LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PUGLIA: Sulle tracce dei pirati di ulivi -
P. Berizzi D. Carlucci
La Repubblica, Cronaca di Bari, 24/07/2005

Vendono al Nord piante secolari e pezzi di trulli. In arrivo una legge pi severa

Gli scafisti della natura partono all'alba e arrivano dinotte. Coniloro tir carichi di alberi alberi vecchi anche mille anni di muretti a secco, pietre calcaree, cespugli, pezzi di trulli, solcano le autostrade aggirando i controlli. Se noncisono intoppi, consegnano in giornata. Fanno un lavoro clandestino e tuttavia pesante: smontano il paesaggio, lo frantumano, segnano i pezzi uno per uno, come un mosaico. Poi lo ricostruiscono. Migli aiadi chilometri pi a nord.
In Brianza, Veneto, Germania.
Immaginate un trullo nelle e amp agne di Amb urgo. Oppure un muretto a secco e dei bei
cespugli di gariga nel parco di un villone di Usmate. Tutto questo possibile: basta pagare, e bene, e i contrabbandieri del verde mettono le ruote alla natura millenaria. Spiantano ulivi germogliati nel medioevo; spogliano le Murge della loro pietra naturale; saccheggiano chilometri di costa, da Fasano a Castellaneta. Poi riempiono i camion e trasportano la loro bizzarra mercanzia lontano lontano. Predoni di professione e su commissione, si muovono dentro la macchia mediterranea con la disinvoltura dei rapaci notturni.

Smantellano trulli e muretti a secco, sradicano alberi e li caricano sui tir: "Fanno di tutto pur di averli nelle loro ville"
II business dei pirati della Murgia "Quelli del Nord ci coprono d'oro"

