LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Italia, la Penisola dei tesori. La mappa
Massimo Centini
Avvenire 22-LUG-2005

Ci fu un tempo in cui, per accedere nell'antro del tesoro, era sufficiente la fatdica frase: Apriti Sesamo. Oggi invece i tempi sono cambiati, e i moderni cacciatori di tesori non si servono pi di parole magiche come faceva Ali Bab, bens di apparecchiature elettroniche per scoprire metalli e affini sotto la superfcie o in mare. Tesoro: una parola che stimola l'immaginazione. Vi si connettono figure, luoghi e persone che spesso provengono dal mito e dalla fantasia. Eppure monete, pietre preziose, gioielli e beni di ogni genere, quasi sempre abbondanti e senza un apparente proprietario, si celano davvero poco lontano da noi, forse sotto i nostri stessi piedi. L'Italia non scherza: il suo sottosuolo e i mari sarebbero pieni di oro, argento e pietre preziose che attendono solo di essere riportare alla luce. Insomma, dei tesori che in tempi di recessione possono costituire un'interessante alternativa di lavoro, pur tenendo conto che il tesoro non appartiene ipsofacto a chi lo ritrova. Quantomeno non tutto. Possiamo partire dal quasi mitico tesoro del re etrusco Porsenna, di cui abbiamo notizia attraverso Plinio il Vecchio che cita Varrone: si tratterebbe di un corredo funebre sepolto con il re nel sottosuolo della citt di Clusium (Chiusi). Dove si troverebbe questo sito risalente al V secolo a.C. Sempre secondo Plinio non sarebbe difficile riconoscerlo poich: sulle fondamenta si alzano 5 piramidi (...) sulla cima, ognuna reca un disco di bronzo a cui pendono campanelle che risuonano ad ogni alito di vento... Tra l'altro, a Chiusi c' chi sostiene che il sarcofago del re etrusco sia costituito da un cocchio d'oro di grandi dimensioni e finemente decorato. Il sito sarebbe raggiungibile attraverso un non labirinto che fu scandagliato anche da Leonardo da Vinci.
A Castel Bolognese si troverebbe invece l'immenso patrimnio nascosto da Stefano Pelloni (1824-1851), alias Passator Cortese. Sulle sua gesta la fantasia popolale si sbizzarrita creando leggende che affascinano locali e turisti. In questo florilegio di miti troviamo anche quello del tesoro costituito dai tanti bottini che Pelloni in pochi anni di attivit fu capace di raccogliere. Ma saliamo al nord, non lontano da Como, a Dong dove si favoleggia ancora oggi sull'oro (in realt costituito da 1 miliardo di lire e altre valute, oltre a 103 chili d'oro) che era al seguito del Duce in fuga. Se tanta ricchezza sia finita nelle casse del Pci, nelle tasche di abitanti del luogo, o sia in fondo al lago, un mistero.
Quella dei tesori sommersi una storia in cui il mito e le leggende si sono conformati fino a costruire un universo ricco d'inestinguibile vitalit. Ad esempio, al largo di Albenga, in Liguria, c' il relitto di una nave romana da cui sono giunti importanti reperti; anche l'arcipelago dell'Elba ha restituito tesori archeologici, come la nave scoperta nel 1982 davanti all'isola del Giglio. Numerosi i relitti intorno alle coste della Sardegna. Uno tra i punti che gli esperti considerano pi importanti si troverebbe nei pressi dell isoletta di Spargi, dove si trova una nave romana affondata nel II secolo d.C. Scendendo verso sud ecco Baia, in Campania, dove riposano alcuni relitti greci e romani. Molto ricca di tesori sommersi la Sicilia, in particolare il mare di Gela, l'isola di Lipari, Punta Scaletta. Nel mare di Avola sarebbe affondata nel XVI secolo una galea carica d'oro e d'argento: nessuno ancora riuscito a rintracciare quell'ambito carico. Nessuna traccia anche di un altro tesoro la cui entit resta un mistero: quello trasportato sul piroscafo Poi-luce che nel 1841 allargo dell'isola
d'Elba fu speronato dal vascello postale Mongibello. Sembra che le sue stive contenessero notevoli quantit di oro e argento, forniti da nobili russi con interessi nell'unificazione della Penisola: un tesoro per finanziare i carbonari. Nel 2000 un gruppo di cacciatori di tesori inglesi si immerso portandosi via un bel po' di gioielli e monete dalla carcassa del Polluce: quei beni sono poi finiti all'asta a Londra, ma Scotland Yard ha recuperato la refurtiva. Nell'area di Ventimiglia si troverebbe invece il tesoro dei Saraceni, frutto delle razzie compiute tra il IX e il X secolo, e che interessarono le coste della Francia, Liguria e Piemonte. Spostiamoci a Cosenza dove si troverebbe la tomba di Alarico che, dopo aver guidato i Visigoti in Italia e saccheggiato Roma per tre giorni, mor nel 410. Nella sua tomba vi sarebbe un ricco corredo cui anelano appassionati archeologi e... tombaroli. Secondo il parere degli esperti il sepolcro andrebbe cercato nel territorio di Mendicino: si dovrebbe scavare nei pressi di una grande croce scolpita nella roccia. Se la tesi si rivelasse esatta, vorrebbe dire che Alarico non fu seppellito sul Busento, come sempre si ipotizzato, ma in un altro luogo, comunque all'indomani del sacco di Roma. In effetti va oggettivamente constatato che poco razionale immaginare che gli uomini di Alarico, alla morte del loro sovrano, abbiano deviato il Busento, scavato una fossa nel letto del fiume, quindi seppellito il re con il suo tesoro e poi ripristinato il normale corso delle acque.
E per restare in tema di barbari: ricordiamo che si favoleggia anche intorno al presunto tesoro di Federico Barbarossa che avrebbe lasciato da qualche parte nei pressi di Stradella una serie di forzieri contenenti il frutto della sue imprese in Italia. Pure l'iniziatore del regno feudale nell'Italia del Nord, Berengario marchese del Friuli, aveva una particolare sensibilit nell'accumulare tesori altrui: si dice che ne nascose in varie parti del nostro Paese. L'unico che dovrebbe avere qualche attendibilit si troverebbe nei pressi di San Leo. All'inizio del XIV secolo, Valsesia e Biellese furono travolte dalle imprese dell'eretico Fra Dolcino che semin il terrore non solo tra i membri del clero ma anche tra i contadini, che spesso furono vittime della sua furia distruttiva e delle sue razzie. Aveva stabilito il suo ultimo rifugio alla cosiddetta Parete Calva, posta tra Rassa e Campertogno, dove si era asserragliato con i propri fedeli. Qui, narrala tradizione popolare, avrebbe sotterrato molte delle ricchezze accumulate: un vero e proprio tesoro che per non venne pi rinvenuto poich nel marzo 1307 Fra Dolcino e i suoi collaboratori furono arrestati e condannati al rogo.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news