LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PRATO- L ' interporto risveglia la magia degli Etruschi
Claudia Riconda
DOMENICA 24 LUGLIO 2005 LA REPUBBLICA


PRATO A certi appuntamenti conia storia ci si arriva impreparati. Zappavo sugli etruschi e non lo sapevo. Ho lavorato per anni in quei campi. Ogni tanto spuntava un coccio, un pezzo di terracotta, ma pensavo fossero resti moderni, di una vecchi fornace. Chi poteva immaginare. Ci sono citt che dormono per un'eternit, venticinque secoli sprofondate nel sonno della terra. Non si sentono, non si vedono. Nessuno le cerca perch di loro non se ne ha traccia, n ricordi, n racconti. Cos invisibili da non lasciarsi neanche rimpiangere. Poi un giorno qualcuno le sveglia e te le ritrovi qui: tra i Gigli e la Perfetti Ricasoli.
In una landa di ortiche stretta da Prato, Campi e Calenzano, e tagliata da strisce d'asfalto dove i camion si fermano, caricano, e ripartono.
Qua dove Antonio Pezzenti, il pensionato che ha una casa bianca nel campo, zappava e perdeva il suo appuntamento con la storia.
Gonfienti una citt addormentata. Ha cominciato a svegliarsi nel '97, quando sono cominciati nella zona i lavori per l'interporto di Prato, il pi grande scalo merci della Toscana, e oggi in una specie di torpore. Si vede qua e l, si sgranchisce le ossa in mezzo alle erbacce: lunghe file di pietre bianche, i resti di una casa, tracce di strade, canali. Il resto sotto, in attesa di togliersi il peso dei secoli dalle spalle. Ma quel poco che emerso fa molto pensare e molto sognare gli archeologi della Soprintendenza toscana: hanno di fronte i resti di una delle pi grandi citt etrusche della storia. Marzabotto, la gemella al di l dell'Appennino, si estende per venti ettari.
Gonfienti forse qualcosa di pi. Lo fanno intuire le dimensioni delle strade, anche dieci metri di carreggiata, le robuste opere idrauliche, e le dimensioni degli edifici: a pochi passi dalla casa del pensionato ci sono i resti di un abitato di mille e quattrocento metri quadrati.

Una casa enorme, con porticato e cortile centrale, ambienti per le diverse attivit, anche di rappresentanza e commercio, che ha gi svelato molti tesori, tra cui piatti, buccheri, orci, scodelle, uno spillone di bronzo e un pezzo di anello. La zona vincolata dagli scavi per adesso sono venti ettari, per lo pi nel territorio di Prato, sette in quello di Campi.
Ancora non sono state trovate le necropoli, che probabilmente dormono sulla schiena della Calvana. Una citt grande, vivace di commerci, ricca, ma dalla vita breve: nasce e muore nel giro di due secoli. Dal VI alla fine del V avanti Cristo. Sparisce all'improvviso, nessuna fonte la cita. Cosane abbia determinato la fine, non del tutto chiaro: segni di devastazione non se ne vedono, n di tipo bellico, n legati a una piena che possa averla spazzata via. Il tetto della casa rinvenuta come se si fosse afflosciato su se stesso, schiacciando la casa. Probabilmente la fine fu determinata da una stagione di piogge straordinarie. Di fatto fu abbandonata spiega Gabriella Poggesi, direttrice degli scavi, l'archeologa esperta di etruschi acu sene deve il risveglio. Gonfienti va annusata, intuita, richiede uno sforzo di pensiero, ma a occhi ben spalancati: guardare l'oggi aiuta ad immaginarsi il passato.
L'attivit dell'interporto, con la piattaforma di stoccaggio delle merci, il brulicare dei camion, dei vagoni ferroviari, dei container, non altro che la versione moderna di quello che si faceva qui nell'antichit. E' il territorio a spingere gli uomini a fare certe scelte. Anche a distanza di secoli. Non un caso che si realizzi qui l'interporto: Gonfienti era, ed ancora, uno snodo cruciale spiega l'archeologa.

