LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

BELLUNO - Valorizziamo il Parco e il patrimonio culturale
di Alessia Forzin
25 gennaio 2017 CORRIERE DELLE ALPI


BELLUNO Natura e cultura per rilanciare la citt. Sono due le carte che Belluno pu giocare per il suo rilancio. L'inaugurazione del museo Fulcis di domani una grande occasione per il capoluogo dolomitico, che non ha nulla da invidiare a mete pi blasonate, almeno dai tour operator. Belluno ha una storia ricca, affascinante. l'unica citt capoluogo che ha al suo interno un Parco nazionale. E poi si trova in una posizione straordinaria, a un'ora di auto da Cortina, da Venezia, dalle Ville venete. Parola di Marco Perale, ex assessore comunale, che di recente ha lavorato per siglare il gemellaggio con la cittadina americana di Blend e che conferma: Ogni mese vengono almeno un paio di gruppi di turisti da oltre oceano. Per loro le distanze fra Belluno e Cortina o fra Belluno e Venezia sono talmente piccole che non possiamo continuare a non sfruttare questa vicinanza geografica. Domani sar inaugurato il Museo Fulcis. Qual il ruolo della cultura per il rilancio di Belluno? Da quando, all'inizio degli anni '90, stata sciolta la Brigata Cadore, Belluno sta faticosamente decidendo cosa fare del suo futuro. Era una citt di terziario, fino a quel momento, con la chiusura della caserma Fantuzzi molti sono stati centralizzati e la nostra citt si trovata a doversi reinventare un ruolo. Abbiamo due carte da giocare: natura e cultura. Siamo l'unica citt capoluogo che ha nei suoi confini un Parco nazionale. Ma la carta del Parco deve essere giocata in maniera migliore rispetto a quanto stato fatto fino ad oggi, per esempio concludendo, dopo vent'anni di trattative, il sentiero che costeggia l'Ardo e che porta l'escursionista dal centro storico nel cuore del Parco. E poi c' la cultura. Belluno ha la sua storia, ha potenzialit che deve riuscire a giocare e a sfruttare bene. Abbiamo un patrimonio incredibile. Parlava del rapporto fra Belluno e Venezia. Da qualche tempo si sente parlare di riscoprire e valorizzare questo legame. In ambito culturale obbligatorio riuscire a collegare queste due citt. Nessun capoluogo di provincia, in Veneto, a parte Venezia ha grandi musei. Nel Bellunese si possono organizzare mostre sull'identit del territorio e delle sue comunit, ma parliamo di piccoli numeri. Quello che bisogna fare mettere in rete i sette capoluoghi del Veneto, per fare gioco di squadra. Cos si potrebbero organizzare grandi mostre, sfruttando l'unico nome spendibile nel mercato internazionale, Venezia. Lei un uomo di cultura. Cosa risponderebbe a chi sostiene che la cultura costa e che con la cultura non si mangia? Questa una logica tatcheriana o reaganiana. Non tutto deve pagarsi. Si pensi ai servizi sociali: non pensabile che il loro costo ricada interamente su chi ne fruisce. Anche l'educazione dei ragazzi. Sanit, sociale, educazione, cultura non sono cose su cui si possa fare economia. Chi pensa in questo modo, non ha capito niente di come funziona l'uomo. Sulla cultura bisogna investire. chiaro che non si fanno utili con le biblioteche, ma noi non siamo solo esseri economici. Chi pensa che tutto debba essere produttivo non ha capito niente. Come vede l'operazione che trasformer Palazzo Crepadona nella mediateca delle Dolomiti? Chiunque sia stato in amministrazione ha lavorato alla nuova biblioteca della citt. Tutti i sindaci degli ultimi 35 anni hanno fatto la loro parte. Come per il museo. Massaro taglier il nastro del nuovo Fulcis, ma dietro c' il lavoro di quattro amministrazioni. giusto cos, bene continuare il lavoro di chi venuto prima se stato un buon lavoro. La nostra biblioteca ha bisogno di spazi pi ampi e nuovi modelli di fruizione. Deve diventare moderna, con scaffali aperti, spazi di lettura pi ampi, anche perch rappresenta un luogo di socializzazione per i giovani. Trovo giustissimo investire su questo palazzo, un bene aver vinto il bando dei 18 milioni. Anche questa sar un'occasione straordinaria per la citt per il suo rilancio. E su Palazzo Bembo? Sembra non ci sia grande chiarezza sul futuro di quel contenitore. Questa giunta ha ipotizzato di farlo diventare il museo archeologico e va benissimo. Finalmente troveranno respiro molte collezioni, come quella numismatica che le grandi famiglie bellunesi hanno conferito al museo, che non sono mai state visibili per questioni di spazi. E potranno essere esposti anche tutti i ritrovamenti fatti con gli scavi per la rete del metano negli anni '90. Se poi Belluno sapr mettersi in rete con Venezia, ecco che le duecento spade che riposano negli scantinati di Palazzo Ducale, e che rappresentano la nostra storia, potranno diventare patrimonio della citt. Belluno dunque deve puntare sulla cultura ma anche sulla natura. Oltre al Parco abbiamo il Piave, lo Schiara, il Nevegal... come si possono valorizzare per attrarre visitatori e giocare la famosa carta del rilancio? Bisogna essere aggiornati per intercettare tutti i turisti potenziali. La fruizione della montagna cambiata molto negli anni e bisogna essere pronti. Si pensi a quanti usano le ciaspe, all'escursionismo invernale, dobbiamo essere aperti ad una geometria variabile. Abbiamo il richiamo di Venezia: giochiamo su tutto quello che possiamo offrire come territorio, natura, cultura, enogastronomia. Il rilancio della citt fattibile, dunque? Io sono ottimista. Non vedo il resto del Veneto correre tantissimo. Stiamo tenendo il passo, anche perch siamo allenati a farlo, visti i "vicini di casa" che abbiamo. Ma adesso fondamentale fare squadra a livello di Veneto. Tutti abbiamo potenzialit inespresse, che dobbiamo sfruttare, insieme, e che porteranno a risultati positivi.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news