LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sicurezza, musei pi a rischio delle banche
Agostino Ingenito
https://ofcs.report/sicurezza-musei-piu-rischio-delle-banche/

Quanto e come sono sicuri i musei italiani e le opere conservate e cosa cambia con la riforma Franceschini che ha rimodulato la geografia gestionale di musei e soprintendenze?

Il caso dello choc termico subto da circa quarantotto opere darte conservate nella Pinacoteca di Brera ha suscitato le critiche di cultori ed esperti darte. Lallarme era gi scattato nella notte tra mercoled 11 e gioved 12 gennaio, quando il gelo ha mandato in tilt i climatizzatori che regolano la temperatura e lumidit allinterno delle sale. Come risultato, un paio di quadri sono stati rimossi dalle pareti, poich danneggiati, ed inviati al laboratorio di restauro. Le altre opere rimaste esposte, sono state ricoperte da vistosi cerotti. Il sistema di termoregolazione non ha funzionato, mentre quello di allarme ha avvertito tempestivamente lamministrazione della Pinacoteca di Brera, che ha messo in sicurezza le opere. Se le tele sono in grado di assorbire in parte le variazioni climatiche, le tavole in legno no, creando dei micro sollevamenti sulla superficie. Il caso di Brera ha suscitato la reazione della comunit scientifica internazionale, che chiede conto di un tale problema, sollevando la questione anche per gli altri musei nazionali e locali. Non solo la termoregolazione. Sono tanti i problemi di sicurezza di un museo, secondo gli esperti, sono perfino superiori a quelli di una banca. Mentre infatti in un istituto di credito i valori sono accuratamente tenuti lontani dalla portata del pubblico, in un museo gli oggetti pi preziosi sono quelli che pi frequentemente sono visitati e si trovano quindi a maggior rischio, proprio perch il frequente contatto con gli utenti potrebbe portare a danneggiamenti, anche accidentali, vandalismi o altro, pur senza arrivare al furto vero e proprio.

I recenti terremoti ed eventi atmosferici hanno evidenziato drammaticamente la vulnerabilit degli edifici, spesso antichi, che ospitano musei e pinacoteche. Occorre inoltre ricordare che le opere darte esposte in un museo rappresentano di solito una piccola percentuale del patrimonio dei reperti, che sono invece custoditi in appositi e speciali depositi e che necessitano di protezioni, in particolare durante le fasi di apertura e chiusura, o quando accedono studiosi o addetti alla manutenzione o al restauro. Se il museo particolarmente frequentato, si pone poi un ulteriore rischio che riguarda la sfera anticrimine ed legato alla gestione del contante, che pu raggiungere livelli significativi; soprattutto quando vengono organizzate attivit estemporanee di grande richiamo, come ad esempio unesposizione particolare. E poi c il presidio delle sale da parte del personale che deve tenere sotto controllo il corretto comportamento dei visitatori. Un indispensabile complemento di questattivit dato dallinstallazione di sistemi di video sorveglianza, di solito collegati ad una sala operativa posta allinterno del museo stesso, per combinare la vigilanza dellocchio umano con quella dellocchio elettronico. Si dibatte dunque sul modello di gestione e sicurezza nei musei. Grazie allimpegno del Ministero dei beni culturali, in collaborazione con Icom International Council of Musem- Comitato nazionale e i Carabinieri della Tutela del Patrimonio, stato redatto un manuale.

Cosa cambia con la Riforma Franceschini in materia di servizi museali e gestione della sicurezza?
Con listituzione dei Parchi Archeologici del Colosseo e di Pompei si completa una stagione di riforma organizzativa voluta dal ministro Franceschini. Niente pi soprintendenze separate e pareri discordi e 10 nuovi musei e parchi archeologici autonomi distribuiti tra Roma, Tivoli, Ercolano, Campi Flegrei, Parma e Trieste. La riforma del ministero dei Beni e delle Attivit culturali e del Turismo (MiBACT), varata nel 2014, entrata nella seconda fase: le novit sono state illustrate alle Commissioni cultura di Camera e Senato dal ministro Dario Franceschini che ha annunciato una soprintendenza unica per Archeologia, Belle Arti e Paesaggio. Questo permetter di aumentare i presidi sul territorio passando, per esempio, per larcheologia dalle attuali 17 soprintendenze archeologiche alle nuove 39 soprintendenze unificate (a cui si sommano le due soprintendenze speciali del Colosseo e di Pompei per un totale di 41). La nuova articolazione territoriale, che secondo il ministro realizza una distribuzione dei presidi pi equilibrata ed efficiente, ha spiegato, stata definita tenendo conto del numero di abitanti, della consistenza del patrimonio culturale e della dimensione dei territori. E porter a un riequilibrio, per cui ad esempio, una regione popolosa come la Lombardia passer da due a quattro soprintendenze e una come il Lazio da due a tre. Il piano del ministro prevede inoltre la nascita di 10 nuovi istituti autonomi, tra musei e siti archeologici. Ogni nuova soprintendenza ha precisato Franceschini parler con voce unica ai cittadini e verr articolata in sette aree funzionali (organizzazione e funzionamento; patrimonio archeologico; patrimonio storico e artistico; patrimonio architettonico; patrimonio demoetnoantropologico; paesaggio; educazione e ricerca) che garantiscono una visione complessiva dellesercizio della tutela, assicurando anche la presenza delle specifiche professionalit.

