, che testimoniava l'eccellenza della cultura di quel tempo, stup gli stessi napoletani. Fino ad allora chi si fosse azzardato a parlar bene de' Borbone e dell'alto livello della temperie culturale che essi favorirono era considerato igno-rante e passatista. Oggi, l'apertura di certi ar-chivi ha prodotto libri che mettono in pi giusta luce quel periodo storico. Mentre, nel 1997, un'interessantissima mostra bi-bliografica, "Napoli e Cartesio", organizza-ta dal direttore della Biblioteca Nazionale cittadina Mauro Giancaspro, testimoniava l'indipendenza e l'anticartesianesimo, cio l'antrazionalismo, di certa cultura napole-tana sei-settecentesca che fu fautrice di una logica pi concreta, di una scienza soprat-tutto sperimentale e nutrice del pensiero del grandissimo napoletano Giambattista Vico.
Queste osservazioni di tipo culturale pos-sono costituire i necessari presupposti di azioni fattive, mentre acquistano un loro importante significato nei pi ampio con-testo della cultura occidentale e in quella questione che oggi vien detta "crisi dell'Occidente".
noto che il classicismo e il suo razio-nalismo hanno costituito un leit motiv del-la storia dei popoli europei: dal classici-smo dell'Atene del V secolo a.C, a quello ri-nascimentale, al neoclassicismo giacobino. Ma anche vero che poi il razionalismo, quasi a esemplificare il detto che "chi vuoi troppo ragionar sragiona", si evoluto e di-vulgato in ideologie filosofiche prive di concretezza, in relativismi che annientano ogni verit, in nichilismi distruttori di ogni realt. Ha prodotto sociologie politiche che tendono a eliminare dall'uomo i sentimen-ti, negando l'integrit e la diversit di ogni individuo-persona. E si ridotto in una sor-ta di ragionamenti estremamente semplifi-cati, usati quali efficaci mezzi di convinci-mento delle masse. Proprio questo raziona-lismo, in effetti, sembra costituire un ele-mento fondante della cosiddetta "crisi dell'Occidente".
D'altronde, seppur riconosciamo che la nostra democrazia risale all'Atene classica che la inventore evidente che il mondo at-tuale non pu essere paragonato a quello chiuso delle polis democratiche e che il ra-zionalismo non pu comprendere n quin-di beneficamente governare il nostro com-plesso mondo globalizzato. Un mondo che possiamo, piuttosto, paragonare a quello ellenistico, in cui, accanto al razionalismo, si afferm soprattutto una logica pi com-plessa, che, pi concretamente umana, nu-tr il cristianesimo nascente e, adeguando-si alla natura, scopr i segreti della fisica. Co-me illustra "Eureka", l'interessantissima mostra, attualmente al Museo Nazionale di Napoli, inaugurata l'il luglio scorso alla presenza del sottosegretario Antonio Mar-tusciello. Vi campeggia la scienza speri-mentale di Archimede di Siracusa e la con-creta filosofia suggerita dall'esposizione di un antico papiro ercolanense. Sono espres-sioni di una logica naturalistica, quella af-fermata, alle origini della filosofia, pure dal campano Parmenide, che fu anche fisico e matematico pitagorico. Questa ellenica sa-pienza, tuttora attuale ( noto che lo stesso Albert Einstein afferm che le radici del suo pensiero si trovavano nella Magna Gre-cia), verme conservata nelle citt dell'Italia Meridionale, fin quando esse, che non ave-vano conosciuto fl feudalesimo carolingio, furono devastate da quello angioino, salvo Napoli, che divenne capitale di quel regno. E che, nelle sua lunghissima continuit sto-rica, ha conservato queste sue radici, che potrebbero dare linfa, vigore, vita al mondo presente. E le ha anche conservate proprio nelle sue pietre, nella stessa struttura del suo centro storico, dove ogni luogo conser-va sempre il ricordo e in qualche modo il ricalco di un luogo pi antico. Perci Napoli, a prescindere dal riconoscimento Unesco, davvero, pi di ogni altro sito, patri-monio dell'umanit. Salviamola. Anche dall'ignoranza. E dall'insipienza di un Co-mune cittadino che la lascia morire.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news