LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FIRENZE: All'Accademia niente controlli "Non abbiamo il guardaroba"
SIMONA POU
La Repubblica, Cronaca di Firenze, 23 luglio 2005


I turisti in coda entrano con gli zaini in spalla ma nessuno ci guarda dentro


IL RAGAZZO alto e biondo sfoglia lHerald Tribune svogliato sotto il sole, ormai manca solo qualche metro all'ingresso della galleria, ce l'ha quasi fatta, tra pochi minuti vedr il David di Michelangelo, qui per questo, come tutti gli altri in fila dietro di lui, il solito serpentone di pazienti turisti in coda lungo via Ricasoli che gira l'angolo di via degli Alfani e arriva fin quasi all'incrocio con via de' Servi. Quattromila persone sono la media quotidiana. Ogni giorno dell'anno, ogni ora del giorno ma oggi non un giorno qualunque, anche se l'edizione del Tribune non ha fatto in tempo a battere la notizia dei novanta morti di Sharm e qui la gente tranquilla, i bambini escono dalla fila per giocare a palla e usano gli zaini dei genitori come sgabelli per riposarsi, perch nessuno in questo momento pensa che uno zaino potrebbe nascondere una bomba innescata: 0 che la stessa Accademia si potrebbe trasformare una trappola per topi.
Chi sa, invece, non sta per niente tranquillo. Noi siamo inchiodati qua tutto il giorno, dice la venditrice di souvenir del banchetto di fronte all'ingresso, e cominciamo ad avere paura. Anche perch i turisti che hanno zaini e borse troppo grandi vengono bloccati dai custodi e allora ci chiedono di parcheggiarli qui fino alla fine della visita. Qualche volta diciamo s e qualche volta no, credo che da ora in poi ci guarderemo dentro prima di accettare. I controlli per si vedono, la Guardia di finanza passa in continuazione per far sgombrare gli ambulanti. In effetti non ce n' pi traccia, tappetini di orologi, borse, ed, suonatori e madonnari che avevano eletto via Ricasoli a residenza fissa sono scomparsi, a nessuno pi consentito di stazionare tenendosi accanto i valigioni con la merc. Dentro l'Accademia, per, entra di tutto. Non abbiamo spazio per ospitare un guardaroba in grado di contenere quattrocento zaini, spiega un'addetta alla sicurezza del museo, ma stiamo aspettando che installino il metal detector, ormai questione di giorni. Nell'attesa nessuno viene perquisito, si entra senza incontrare ostacoli, il rischio attentati non ha cambiato le abitudini. Le guide turistiche intuiscono meglio di chiunque altro i luoghi del pericolo: Mi preoccupa in particolare piazza del Duomo, confessa l'accompagnatrice di un gruppo di americani, da quando all'ingresso della Cupola aprono gli zaini, invece di venti minuti si sta in coda anche pi di un'ora, c' troppa gente concentrata in quello spazio, per un kamikaze potrebbe rappresentare un facile bersaglio. Agli Uffizi e a Palazzo Vecchio invece il metal detector in funzione da tempo, anche se il problema delle file non stato ri-
solto neppure in piazza della Signoria.
Difendersi dai suicidi che si fanno esplodere difficile se non impossibile. Altre citt d'arte in Toscana considerate possibili obiettivi nel mirino dei terroristi, mettono in campo barriere fisiche pi o meno robuste. Pisa, per esempi o, ha circondato piazza dei Miracoli con delle cancellate di metallo alte un paio di metri, due in via Roma e via Cardinal Maffi e un'altra alla Porta sulle mura di piazza Manin, quella che lambisce l'ospedale Santa Chiara. Era stata ipotizzata anche un quarto sbarramento in via Santa Maria, forse il punto pi panoramico sulla piazza, racconta il sindaco Paolo Fontanelli, ma sia la Sovrintendenza che il Comune hanno ritenuto antiestetico l'intervento. E cos la cancellata stata sostituita da balaustre di ferro che impediscono l'accesso a tutto il traffico privato (solo i mezzi di soccorso possono circolare in caso di necessit) e lasciano passare solo pedoni e biciclette. I cancelli sono sempre aperti, mette in chiaro Fontanelli. Solo in situazione di allarme motivato sarebbero chiusi per permettere alla polizia di controllare gli ingressi. Da quando avvenuta la strage dei Georgofili la piazza monitorata da un capillare sistema di telecamere, anche se qualche giorno fa un cronista del Tirreno con un inganno riuscito a portare uno zai-netto in cima alla Torre, sfuggendo ai controlli, una svista che certo non si deve ripetere. Comunque a Pisa continueremo e intensificheremo i rapporti con le comunit degli immigrati per portare avanti gli interessi che ci uniscono, con la ferma convinzione che il terrorismo il nemico comune.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news