Gli etruschi se ne accorsero gi nel VI secolo avanti cristo: videro questa piana, tagliata dal Bisenzio e dall'Arno, l'Appennino subito addosso, e decisero di costruire qui la loro citt degli scambi. Una citt di nuovissima concezione: moderna, squadrata, lineare. Lambita dall'acqua, costruita qui proprio per l'acqua: Dal Bisenzio si arriva in Arno e dall'Arno al mare. Era questa l'autostrada dell'acqua di cui si servivano gli etruschi per trasportare fino al Tirreno i materiali che qui venivano estratti. Pietra alberese, rocce, minerali, il Monteferrato ne era ricco. Con un ulteriore sforzo ci si pu immaginare un'autostrada fluviale ancora pi lunga: una via d'acqua che collegava addirittura due mari, il Tirreno e l'Adriatico. Con due caselli principali: di qua Gonfienti sul Bisenzio e quindi sull'Arno, di l Marzabotto costruita sul Reno, gemella quasi in tutto, per et, concezione, piano urbanistico, come se l'una fosse stata creata per giustificare l'altra.


A dividerle l'Appennino, montagna aspra, ma in realt valicata grazie al valico di Montepiano, lunghi giorni di cammino, ma con punti sosta dove riposare e pregare, resti votivi sono stati gi trovati in passato lungo quella rotta. Le merci da una citt arrivavano via terra all'altra, e da l via fiume prendevano la via del Tirreno o dell'Adriatico. Oppure da Chiusi, sempre seguendo la traiettoria tra Gonfienti e Marzabotto, arrivavano fino a Bologna.
Oggi dalle zattere degli etruschi si passati ai camion e all'asfalto. L'interporto che ha risvegliato Gonfienti, ne segna anche il futuro. Non si fosse scavato per realizzarlo, gli etruschi starebbero ancora l sotto a dormire. Ma i ritrovamenti archeologici hanno costretto a rivedere lo sviluppo dell'intera area industriale: il progetto interporto, che si estendeva su ottanta ettari di terreno, stato modificato, lo sviluppo non pi circolare, ma lineare, gli edifici previsti dove ora si scavano i resti saranno realizzati in altre aree. Poteva essere una guerra dei mondi, tra presente e passato, tra due beni pubblici ugualmente importanti, ma in antitesi. Il primo sopralluogo ai resti, nel '97, si svolse in un'atmosfera di grande tensione: sapevo di avere davanti qualcosa di importante, ma non sap evo se saremmo riusciti a difenderlo dai grandi interessi in gioco con l'interporto dice Poggesi. Alla fine ha prevalso il buon senso e la collaborazione. La societ dell'interporto, a prevalenza pubblica, ha finanziato gli studi geofisici sui lotti interessati dai lavori e dagli scavi, e ha messo a disposizione della Soprintendenza alcuni locali dove adesso lo staff di Poggesi svolge l'attivit di recupero e catalogazione dei materiali rinvenuti.
Di fatto per la citt invisibile torner ad essere visibile, e in parte lo gi, in un'atmosfera surreale: grandi chiazze di etruschi sparse in mezzo ai container. Per questo vederla dall'alto, con tutti i suoi reticoli e i suoi canali, forse sarebbe la cosa migliore. Magari con una teleferica che arrivi sulla collina, a Poggio Castiglione, sopra Pizzidimonte, dove fu trovata nel 1753 la statuetta dell'Offerente, un bron-zetto etrusco ora al British Museum di Londra. L'ideagi circola. E' qui sulla montagna, alle spalle di Gonfienti che dormicchia a valle, che Giuseppe Centauro, docente di restauro all'universit di Firenze, convinto che siano sepolti i resti dell'antica e mitica Camars: la grande citt madre degli etruschi. Laver Chiusi qua: ne sono certo.

Un'altra citt ancora pi invisibile.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news