LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Trentino. Musei, Mellarini tende la mano
Alessandro Papayannidis
Corriere del Trentino 5/1/2017

Lassessore respinge le critiche: valorizzeremo letnografia. Simoni: periferie penalizzate

I poli museali potranno diventare quattro, introducendo quello delletnografia. E i soldi ai singoli musei continueranno a essere attribuiti dalla Provincia, non dal museo capofila come Muse o Mart. Tiziano Mellarini, assessore alla cultura, apre a modifiche sulla riforma del comparto. Critico Simoni (Progetto Trentino).
Riforma della cultura, Mellarini apre a modifiche: nessun prendere o lasciare, valorizzeremo letnografia

I soldi arriveranno ancora dalla Provincia, non li fisseranno i direttori. Ma occorre programmare lattivit

TRENTO. I poli museali potranno diventare quattro, introducendo quello delletnografia. E i soldi ai singoli musei continueranno a essere attribuiti dalla Provincia, non dal museo capofila come Muse o Mart. Tiziano Mellarini, assessore alla cultura, entra nel merito della riforma che sta facendo discutere lintero comparto. Non una proposta prendere o lasciare, spiega.

Il disegno di legge di riforma delle attivit culturali sta suscitando impressioni contrastanti tra gli addetti ai lavori. Uno dei punti pi controversi riguarda la creazione dei tre poli museali: scienze e cultura materiale, con il Muse capofila sovraordinato anche al museo degli usi e costumi della gente trentina; contemporaneit; storia e arte. Lo schema potr cambiare?

Il direttore del museo del museo degli usi e costumi della gente trentina, Kezich, lunico vero critico. Vorrei chiarire che nessuno vuole togliere spazio, importanza e forza alletnografia. Da parte mia c totale apertura, non dico prendere o lasciare sullattuale testo. La prossima settimana inizia liter in commissione, poi avremo le audizioni; non sono chiuso alle critiche, soprattutto se costruttive. in atto una contrazione delle risorse pubbliche ma, oltre a coltivare la dimensione regionale e interregionale, ad esempio con la danza o lorchestra Haydn, vogliamo valorizzare i tanti scrigni che abbiamo sul territorio. Nessuno ha intenzione di sminuirli.

Quindi i poli potranno diventare quattro? Potr nascere il polo delletnografia?

S, potrebbe. Valorizzeremo anche gli ecomusei.

Al di l delle proteste di Kezich, fa molto discutere nellambiente il cambio di schema. Prima la Provincia si rapportava con ciascun soggetto; dopo la riforma, si rapporter con il capofila di ogni polo museale. La gerarchia tra musei e relativi direttori, specie quando si devono distribuire risorse, nellambiente viene gi percepita come problema.

Come ha fatto notare al vostro giornale il direttore del Mart, Maraniello, alcune forme di razionalizzazione sono gi in corso. Vorrei spiegare una volta per tutte che la Provincia non dar il budget al museo capofila di ciascun polo; non sar il direttore del museo capofila, dunque, a distribuire le risorse agli altri musei del polo. Le risorse continueranno a essere distribuite dalla Provincia.

Allora a cosa serve creare i poli?

A far s che ogni settore realizzi una programmazione delle attivit evitando sovrapposizioni, definendo il calendario degli eventi, organizzando una promozione coordinata. I direttori devono parlarsi su queste cose. Allora s che si riduce la frammentazione.

Due questioni sugli spettacoli. La riforma prevede che il Centro Santa Chiara promuova, programmi e produca spettacoli su tutto il territorio provinciale: in periferia c perplessit. Secondo punto: i contributi del fondo per lo spettacolo saranno erogati per progetti triennali. Le realt meno strutturate dovranno rientrare in tale programmazione?

Non tutto sar organizzato dal Centro Santa Chiara. Quanto alla programmazione triennale, anche i finanziamenti saranno triennali. Del resto si sa che le boutade danno risposte una volta sola.

Lei propone che nel settore degli spettacoli i progetti finanziati, dopo essersi conclusi, siano valutati in base agli esiti. Come saranno misurati?

Chiameremo degli esperti e la loro valutazione sar qualitativa, la cultura non pu essere solo spettatori e incassi.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news