LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

IL KILLER DEL SACCO Un fiume e una valle nel disastro
di FULCO PRATESI
CORRIERE DELLA SERA ROMA 24-07-2005





Da sempre, almeno in Italia, fiumi, torrenti, fiumare, fossi, rogge e marane sono considerati i luoghi deputati per il rilascio di materiali ingombranti e dannosi. Rifiuti, detriti, scorie sono disinvoltamente recapitate nei corsi d'acqua, in omaggio all'interiezione corrente, almeno a Roma, con la quale alle persone sgradite o noiose si intima Vatt'a butta affttine.
E basta affacciarsi sulle rive di qualsia-si corso d'acqua per godere della vista di osceni gran pavesi di stracci e di plastica appesi ai rami dei salici.
L'episodio tremendo delle povere mucche lattifere uccise per aver bevuto l'acqua di un fosso presso Anagni, non che uno dei tanti episodi d'inquinamento mortale di cui le cronache, soprattutto estive, sono piene.
Come dimenticare, ad esempio, le ricorrenti morie di pesci nel Tevere in occasione di grandi piogge dopo mesi di siccit, morie dovute all'improvviso scarico nel fiume delle porcherie accumulate nelle marane, nei canali e nei fossi di scolo dell'entroterra da coltivatori negligenti, industrie fuori controllo, artigiani disonesti?
Ma in questo caso, pi che da rifiuti ammucchiati nel tempo, si tratta dello sversamento abusivo e criminale di una sostanza tossica. E chi ha inferito che possa trattarsi di cianuro non andato, secondo me, lontano dal vero.
Questo potentissimo veleno, caratterizzato (per chi legge i libri gialli) da un forte odore di mandorle amare, molto usato per molti processi industriali, soprattutto quelli legati al trattamento dei metalli. Molti fiumi dell'Amazzonia sono ormai privi di vita a causa del cianuro impiegato per l'estrazione dell'oro e dell'argento dai minerali.
Il rapido passaggio del veleno (quale esso sia stato) avr sicuramente provocato, prima di andarsi a diluire in quella ormai morta gora che il fiume Sacco, anche la completa eliminazione di ogni forma di vita acquatica presente in quello che era considerato un limpido ruscello. Uccelli, pesci, anfibi come rane e rospi, crostacei, insetti come libellule e damigelle, per anni non faranno pi la loro comparsa in queste acque.
Il disastro del Rio Mola di Santa Maria solo un altro tragico e vergognoso tassello della tragedia chimica che sta portando la Valle del Sacco ai livelli dei siti pi inquinati e mortiferi d'Italia, da Porto Marghera a Manfredonia, da Priolo a Gela, in un panorama che anno dopo anno diviene sempre pi preoccupante, investendo anche aree ove, ancora pochi anni fa, l'ambiente appariva integro nella sua rurale bellezza.
E ci vorr molto impegno per iniziare a tracciare una mappa, per quanto possibile completa, dei luoghi in cui la morte ancora annidata, e per predisporre un piano di bonifica come quello, ormai quasi completato, nella Valle della Bormida in Piemonte, per pi di un secolo assassinata dagli scarichi dell'Acna, una industria chimica dell'Appennino ligure.



news

11-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news