Per cittadini e imprese, assicura il ministro, sar cos pi semplice e rapido rapportarsi con lamministrazione con una notevole riduzione degli oneri burocratici. E ancora, ha aggiunto il ministro, le Soprintendenze archivistiche diventano Soprintendenze archivistiche e bibliografiche, e risponderanno alla Direzione Generale Biblioteche. Quindi potranno avvalersi del personale delle biblioteche statali. I nuovi istituti, che avranno lautonomia e che si aggiungono ai primi 20 gi noti, saranno: il Complesso monumentale della Pilotta di Parma (che unificher in ununica gestione la Biblioteca palatina, la Galleria Nazionale, il Museo Archeologico Nazionale); i Musei delle Civilt nel quartiere romano dellEur (che unificher in una sola gestione il Museo Nazionale Preistorico e Etnografico, il Museo nazionale delle arti e tradizioni popolari e il Museo dellAlto Medioevo); il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia (Roma); il Museo Nazionale Romano; il Museo storico e il Parco del Castello di Miramare a Trieste; il Parco Archeologico dellAppia Antica; il Parco archeologico dei Campi Flegrei (Bagnoli, Baia e Bacoli); il Parco archeologico di Ercolano; il Parco archeologico di Ostia Antica; Villa Adriana e Villa dEste a Tivoli.
La riforma ormai a pieno ritmo ed entra nella seconda fase, ha sottolineato Franceschini nel corso dellaudizione. I direttori dei nuovi musei e parchi archeologici autonomi saranno selezionati con un nuovo bando internazionale, esattamente come stato per i primi 20 istituti, ha infine precisato il titolare del Collegio Romano. Queste scelte suscitano per le reazioni dei sindacati che contestano al Ministro lidea di una riforma a costo zero in cui, al momento, non vi sono professionalit, dipendenti e funzionari tali da garantire quanto previsto dalla riforma. Inoltre non piace ai sindacati la volont del Ministero di istituire una super agenzia che dovrebbe occuparsi dei servizi museali: dai ticket di ingresso, ai negozi e caffetterie interne. La rete museale italiana tiene conto di diverse realt non sempre omogenee tra musei locali, poli regionali e rete dei musei nazionali. Pur riferendosi tutti agli standard e al Codice Etico dellIcom.

Ogni museo poi ha una sua gestione autonoma che diventa speciale nei casi di alcune realt italiane come la Galleria Borghese, le Gallerie degli Uffizi, la Galleria Nazionale dArte Moderna e Contemporanea di Roma, le Gallerie dellAccademia di Venezia, il Museo di Capodimonte, la Pinacoteca di Brera, la Reggia di Caserta, la Galleria dellAccademia di Firenze, la Galleria Estense di Modena, la Galleria Nazionale darte antica di Roma, il Museo Nazionale del Bargello, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria, il Museo Archeologico Nazionale di Taranto, il Parco archeologico di Paestum, il Palazzo Ducale di Mantova, il Palazzo Reale di Genova, il Polo Reale di Torino. A questi si aggiungeranno presto la Galleria Nazionale delle Marche e la Galleria Nazionale dellUmbria. Restano dotate di autonomia anche la Soprintendenza speciale per il Colosseo, il Museo Nazionale Romano e larea archeologica di Roma e la Soprintendenza speciale per Pompei, Ercolano e Stabia.

I dati sullaffluenza nei musei italiani danno ragione dellimportante aumento di visitatori. Quello che si appena concluso ha detto Franceschini stato lanno doro dei musei italiani. Circa 43 milioni di persone hanno visitato i luoghi della cultura statali generando incassi per circa 155milioni di euro che torneranno interamente ai musei attraverso un sistema premiale che favorisce le migliori gestioni e garantisce le piccole realt. Per la storia del nostro Paese il miglior risultato di sempre, un record assoluto per i musei italiani ha aggiunto Franceschini e anche rispetto al 2014, anno in cui si erano registrati numeri erano molto positivi, la crescita dei visitatori e degli incassi significativa: +6% i visitatori (pari a circa +2,5milioni); +14% gli incassi (pari a circa +20milioni di euro); +4% gli ingressi gratuiti (pari a circa +900mila). E non siamo in presenza di una tendenza internazionale, anzi siamo in controtendenza se si guarda ai dati usciti sulla stampa estera oggi. In Italia, grazie anche alle nuove politiche di valorizzazione, prime fra tutte le domeniche gratuite, gli italiani sono tornati a vivere i propri musei. Un riavvicinamento al patrimonio culturale conclude Franceschini che educa, arricchisce e rende consapevoli i cittadini della magnifica storia dei propri territori.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news