LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Udine, crepe nei palazzi danneggiati dal cantiere del park
di Giacomina Pellizzari
IL MESSAGGERO VENETO - 27 gennaio 2017


Lesioni anche nelle stanze affrescate e decorate a stucco. Gli abitanti: e ancora ci multano per divieto di sosta


UDINE. Allesterno le crepe si vedono a occhio nudo: le vibrazioni provocate dai mezzi utilizzati nella costruzione del parcheggio interrato di piazza Primo maggio hanno danneggiato gli edifici storici di via Portanuova. Lesioni non trutturali segnano la facciata di palazzo Camavitto Driussi e di quelli confinanti, le sale interne affrescate e il muro di cinta della pizzeria Concordia.


Le stime rischiano di sfiorare i 200 mila euro. I danni sono stati denunciati da tempo e le varie assicurazioni hanno gi effettuato i sopralluoghi, ma ora con il fallimento dellimpresa Vidoni, i proprietari degli stabili temono di non essere risarciti.

I residenti si sentono presi in giro. Oltre al danno la beffa, affermano dopo aver appreso che il Comune non ha pi intenzione di tollerare i parcheggi delle loro auto sotto casa, in divieto di sosta. Le prime multe sono gi fioccate. Dalla conclusione del cantiere, il divieto di sosta in via Portanuova stato esteso sulle 24 ore.

I residenti possono entrare nella Ztl, effettuare le operazioni di carico e scarico, ma non sostare. Dovrebbero, il condizionale dobbligo perch finora nessuno lo ha fatto, parcheggiare le auto in piazza Primo maggio, negli stalli in superficie o nel parcheggio interrato.

Il Comune vuole trasformare la strada in una sorta di viale di accesso al centro storico e per questo ha consentito solo alle biciclette di circolare su entrambe le direzioni. Apriti cielo. Quando i residenti, una quindicina di famiglie, hanno visto i vigili mutare tutti sono andati su tutte le furie e hanno rispolverato il fascicolo dei danni subiti durante la costruzione del parcheggio.

un gesto inaccettabile perch non ci mettono nelle condizioni di parcheggiare a prezzi ragionevoli, ripetono ricordando che un posto in abbonamento nel parcheggio interrato costa 140 euro. Siamo stati danneggiati, multati e non risarciti, insistono gli abitanti di via Portanuova preparandosi a convocare attorno a un tavolo tutti i protagonisti: limpresa, Ssm e pure il Comune.

I periti delle rispettive compagnie assicurative hanno gi effettuato le stime, ma poi, come conferma lamministratori del palazzo, Alessandro Zandigiacomo, finito tutto l. Si tratta - spiega lamministratore - di microlesioni provocate dai tiranti posizionati, in profondit, sotto gli edifici fin sotto il colle del castello. Queste lavorazioni hanno modificato lequilibrio dei fabbricati storici.

Lo stesso accaduto quando sono stati battuti i pali, realizzate le perforazioni e, da ultimo, alla fine del cantiere, quando hanno preparato il sottofondo delle rampe con un vibrocompattatore.

Solo nelle parti comuni delledificio, sostiene sempre lamministratore, per tamponare le microlesioni servono circa 50 mila euro. Se a questi aggiungiamo i danni subiti dai singoli proprietari nelle rispettive abitazioni, la cifra complessiva sfiora 200 mila euro.

Le microlesioni hanno danneggiato alcune stanze affrescate e altre decorate a stucco. Trattandosi di edifici vincolati - fanno notare gli abitanti - il restauro va concordato con la Soprintendenza alle belle arti.

Detto questo i residenti assicurano di voler calare sul tavolo il dossier danni per trattare sulla questione sosta. Chiedono di poter avere posti in abbonamento a prezzi agevolati nel parcheggio sotterraneo. Quello che ci ha creato non pochi problemi. Non dimentichiamo - aggiungo - che per mesi non abbiamo potuto aprire le finestre perch il rumore era insopportabile.

E ancora: Le nostre auto stanno sul lato destro e non danno fastidio a nessuno. Non comprendiamo perch lo stesso divieto non viene applicato in via Liruti. I residenti in via Portanuova non ci stanno anche perch la strada, priva di telecamere, un luogo dove tutti si sentono autorizzati a fare quello che vogliono.

Abbiamo una mendicante che, a una certa ora, arriva e si siede sotto la colonnina dei campanelli. Se non fosse per Cumini, Sello e la nostra donna delle pulizie, la strada si presenterebbe in tuttaltro modo.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news