LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI - L'avvocato con il cappello quarant'anni di battaglie per il Sud e contro i poteri forti
OTTAVIO LUCARELLI
27 gennaio 2017 LA REPUBBLICA




COME va? L'ha preso il caff? Andiamo. Tutto in cento metri. La casa in viale Calascione, stracolma di libri anche in cucina, il caff hag al bar di Luciana, l'Istituto italiano per gli studi filosofici a Palazzo Serra di Cassano. In quei cento metri Gerardo Marotta ha costruito e guidato la cultura meridionalista e giacobina per 40 anni. Molti intellettuali lo avrebbero voluto senatore a vita, ma la verit la raccontava lui sorseggiando il caff: La verit, cari amici, questa. A Napoli c' gente che da sempre dice a Roma, dove si decide tutto, di non dare i soldi all'Istituto. Perch? Perch l'Istituto fa venire i premi Nobel, oscura le Universit. Noi abbiamo creato 280 biblioteche nel Sud, anche nei centri pi piccoli, e 700 corsi di filosofia.

Cos quei minuti al bar si trasformavano in una lezione di filosofia e di critica politica. La sintesi dell'azione che Gerardo Marotta, l'avvocato, ha portato avanti senza sosta creando, alimentando e difendendo con i denti fino all'ultimo una biblioteca di oltre trecentomila volumi sparsi un po' dappertutto. A Monte di Dio e, negli ultimi anni, in parte anche in un deposito a Casoria, all'Istituto Colosimo e al Leonardo Bianchi.

Non c' un palazzo della collina di Pizzofalcone che non abbia avuto per qualche anno una cantinola stracolma dei suoi libri. Era il modo in cui il quartiere partecipava alla sua avventura. Vedere spuntare la mattina al Calascione la figura minuta, il cappello di feltro, il cappotto scuro e la sciarpa, che indossava a volte anche d'estate, era un'emozione forte. Ti prendeva sottobraccio e denunciava: Il nostro compito combattere l'ondata controrivoluzionaria che ha distrutto Napoli e sommerso il Mezzogiorno. La civilt occidentale muore sotto i colpi della finanza e degli speculatori .

Il simbolo della sua lotta stato e rester il portone di Palazzo Serra di Cassano, chiuso nel 1799 in segno di lutto e di protesta per la morte di Gennaro, figlio del principe Serra di Cassano, giustiziato per aver partecipato alla rivoluzione della Repubblica napoletana. Dopo la chiusura dell'antico ingresso di via Egiziaca, rivolto verso Palazzo Reale, l'accesso rimasto da allora in via Monte di Dio. Solo in un'occasione, durante la breve stagione del "Rinascimento napoletano" anni Novanta, Marotta decise di riaprirlo per poi richiuderlo rapidamente e definitivamente.

L'avvocato aveva creato l'Istituto nel 1975 assieme a Elena Croce, al filosofo Pietro Piovani, allo storico dell'antichit Giovanni Pugliese Carratelli, ad Enrico Cerulli. E a Palazzo Serra in quarant'anni sono passati i pi grandi pensatori del `900 come Hans-Georg Gadamer, Jaques Le Goff, Eugene Garon, Karl Popper, Jaques Derrida.

Un'azione filosofica e civica che non rimasta chiusa tra le mura dell'Istituto. Gerardo Marotta, come ricorda Guido Donatone, ha tenacemente sostenuto le battaglie di Italia Nostra per la salvaguardia del centro storico e dello straordinario patrimonio artistico e ambientale di Napoli.

Nacquero cos ad inizio anni Novanta con Marotta, Donatone, Aldo Masullo, Antonio Iannello e altri intellettuali, le Assise di Palazzo Marigliano. Ogni sabato mattina una riunione in via San Biagio dei librai, sede della sovrintendenza archivistica, per contrastare il "Preliminare al piano regolatore" che nascondeva una massiccia cementificazione. Pochi politici si vedevano a Palazzo Marigliano, eppure quel gruppo di intellettuali con una forte denuncia civica mand in frantumi la baldanza del pentapartito che sulla carta aveva 50 consiglieri comunali su 80. Pochi politici. Tra questi Aldo Cennamo dei Ds che ieri mattina stato tra i primi ad accorrere in clinica e poi a Palazzo Serra dove allestita la camera ardente.

Un Palazzo in cui Gerardo Marotta ha voluto facesse tappa l'auto di Giancarlo Siani nel viaggio della Mehari verde che prosegue da anni e che in questi giorni in Emilia Romagna. Un simbolo di lotta alla camorra. Marotta sal a bordo della Mehari che, guidata da Paolo Miggiano, entr a Palazzo Serra da via Monte di Dio. Quel giorno Marotta lasci a bordo dell'auto, come "omaggio a Giancarlo", una copia dell'inchiesta Saredo su corruzione e clientelismo che aveva fatto ristampare in un cofanetto.

L'avvocato ha sempre avuto grande attenzione per il mondo dell'informazione creando il premio internazionale di "Giornalismo civile". E furono proprio alcuni giornalisti, la sera in cui fu rapinato in piazza del Plebiscito, a organizzare una manifestazione in suo sostegno.

Il 26 aprile Gerardo Marotta avrebbe compiuto 90 anni. Era pronta la festa in via Monte di Dio. Quel giorno lo ricorderemo. Chi ha il suo coraggio - commenta Luciana mentre prepara una parmigiana di melenzane - si faccia avanti. Il caff pagato .



news

21-02-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 febbraio 2020

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

Archivio news