LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Beni culturali, a gara la gestione di 13 pezzi storici da ristrutturare e valorizzare
di Manlio Lilli
IL FATTO QUOTIDIANO | 9 gennaio 2017


Chiese e castelli, certose e ville storiche, abbazie ed eremi al centro del bando che scade il 16 gennaio. Il ministero dei Beni e delle attivit culturali e del turismo: "La concessione d'uso finalizzata alla realizzazione di un progetto di gestione che ne assicuri la corretta conservazione, l'apertura alla pubblica fruizione e la migliore valorizzazione"


Pi informazioni su: Dario Franceschini, Ministero dei Beni Culturali
Con questo atto le associazioni no profit attive nei territori potranno partecipare con una procedura chiara e trasparente alla tutela e alla valorizzazione del patrimonio culturale, uno strumento che consentir di partire dal basso nelladempimento dellarticolo nove della Costituzione. Pubblico e privato sociale perseguono infatti lo stesso obiettivo a favore del patrimonio culturale a tutto vantaggio dellintero sistema Paese. Il ministro dei Beni e delle attivit culturali e del turismo Dario Franceschini certo del fatto che risponderanno in molti al bando per la concessione in uso a privati di beni immobili del demanio culturale dello stato non aperti alla fruizione pubblica o non adeguatamente valorizzati. E quindi del fatto che almeno alcuni elementi del patrimonio storico-architettonico-artistico del Paese torneranno a risplendere. Un tentativo.

La Direzione Generale Musei intende individuare associazioni e fondazioni senza fini di lucro alle quali concedere in uso beni immobili del demanio culturale dello Stato, per i quali attualmente non corrisposto alcun canone e che richiedono interventi di restauro. La concessione duso finalizzata alla realizzazione di un progetto di gestione del bene che ne assicuri la corretta conservazione, lapertura alla pubblica fruizione e la migliore valorizzazione, si specifica nellavviso pubblico che scadr il 16 gennaio. Dove elencata la lista dei beni immobili con il relativo canone annuale a base dasta. Si tratta di chiese e castelli, certose e ville storiche, abbazie ed eremi. Tredici frammenti di patrimonio disseminati per lItalia. La chiesa di San Pietro ad Oratorium a Capestrano nellaquilano, per la quale il canone annuale di 595,30 euro. La chiesa di San Barbaziano, a Bologna, per cui occorrono 4.430 euro. Il castello e il Museo nazionale Naborre Campanini a Canossa, nel reggiano, valutato 760 euro. Villa Giustiniani a Bassano Romano, nel viterbese, che raggiunge i 18.920 euro. Aggiudicarsi la Certosa di Trisulti a Collepardo, nel frusinate, invece, coster come minimo 14.658 euro. LAbbazia di Santa Maria di Vezzolano ad Albugnano nellastigiano, poi, costa 19.100 euro. Mentre il Castello di Moncalieri, nel torinese, valutato 12.335 euro. LAbbazia di Soffena a Castefranco di Sofra, nellaretino, 1.271 euro. LEremo di San Leonardo al Lago a Monteriggioni, nel senese, 1.215 euro. Villa Brandi a Vignano, ancora nel senese, 14.100 euro. Il Castello Bufalini a San Giustino, nel perugino, 12.180 euro. La Villa del Colle del Cardinale a Perugia, 14.100 euro. Infine, Villa del Bene a Dolc, nel varesotto, 4.713 euro.

Architetture di ogni et che conservano testimonianze artistiche di straordinaria rilevanza. Capolavori. Come il ciclo di affreschi del XII secolo nellabside e nellarco trionfale della chiesa di San Pietro ad Oratorium. O gli affreschi che tra la fine del XV e linizio del XVI secolo arricchirono Villa Giustiniani. E ancora i libri che costituiscono la Biblioteca allinterno della Certosa di Trisulti. Oppure gli affreschi del chiostro dellabbazia di Santa Maria di Vezzolano, o quelli quattrocenteschi allinterno dellabbazia di Soffena. Ma anche il ciclo di affreschi del pittore Lippo Vanni nelleremo di San Leonardo al Lago a Monteriggioni. E il giardino allitaliana nel parco del castello Bufalini. Tutti beni a rischio e per questo messi allasta. Nella speranza che la soluzione, che lo Stato non ha finora trovato, la rintracci qualche ente.

Esempi in tal senso non ne mancano. Anzi la casistica si arricchisce sempre pi. A Palermo c lOratorio cinquecentesco di San Mercurio reso fruibile da circa due anni e mezzo dallassociazione Amici dei Musei Siciliani. A Borgo San Giacomo, nel bresciano, c il Castello di Padernello che lomonima Fondazione gestisce, recupera e promuove dal 2005. A Riola, nel bolognese, c il Castello della Rocchetta Mattei che la Fondazione Carisbo ha restaurato e poi dato in gestione a una associazione locale. Sperare quindi possibile. Limportante per non sar soltanto assicurare una nuova vita a quei tredici immobili, ma anche garantire alcune cose. Innanzitutto il progetto di restauro e di conservazione con le relative modalit e tempistiche. Poi la fruizione pubblica e il successivo progetto di valorizzazione, con lindicazione dei servizi di accoglienza. Senza contare il prezzo delleventuale biglietto che il proponente intende istituire e il piano economico che dimostri la sostenibilit economico-finanziaria della gestione.



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news