LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Carrara, il jaccuse della Daffra
Daniela Morandi
Corriere della sera - Bergamo 11/1/2017

La direttrice lascia dopo un anno: mancata la fiducia, c chi ha remato contro. Subentra Rodeschini

A un anno dalla sua nomina, ufficializzata dopo lunga selezione, Emanuela Daffra lascia la direzione dellAccademia Carrara. La decisione stata annunciata ieri con un comunicato della Fondazione. Le subentrer, dal primo febbraio, Maria Cristina Rodeschini, gi conservatore della pinacoteca, con un incarico triennale. No comment da parte del sindaco Gori.

Dopo un anno da direttore dellAccademia Carrara Emanuela Daffra lascia lincarico, che scadr il 31 gennaio. Le rester quello di curatrice della mostra dedicata a Raffaello, prevista per la fine dellanno. Nominata il 4 dicembre 2015, entrata in carica a febbraio dellanno scorso, ha assunto la direzione dopo la riapertura del museo. Al suo posto, dal primo febbraio e per un triennio, subentrer Maria Cristina Rodeschini, che a sua volta le pass il testimone, da responsabile della pinacoteca e della Gamec. Alle sue dipendenza ci sar Gianpietro Bonaldi: gi amministratore unico di Cobe Direzionale srl, attualmente incaricato del marketing della Carrara, assumer il ruolo di responsabile operativo della fondazione. La decisione stata assunta consensualmente dalla direttrice e dal Consiglio di amministrazione della fondazione, recita una nota diffusa ieri. E il sindaco Gori ha rifiutato ogni commento. La voce per circolava da qualche settimana, ma nessuno si assumeva la responsabilit di dirlo apertamente. Interpellata informalmente a met dicembre, su quanto sarebbe accaduto allo scadere del mandato, Daffra, con fare diplomatico e affabile, disse: Se la fondazione remer nella stessa direzione rimarr, altrimenti.... Dietro quei punti di sospensione lasciava gi presagire la decisione di ritornare ad assumere lincarico in Soprintendenza per i Beni artistici, da cui era in aspettativa per un anno. Ora Daffra preferisce non sbottonarsi troppo. Ma afferma: Sino al 31 gennaio sar in servizio. Per quella data sto preparando un rapporto annuale sulle attivit svolte. Lo presenter per commentarlo e spero sia unoccasione di discussione vera per mostrare con oggettivit quanto fatto, con limiti e pregi. un servizio che si deve al museo. Pinacoteca che sento mia, dice. Cercando di strapparle un bilancio, senza polemizzare, afferma: Fatico a individuare una cosa che non abbia funzionato. Ma ho imparato quanto sia importante lavorare con fiducia reciproca, che in qualche misura mancata ed stata il nodo di tutto. Oltre non va. Passando il testimone a Rodeschini, che lha anticipata in questa staffetta, aggiunge: Sar il direttore a decidere la linea museale. Gli accordi per i prestiti delle Storie di Lucrezia di Botticelli da Boston o quello per il progetto con il Prado sono presi. Potranno assumere delle sfumature diverse a seconda delle priorit stilate dal mio successore. Il futuro dunque, sar nelle mani di Maria Cristina Rodeschini, che ieri era irraggiungibile.

La Fondazione Accademia Carrara ha deciso di ripescarla, confermandole lincarico triennale con un compenso ancora da definire, ma probabile che si adegui il suo attuale stipendio da responsabile comunale della pinacoteca e di Gamec. Oltre a Daffra, Giuliana Ericani, Andrea Di Lorenzo e Sandrina Bandera, anche Rodeschini era tra i 5 candidati al bando di selezione per lincarico di direttore della pinacoteca, di durata quadriennale, rinnovabile.

La scelta cadde su Daffra, che venne poi assunta per un anno, avendo chiesto laspettativa da soprintendente. Ora si cambia. Interpellato sul nuovo arrivo di Rodeschini, il conservatore Giovanni Valagussa dichiara: Sono dispiaciuto che Daffra non abbia funzionato e non si sia fatta amare da tutti. Sul resto no comment. Se la Fondazione si limita a ringraziare la direttrice uscente per il lavoro svolto in questi mesi, complesso per il trasferimento delle competenze dalla struttura comunale a quella della fondazione e dellattivazione di nuovi servizi, qualche parola in pi spesa da alcuni firmatari della lettera aperta indirizzata al sindaco Giorgio Gori.

A lui, in qualit di presidente della fondazione, si erano rivolti 75 esponenti del mondo culturale cittadino a sostegno della direttrice. Difficile commentare dicono . Evidentemente Daffra non ha avuto le condizioni per andare avanti ed un peccato, avendo nominato prima di Natale un comitato scientifico eccellente, formato da Davide Gasparotto, Roberto Contini, Alessandro Morandotti, Matteo Ceriana e Keith Christiansen. Infine tra i 75 c chi conclude: Scegliere Rodeschini, donna corretta, professionale e conoscitrice dei meccanismi del museo dal 1990, sensato e una soluzione di continuit. Ma perch non pensarci prima? La fondazione esce sconfitta, dimostrando di non avere una visione sulla proposta culturale cittadina. unoccasione perduta: il rinnovamento delle istituzioni passa anche dal cambio dei vertici.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news