LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Mantova e la riscossa dei musei Merito di noi direttori stranieri
Paolo Conti
Corriere della Sera 8/1/2017

Laustriaco Assmann ha rilanciato Palazzo Ducale: pi sponsor e comunicazione

Qui a Mantova ormai ci comportiamo come un grande museo internazionale. Una continuit nellofferta delle mostre, lapertura di uno spazio per larte contemporanea in dialogo con i nostri tesori, la costante riscoperta dellimmensit degli spazi perch molte delle 950 stanze sono rimaste chiuse per anni e finalmente ora mostrano tutto il loro splendore, liniziativa della scultura in piazza. Il direttore del Palazzo Ducale di Mantova, lo storico dellarte (e artista contemporaneo) austriaco Peter Assmann, 52 anni, uno dei 20 stranieri nominati nellagosto 2015 da Dario Franceschini (in mezzo a mille polemiche) alla guida di alcuni tra i grandi musei italiani, luomo simbolo dello straordinario 2016 culturale italiano che ha chiuso con 44,5 milioni di ingressi e 172 milioni di incassi, 1,2 milioni di visitatori in pi e un aumento di introiti di 18,5 milioni rispetto al 2015. Dice Franceschini: il terzo anno consecutivo di crescita, da 38 milioni di biglietti nel 2013 registriamo quindi 6 milioni di visitatori in pi nel triennio con un incremento di incassi del 15% e quindi 45 milioni di risorse in pi.
La ricetta vincente

La direzione Assmann a Mantova ha portato il Palazzo Ducale a scalare ben 11 punti nella classifica delle collezioni pi visitate in Italia: ora si trova al 16, superando la Pinacoteca di Brera a Milano (in leggera flessione, da 322.372 biglietti nel 2015 a 311.311 nel 2016), il Museo Nazionale Romano, gli scavi di Ostia Antica (in calo), persino Paestum, che comunque in crescita. Palazzo Ducale a Mantova, che nel 2016 stata Capitale italiana della Cultura, ha totalizzato 367.470 visitatori con un secco +51% rispetto al 2015 grazie a una politica espositiva culminata col gran successo della mostra su Albrecht Drer e ai suoi rapporti con larte italiana, in particolare col Mantegna, che chiude proprio oggi.
No al mordi e fuggi

Se si chiede ad Assmann quanto conti il non essere italiano in tutta questa storia, risponde cos: Non un fatto di nazionalit. Ma noi direttori chiamati stranieri veniamo da una diversa prospettiva museografica e museologica. In Italia lo storico legame con le sovrintendenze ha prodotto una cultura molto attenta alla tutela e assai meno alla comunicazione. Noi non italiani siamo istintivamente attivi, ci dirigiamo verso i bisogni dei visitatori, dialoghiamo costruttivamente con gli sponsor e gli stessi media. Mettiamo, insomma, al centro di tutto la societ, che lobiettivo della nostra offerta culturale. Il suo rapporto con la citt? Si sa che la polemica uno sport molto amato in Italia, ma ora Mantova ha capito che il suo museo una formidabile locomotiva di turismo e di traino economico. Ed soprattutto bello constatare che il turismo in Italia non pi solo quello mordi-e-fuggi tra Firenze, Roma e Venezia. Si scopre che lorizzonte della cultura italiana ben pi ampio, che si pu vivere una meravigliosa esperienza anche nel nostro Palazzo dei Miracoli tra Rubens, Raffaello, ovviamente Mantegna. Prossimo appuntamento? Una grande mostra, nellaprile 2017, sullo Spettacolo del Mangiare, legata alla Lombardia Orientale come Regione Europea della Gastronomia 2017.
Italia su, Europa gi

Il dato complessivo italiano in controtendenza rispetto allEuropa: il Louvre di Parigi, per la contrazione dovuta al calo di turismo dopo gli attentati, ha chiuso il 2016 con un -15%. Stravince la gara italiana il Pantheon di Roma (gratuito ma con controllo agli ingressi) con 7.4 milioni di visitatori e un aumento di mezzo milione. Per la prima volta il circuito Colosseo-Foro Romano-Palatino, comunque in vetta alla classifica dei luoghi culturali a pagamento, registra un lieve decremento: 6.408.852 ingressi contro i 6.551.046 del 2015, un 2% in meno, dovuto ai controlli per il terrorismo. Ma c un altro dato: grazie al biglietto unico, aumenta di 1,5 milioni il numero di chi non si limita ad ammirare solo il Colosseo ma prosegue al Foro Romano e al Palatino.

Spiega il soprintendente per il Colosseo e larea archeologica di Roma, Francesco Prosperetti: Abbiamo registrato correlazione tra la tempistica di alcuni attentati e il calo di visitatori nelle settimane successive. accaduto dopo gli attacchi di Bruxelles a marzo, di Nizza a luglio e dopo Istanbul. E poi c il rallentamento da sicurezza. Tutti i 6.408.852 visitatori sono stati sottoposti a metaldetector e videoispezione dei bagagli. Ritengo un successo lincremento al Foro-Palatino grazie alle visite notturne, alla nuova illuminazione, allapertura di un gioiello come Santa Maria Antiqua.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news