MA HANNO la mano pesante, vanno gi decisi: tirano fuori gli ulivi con gli escavatori, sventrano il terreno rossastro con gli scalpelli. Lavorano solo dopo il tramonto, oppure all'alba, al riparo dagli sguardi delle guardie forestali. Sradicano la storia e la piantano da un'altra parte. Tagliano le radici, i rami, le foglie. A volte la storia la taroccano: sulle piante da piazzare mettono cartelli con scritto "Albero secolare, et stimata settecento, ottocento anni".
Ma l'ulivo magari non arriva ai cento. Della legge, i contrabbandieri di paesaggi se ne infischiano: anche perch la legge un colabrodo. La normativa proibisce tassativamente l'espianto degli ulivi, ma poi concede una serie di deroghe: si possono portare viagli alberi dove previstala realizzazione di una zona industriale, oppure se le piante possono provocare danni al resto dell'uliveto.
Risultato: basta un permesso dell'Ispettorato provinciale all'agricoltura, ed fatta. Dichiari che stai spiantando l'ulivo vecchio, magari perch malato, per ripiantare quello nuovo: e gi che ne togli uno ne togli venti. Le pene previste non sono un gran deterrente. Un camionista di Locorotondo stato sorpreso a Pescara dalle guardie forestali con due piante di ulivo da trasportare in Veneto: se l' cavata con unamulta da ottomila euro. Gli ispettorati provinciali avolte concedono le autorizzazioni con il contagocce [per esempio in provincia di Brindisi), in altri casi sono di manica larga. A Castellana Grotte, per esempio, una societ, la Cocal, ha chiesto di sradicare 192 ulivi: l'Ispettorato ha concesso l'autorizzazione per 350.
Egnazia, Fasano, Cisternino, Ostuni, Castellana Grotte. Il viaggio dei venditori di paesaggi chiavi in mano comincia da queste terre. Qui gli ulivi secolari sono sculture vegetali. Hanno rami contorti, tronchi deformati dal vento che mimano il trascinarsi dei vecchi contadini nelle piazze dei paesini dell'entroterra. Le cortecce sono rugose, si contraggono in smorfie. A guardarle da vicino, queste sculture, si capisce perch ora sul mercato valgano cos tanto: le pi antiche c' chi prova a venderle anche a ventimila euro. Abbiamo seguito la tratta degli ulivi. Si comincia dal contatto con Angelo, tramite un vivaista. Gli spieghiamo cosa vogliamo: un bel po' di ulivi per farci, a Bergamo, un giardino mediterraneo. Lui ci pensa su, fa la faccia del commesso della boutique che indovinai desideri del cliente: Posso offrirvi molto di pi. Ci porta in n angolo tranquillo di campagna pugliese, un pezzo di Murgia dove si sente solo il fischio del vento agitare foglie e frutti che butteranno olio. Ci sono ulivi nodosi, file di muretti a secco e trulli, cespugli di gariga, di rosmarino, di lentisco. Noi possiamo ricostruire questo paesaggio su da voi, tale e quale. Assicurato e con garanzia: se gli alberi seccano li cambiamo dice Alla fine del lavoro confrontiamo le foto del paesaggio reale e di quello artificiale. Mi dir qual meglio.
Eccolo, il paesaggio chiavi in mano. Angelo pronto a darci tutto. Gli ulivi? Conosco uno a Ca-stellaneta che ne ha appena venduti tantissimi. Trenta sono andati a Udine, altri trenta a Mode-na. Sono vecchissimi, hanno quattrocento anni. Anche lui ne
haunadecinapronti per la vendita. Sono esposti sul ciglio della strada, gi spiantati e ripiantati in contenitori di plastica, con le radici e tutto. Gli alberi sono "sagomati": significa che i rami e le foglie sono stati potati per facilitare il trasporto sui camion. Questi dell'entroterra sono pi resistenti ai climi rigidi del Nord.
Gianfranco Ciola, agronomo di Legambiente, spiega: Dal punto di vista botanico, come se gli ulivi rinascessero sulle proprie ceneri. Il legno nuovo si ricrea intorno a quello necrotizzato, dunque come un morto che rivive su se stesso. Anche per questo impossibile datarli con certezza. I piazzisti per li mettono sul mercato con la loro et presunta: seicento, settecento, ottocento anni. E ogni secolo fa lievitare il prezzo. A pochi chilometri da Santeramo, in una masseria, c' un uomo sulla cinquantina, gli occhi e i denti storti, la pelle indurita dal sole, l'italiano zoppicante. Nello stazzo, contenute da robusti recinti di ferro, centinaia di pedane con quintali di pietre. Sono le pietre della Murgia. Altra merc proibita, il cui scavo severamente vietato nell'area del nuovo parco e nelle zone protette. Coni carabinieri facciamo sempre discussioni, mapoi ce la caviamo sempre, dice l'uomo. Indica un trullo gi smontato: Ve lo do a duemila euro. Insieme con tutte le pietre che
' volete, e con gli ulivi. Guardate l che piante.... Gli ulivi, gi imballati, sono in partenza per la Germania. Prima di congedarsi, il commerciante ci lascia il suo biglietto da visita: "Vendita rocce ingrosso dettaglio". lui che detiene, da queste parti, il monopo-lio di quelle pietre aguzze che i latini chiamavano murices e che hanno dato il nome alla Murgia. Sulla statale che collega Corato ad Andria ce n' un altro. Frequento ogni giorno quella strada per lavoro spiega Piero Castoro, il presidente del Centro studi Torre di Nebbia, che s' battuto per la nascita del parco e vedo interi
tir che portano via carichi di pietre gi imballate.
La scomparsa di trulli e muretti a secco un fenomeno in crescita in Puglia. A Pozzo Faceto, vicino a Fasano, un complesso di trulli in perfetto stato di conservazione stato raso al suolo, le pietre messe in vendita al miglior offerente. Le chianche, le tipiche basole del centro storico di Bari, vengono rubate durante i lavori di ripavimentazione e vendute per adornare le ville. Il tutto a rischio basso. Angelo, il nostro venditore di paesaggi, per rassicurare non usa giri di parole: Dobbiamo solo fare attenzione agli ambientalisti.... Racconta che i proprietari dei terreni si affidano ad appaltatori che normalmente cercano di vendere gli ulivi buoni. Li vanno a sradicare. Alcuni non riescono a sradicarli, si rompono e vanno a legna, a nove euro al quintale. Ma quelli buoni vanno alla grande. Primagli ulivi non vai evano niente. Come i trulli, un tempo considerati solo inutili cumuli di pietre. Poi sono arrivati i turisti inglesi e il giardino mediterraneo ha rimpiazzato quello tropicale. Alla fine del giro gli chiediamo un preventivo. Pronti. Portare via un pezzo di Puglia costa 150mila euro. La cifra comprende: venti ulivi a quattromila euro l'uno; il trasporto; una settimana di manodopera per tre giardinieri che verranno a piantarli; trenta enormi massi che fanno "effetto Murgia" [35mila compreso il trasporto); cinque casse di pietre da giardino; diecimila euro per il trullo, dieci melograni, un carrube. In regalo vi do anche un pero selvatico.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news