LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il sovrintendente Osanna: Io denunciato perch tengo Pompei aperta
di Antonio Galdo
Il Mattino > Napoli > Cronaca 27-01-2017

Lei vuole sapere che cosa sta succedendo a Pompei? Posso risponderle in poche parole: hanno provato a ricattarmi, ma io non cedo a questo tipo di pressioni, altrimenti dovrei cambiare lavoro...: Massimo Osanna, soprintendente degli scavi pi famosi e pi picareschi del mondo, racconta la sua verit nel giorno in cui stato perfino denunciato ai carabinieri per avere consentito l'apertura del sito nonostante un'assemblea sindacale.

E quale sarebbe il ricatto?
Due piccoli sindacati autonomi hanno provato a dirmi: o fai quello che ti diciamo noi, o ti chiudiamo gli scavi. Non hanno gradito un mio ordine di servizio con il quale ho accorpato due uffici, a Oplonti e Boscoreale. In uno l'impiegato addetto era spesso assente, e le pratiche marcivano, nell'altro l'impiegato lavorava regolarmente.
Adesso che l'ufficio unico, tutto funziona bene.

Non capisco perch questo dovrebbe dare fastidio a qualcuno.
Forse per il fatto che il dipendente, che adesso ha la responsabilit dei due uffici, iscritto alla Uil.

Mi sembra davvero parva materia per un'assemblea.
Infatti: all'assemblea hanno partecipato in 14, e io con 9 custodi regolarmente in servizio, e 2 funzionari, sulle 23 persone previste in un turno, ho potuto tenere aperti gli scavi, salvo le zone dove non era garantita la sicurezza.

Lo ha fatto, per, utilizzando personale esterno e non qualificato per la guardiania.
Falso. Si tratta di lavoratori di una societ del ministero, l'Ales, che gi da tempo svolgono a Pompei l'attivit di vigilanza. E sono molto preparati: parlano le lingue, hanno una laurea, sanno dare qualsiasi tipo di risposta ai turisti.

I sindacati dicono che comunque i custodi a Pompei, specie dopo i restauri e con tanti lavori ancora in corso, sono diventati pochi.
Sbagliano indirizzo: le mie competenze si fermano agli organici del personale, che sono fatti e gestiti dal ministero.

Ma il problema della mancanza di custodi esiste o no?
Posso dirle che oggi ne abbiamo in organico 149, la met rispetto a dieci anni fa, quando erano sicuramente troppi. Intanto sono arrivati 50 dipendenti dell'Ales che completano le forze in campo: forse ne servirebbero un'altra cinquantina.

Non sono pochi.
Si pu discutere. Ma con l'interlocutore giusto, cio il ministero, e non con il metodo del ricatto. Non lo dico per demagogia, ma perch senza di loro non potrei fare nulla: io sono dalla parte dei lavoratori, e ho fatto tanti accordi ragionevoli con i sindacati durante la mia stagione di soprintendente. Per evitare licenziamenti, per migliorare qualit ed efficienza del sito, per risolvere i punti critici, come la cura del verde.

Per, se ci sono, bisogna dialogare con tutti i sindacati. Magari sono troppi...
La sera prima dell'assemblea che ha portato allo scontro, io ho incontrato, insieme, tantissimi lavoratori, per discutere con loro dei problemi di Pompei. Certo, qualche volta quando facciamo le riunioni con tutte le delegazioni sindacali devo alzarmi e andarmene, ma per il fatto che si azzuffano, urlano, e si scambiano minacce, tra di loro. Non con me.

In realt, secondo i sindacati che hanno presentato la denuncia ai carabinieri, lei apre le case restaurate per la passarella del ministro e per i titoli sui giornali, e poi le chiude al pubblico.
Non sanno di che cosa parlano. La mia linea chiara: si apre un monumento per lasciarlo aperto. Poi, come avviene in tutti i grandi spazi museali del mondo, c' una rotazione tra alcune opere, qui si tratta di domus, che vengono visitate. Per un motivo semplice: non si pu concentrare la pressione di milioni di visitatori sempre nelle stesse zone e nei stessi luoghi. Questo metterebbe a rischio anche la sicurezza del monumento.

I turisti capiscono la rotazione?
La trovano in tutto il mondo, solo che ovunque sono informati. E questo adesso avviene anche a Pompei, dove tutto scolpito sul nostro sito web. Il calendario delle case aperte e quelle temporaneamente chiuse: nessuno pu dire che non abbiamo informato. Nel frattempo le segnalo che gli scavi di Pompei non hanno mai avuto tanti spazi e tante aree a disposizione dei turisti da prima del terremoto del 1980. Come sento l'orgoglio di avere fatto il percorso museale per disabili pi lungo del mondo: tre chilometri. E dovrei mettere in discussione questi risultati, e i progetti futuri, per un banale ricatto?.

Un altro tema sollevato dai sindacati riguarda gli straordinari.
Vorrebbero dei soldi in pi per progetti speciali, come le aperture notturne, realizzati e pagati dalla soprintendenza. Peccato che non posso farlo, sarebbe un abuso d'ufficio. Questo un terreno di competenza del ministero. Piuttosto, posso dirle quanto ha ricevuto ogni custode cooptato e pagato per conto terzi dalle societ che hanno organizzato i concerti negli scavi: 45 euro l'ora.

Infine il rischio amianto, che non proprio l'ultima delle preoccupazioni.
Peccato che non sia fondata. Ho ingaggiato un responsabile per la sicurezza e uno specifico per l'amianto. Ogni quattro mesi deve firmare un rapporto, e presentarmi i valori: sono sempre sotto la soglia di rischio.

Per tagliare la testa al toro bisognerebbe comunque trasferire gli uffici, come era previsto.
Gi, peccato che i nuovi uffici si stanno completando da 25 anni, e io sono qui da due anni e mezzo. Durante i quali non sono stato con le mani in mano, anche su questo versante: entro un anno i lavoratori degli scavi avranno i nuovi uffici.

La preoccupa la denuncia ai carabinieri e il rischio di finire indagato?
Sono un uomo indignato e anche, se vuole, offeso per quanto accaduto poche ore fa a Pompei. Ma sono anche la persona pi serena del mondo perch ho la convinzione di avere fatto la cosa giusta e nei modi giusti. Sono altri che dovrebbero vergognarsi e chiedere scusa, e non solo a me. A tutti i bravi lavoratori di Pompei, e ai milioni di visitatori che fanno la nostra fortuna e la fortuna di un intero territorio.

http://www.ilmattino.it/napoli/cronaca/il_sovrintendente_osanna_io_denunciato_perche_tengo_pompei_aperta-2221461.html


news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news