LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sassari, il Tar congela ledilizia in mezza citt
di Giovanni Bua
05 gennaio 2017 LA NUOVA SARDEGNA


La delibera cassata nella causa persa con Argentiera Spa fa tornare tutto il Comune ai vincoli del Ppr di Soru del 2006

SASSARI. Una bomba deflagrata lultimo giorno dellanno. Che fa saltare in aria qualsiasi ipotesi di ferie nel settore Urbanistica del Comune, con lassessore Gianni Carbini e il dirigente Claudio Castagna da due giorni in riunione permanente e in continua interlocuzione con ufficio legale e Pianificazione territoriale della Regione. Motivo? La sentenza del Tar datata 31 dicembre che d ragione alla Argentiera Spa e cassa lingrandimento fatto dal Comune nel 2007 del centro matrice del Borgo minerario. Peccato che per farlo spazza via la deliberazione del Consiglio Comunale di Sassari del 31 luglio 2007 e la successiva determinazione del Direttore generale della Pianificazione Urbanistica dellAssessorato degli Enti Locali ed Urbanistica della Regione Sardegna, del 25 settembre 2007. Le stesse che, oltre alla riperimetrazione del centro dellArgentiera contenevano anche il nuovo centro matrice di Sassari.
Ritorno al passato. Si torna dunque ai Centri di Antica e Primaria Formazione individuati dal Ppr di Renato Soru del 2006, previsioni che i Comuni avevano la possibilit di rivedere nei mesi successivi, con delibere di consiglio come quella sassarese cassata dal Tar. Il problema che, se nel caso dellArgentiera, il perimetro di fatto intoccabile si era allargato a dismisura, nel caso della citt di Sassari invece la delibera ne aveva ridotto enormemente i confini, riportandoli alla parte storica della citt e tenendo fuori tutta la parte ottocentesca che il Piano paesaggistico regionale del 2006 aveva messo sotto tutela.
Congelati. La faccenda non di poco conto, e ha ricadute immediate. Basti pensare che qualunque pratica edilizia chiesta allinterno di un centro matrice ha necessit di unautorizzazione paesaggistica, pratica lunga da istituire, e anche costosa. Il ritorno ai confini del 2006, che di fatto coincidono con gran parte della zona abitata pi che raddoppiando lattuale superficie intoccabile, rischia insomma di congelare, a partire gi da oggi, qualsiasi intervento edilizio in citt. E di mandare in tilt gli uffici.
La via duscita. Chiaramente spiega lassessore e vice sindaco Gianni Carbini stiamo valutando tutti i possibili scenari. E lo stiamo facendo in stretto contatto con la Regione. Noi sapevamo bene che il piani urbanistico che abbiamo approvato aveva delle criticit. E che andavano risolte mettendo mano agli strumenti attuativi. Questa sentenza ci obbliga a rivedere anche altri aspetti e a intervenire quanto prima. Per non ingessare la citt. Per quanto riguarda lArgentiera invece cercheremo di ripartire da qui, sedendoci intorno a un tavolo e trasformando questa sentenza a noi sfavorevole in una opportunit.
Il piano. Difficile per ora capire quale sar la strada scelta. Partendo dal presupposto che un appello al Consiglio di Stato richiederebbe troppo tempo e non sarebbe comunque di esito scontato, lamministrazione potrebbe aprire un tavolo lampo di copianificazione con Regione e Soprintendenza, in cui prendere atto che la parte dedicata a Sassari nella delibera del 2007 non aveva nessun vizio di forma (in 10 anni non stato fatto un solo ricorso). Da l bisognerebbe rimettere in piedi una nuova delibera, farla passare in commissione e consiglio e poi spedirla in Regione, che dovrebbe deliberare a sua volta. Settimane di lavoro, ad andar cauti, durante le quali per il Comune potrebbe decidere di forzare, dando per scontato che la sentenza del Tar, che pur inequivocabilmente cassa tutta la delibera del 2007, non si riferisca anche a Sassari ma solo allArgentiera. E sperando che, nel caso in cui si decida di rischiare, nessuno impugni i provvedimenti assunti nel frattempo. Ipotesi da verificare con gli avvocati, e con la Regione che deve anche capire quanti centri matrice sono stati fatti usando lo stesso procedimento di quello dellArgentiera, e sono dunque rischio.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news