LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sardegna. La terra sputa altri tesori
Giandomenico Mele
Giornale di Sardegna, 22 luglio 2005

Le testimonianze
Tre mesi fa trovato un altro pezzo dei Colossi. Il racconto: Era il 1970, avevamo i reperti in giardino in attesa degli esperti

Le statue di Monti Prama vennero alla luce quasi quattro anni prima degli scavi ufficiali. La lancetta dei misteri torna indietro nel tempo, apre squarci inediti sulle verit nascoste dalla scienza ufficiale, ascolta nuove memorie sulla storia di quel campo sperduto nel Sinis che ha generato dal suo grembo una delle pi grandi scoperte archeologiche dell'intero bacino del Mediterraneo. Primi mesi dell'anno 1970. Il terreno di Monti Prama appartiene alla Confraternita dello Spirito Santo di Cabrasi terreni che la Curia preferisce dare in affitto perch vengano sfruttati. Quattro agricoltori arano quel campo: Battista Meli, Giandomenico Brungiu, Peppino Piras e Gianni Cossu. Sono questi i nomi delle persone che per prime videro la statuaria nuragica, gli scopritori di Monti Prama. Ricordo che eravamo nel 1970, perch qualche mese dopo part per fare il militare - spiega Brungiu - e ricordo bene anche il giorno in cui dal terreno usc fuori quel pezzo di arenaria. Sembrava una pietra, solo dopo ci rendemmo conto che aveva la forma di un braccio che teneva un grande arco. Ingenuit, paura, incoscienza.
UNA DOPOl'altra, la terra sputa preziosi arti, busti, forse le teste mancanti dal novero dei trentadue guerrieri dell'esercito di pietra. Li prendevamo e li mettevamo vicino ai muretti di confine - racconta ancora Battista Meli - , non pensavamo neppure di portarceli a casa, avevamo visto troppa
gente finire nei guai con la Sovrintendenza, e poi di quei pezzi di pietra non che ci interessasse granch. Aprile 1970, marzo 1974. In questa forbice di tempo si racchiudono i vuoti della storia di Monti Prama, ma soprattutto la perdita di gran parte di quel prezioso patrimonio della storia sarda e di tutta l'Antichit. Tombaroli, semplici appassionati, quanti misteriosi collezionisti celano nelle segrete stanze il frutto di quel vero e proprio mercato di oggetti preziosi trafugati da Monti Prama? Ricordo busti senza testa, basamenti di colonne, li buttavano al confine degli appezzamenti, poi tombe che uscivano fuori dalla terra, lastre. Per tutti quegli anni nessuno se ne preoccupato, girava la voce e molti avevano
Chi parla Mena Manca Cossu, presidente di Italia Nostra per la provincia di Oristano: testimone oculare e preziosa custode di molti reperti di Monti Prama. L'ultimo pezzo di braccio di un arciere l'ho consegnato circa tre mesi fa -ricorda - ma le visite della Sovrintendenza sono state moltissime. Nel mio giardino ho custodito per anni un vero e proprio tesoro. Ma in quella parentesi di quasi quattro anni che avanzano le ombre su Monti Prama. Misteri che ormai difficile svelare, come le certezze che molti resti siano finiti sul fondo dello stagno. Lo sanno tutti che per paura si buttavano pezzi di statua nello stagno - spiega Mena Manca Cossu - ma trovare qualcuno che lo ammetta ormai quasi impossibile.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news