LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Che fine faranno i musei e le biblioteche ex provinciali?
Giuliano Volpe*
Pubblicato: 16/01/2017

*Archeologo, presidente del Consiglio Superiore Beni culturali e paesaggistici del MiBACT



Che fine faranno i musei e le biblioteche ex provinciali? Musei e biblioteche risalenti in gran parte a quella fase successiva all'Unit d'Italia, quando si ritenne necessario dotare interi territori, che fino ad allora ne erano stati privi, di presidi culturali che contribuissero allo sviluppo culturale e anche ad una maggiore consapevolezza della storia locale e nazionale (era lo spirito che animava le gloriose Societ di Storia Patria).

Non un caso che tali istituzioni culturali fossero diffuse soprattutto nelle regioni meridionali che, diversamente da altre realt nelle quali si erano sviluppate gi da tempo strutture museali e bibliotecarie civiche, trovavano proprio nelle Province i naturali promotori. Stiamo parlando di musei archeologici di grande tradizione, con collezioni di straordinaria importanza, come, solo a titolo di esempio, i musei archeologici di Lecce, Brindisi e Bari in Puglia, di Campobasso in Molise, di Benevento, Avellino, Salerno, Capua in Campania, Catanzaro in Calabria, ma anche di Brescia in Lombardia o Novalesa in Piemonte, o pinacoteche di prim'ordine come quelle di Bari o di Salerno, e di una rete di biblioteche (da Chieti, L'Aquila e Teramo a Matera e Potenza, da Avellino, Benevento e Salerno a Bari, Brindisi, Foggia, Lecce, ecc.), che in molti casi rappresentano l'unica vera realt attiva in ampi e popolosi territori.

Mi limito a citare solo un esempio particolarmente noto, quello della Biblioteca Magna Capitana nella citt nella quale vivo e lavoro da vari anni, Foggia, con un patrimonio di oltre 400.000 volumi, 450 riviste di cui 70 (dopo i tagli) in continuazione, numerosi fondi storici (come quello di N. Zingarelli, l'autore di uno storico dizionario della lingua italiana) perno del sistema bibliotecario provinciale con 54 biblioteche civiche, cuore locale del Polo SBN (Sistema Bibliotecario Nazionale), con un'attiva sezione dedicata ai bambini (organizza anche Buck, festival della letteratura per i ragazzi), un luogo di aggregazione e di ritrovo di centinaia di giovani.

Da oltre due anni queste realt vivono in una situazione di grave incertezza e di progressivo smantellamento. Com' noto con la legge Delrio del 2014 si sono riorganizzati gli assetti e le funzioni delle Province, cui sono state sottratte le competenze in campo culturale (musei, biblioteche, teatri, orchestre, ecc.), trasferite alle Regioni e alle Citt metropolitane. Dopo una lunga sottovalutazione del problema, il personale e il patrimonio di biblioteche e musei ex provinciali sono passati alle Regioni (o alle Citt metropolitane, in tal caso con meno problemi), con soluzioni tra le pi varie. E tutte insoddisfacenti. E con il risultato che queste importanti istituzioni sono quasi del tutto prive di risorse in grado di farle funzionare. Molti dipendenti, spesso con elevate professionalit, vista la situazione di incertezze, hanno cercato altre strade. Tra pensionamenti e trasferimenti, molte realt sono ormai al collasso.

Che fare di questo patrimonio? La riforma costituzionale prevedeva la completa eliminazione delle Province e una revisione dei rapporti tra Stato e Regioni anche in materia culturale (art. 117), ma stata bocciata dal referendum dello scorso 4 dicembre. Le Province non sono state abolite, sono stati rinnovati in questi giorni i consigli, ora si batte cassa al Governo per ottenere risorse: in questo clima controriformista, si pensa di restituire alle Province anche le competenze culturali? Il Comitato e i partiti schierati per il No, i tanti intellettuali in prima fila contro la riforma diranno qualcosa (di concreto e attuabile, non le solite richieste di maggiori risorse e pi personale, che fin troppo facile avanzare!) anche a tale proposito? Solo in un caso (il Molise) la Regione si dichiarata non in grado di occuparsi della biblioteca ex provinciale (Campobasso), che quindi passata alle cure del MiBACT. Le altre istituzioni ex provinciali sono ora delle Regioni, che per di fatto se ne stanno occupando assai poco. Il Ministero, con una specifica delega affidata al sottosegretario on. Antimo Cesaro, segue da tempo questa difficile questione, ma senza riuscire finora a trovare un accordo. In molti casi si mossa la societ civile, con associazioni culturali, gruppi di cittadinanza attiva, come nel caso della rete a sostegno del Museo Campano di Capua, quello delle celebri 'madri'.

Personalmente ritengo indispensabile la realizzazione di un progetto condiviso tra Stato e Regioni, che garantisca a questi gloriosi presidi culturali non la mera sopravvivenza, ma un futuro certo, attivo e vitale nei vari territori, come componenti essenziali di un sistema museale e bibliotecario nazionale.

A tale proposito mia intenzione organizzare a breve una seduta straordinaria e pubblica del Consiglio Superiore 'Beni Culturali e Paesaggistici', da tenere in una delle istituzioni ex provinciali pi significative (forse proprio a Capua), alla quale saranno invitati anche i Presidenti delle Regioni interessate, per discutere in maniera propositiva e cercare di raggiungere una soluzione condivisa.

http://www.huffingtonpost.it/giuliano-volpe/che-fine-faranno-i-musei-e-le-biblioteche-ex-provinciali_b_14184982.html?ncid=engmodushpmg00000003


news

18-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news