LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SARDEGNA -Dopo quattro anni dissequestrata la Torre dei Doria
di Giulio Favini
04 gennaio 2017 LA NUOVA SARDEGNA


Santa Maria Coghinas, lavori di restauro non a regola darte Il sindaco: Ora potremo almeno sistemare larea esterna


SANTA MARIA COGHINAS. stata dissequestrata dal giudice monocratico di Sassari la Torre dei Doria alla quale il Corpo forestale aveva messo i sigilli perch la struttura era pericolante e poco sicura per i visitatori. Con il provvedimento del magistrato, firmato il 21 dicembre del 2016, la fortificazione medievale viene riconsegnata a pieno titolo allamministrazione comunale di Santa Maria Coghinas, nelle mani del sindaco Pietro Carbini.
Sono passati quattro anni da quando la Torre dei Doria, uno dei gioielli del patrimonio artistico e culturale della Bassa Valle del Coghinas, venne sottoposto a sequestro da parte dell'autorit giudiziaria che ravvis diverse illegittimit nei confronti della ditta che aveva eseguito i lavori di restauro. Restauro che era stato finanziato dalle Regione con un contributo di 250mila euro.
Infatti, dopo un primo sequestro operato nel 2009 a causa dellabbattimento della cinta muraria risalente al 1200 per consentire ai mezzi di accedere al cantiere, i lavori erano proseguiti fino a ottobre 2012. In seguito un altro decreto di sequestro venne emanato dalla Procura di Sassari. In questultima circostanza veniva dichiarato lo stato di inagibilit a seguito di una visita ispettiva che aveva riscontrato alcune criticit nell'esecuzione dei lavori e la pericolosit strutturale della Torre. Infatti era stato appurato che erano assenti i parapetti e le protezioni di sicurezza a porte e finestre. Anche le scale realizzate in legno non erano a norma in quanto ripide e strette tanto da renderle pericolose per eventuali visitatori.
Abbiamo vinto una lunga battaglia afferma il sindaco di Santa Maria Coghinas, Pietro Carbini . Naturalmente ancora non potremo aprire la Torre ai visitatori perch permane lo stato di pericolo, per si potranno eseguire dei lavori allesterno e rendere fruibile larea circostante.
L'amministrazione comunale coghinese aveva chiesto il dissequestro pi volte per effettuare la pulizia del sottobosco, e la sfrondatura degli alberi che ricadono nell'area attigua al castello, sia per la prevenzione degli incendi sia a tutela del patrimonio archeologico. Infatti nel corso di questi anni il complesso fortificato di Casteldoria stato ricoperto da una manto di vegetazione che metteva a rischio l'integrit della stessa struttura, e questo fenomeno in particolare si stava verificando a carico della cisterna e dei ruderi presenti intorno al mastio pentagonale. Ora ci auspichiamo - conclude il primo cittadino - che entro la prossima primavera l'area antistante la Torre possa essere fruibile ai visitatori poi ci adopereremo affinch anche al suo interno possano usufruire degli spazi gli amanti di questo genere di tesori archeologici.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news