LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Una bretella stradale che va a tagliare il viale di una villa del Settecento. E a Piacenza esplode la polemica
Patrizia Soffientini
L'Espresso 28-LUG-2005

Gioiello architettonico con tangenziale annessa. Sulla sorte della settecentesca Villa Serena nelle ultime settimane si combattuta un'aspra battaglia. Nel dubbio penoso se difendere la bellezza o contrastare l'inquinamento da traffico, a Piacenza, piccola capitale delle macchine utensili, in gioco l'integrit del palazzo dallo sfregio di una "bretella" provvisoria alla tangenziale, gi appaltata dal Comune per alleggerire il traffico di attraversamento e dar ossigeno a certi punti critici della viabilit cittadina. Ma il raccordo rischia di deturpare una pianura padana ancora intatta, costellata di corti rurali, la scenografia naturale del monumento alle porte della citt. E ora il ministro per i Beni culturali Rocco Buttiglione sembra deciso a porre un vincolo esteso sulla campagna intorno.
Il Casino Scribani, poi Villa Serena, nato come luogo di villeggiatura, un imponentite edificio progettato da un geniale quanto misconosciuto architetto piacentino, Giuseppe Cozzi (1671-1712), allievo di Ferdinando Galli Da Bibiena. Cozzi ne fa il suo capolavoro: sceglie la prospettiva "ad angolo" ereditata dal maestro bolognese e propone un edificio unico, teatrale, imprevedibile. La risposta emiliana al barocco romano, secondo il parere di Anna Maria Matteucci, studiosa per eccellenza dell'architettura emiliana del periodo. Al rigore esterno della costruzione - spiega l'esperta, prima firmataria di un appello a difesa della villa - risponde un interno straordinariamente mosso e leggero, gonfio d'aria, gi rococ, con uno strepitoso doppio scalone speculare sospeso nel vuoto, che per bellezza tra i primi in Italia, L'edificio, gelosamente custodito dai proprietari e poco conosciuto ai piacentini, non mai stato aperto per visite culturali. Cos gli umori degli abitanti di una citt tra le pi inquinate d'Italia sono tiepidi quando scoppia la polemica. Vale a dire quando il sindaco ulivista Roberto Reggi, ereditando l'attuazione di un piano regolatore decennale adottato da un'amministrazione di centro-sinistra e approvato da una di centro-destra, e senza che mai nessuno sollevi la minima obiezione sul punto, pronto a partire con picchetti per far costruire la famigerata "bretella", larga quindici metri e lunga meno di un chilometro, che taglia in due i trecento metri dello stradello d'accesso alla villa. Si tratta di collegare l'infelice tangenziale - mai finita da trentanni, mai valutata nell'impatto ambientale - ad una arteria di scorrimento esterno, oltre a servire un insediamento artigianale e commerciale spuntato
nel frattempo. E in men che non si dica, il sindaco si trova a fronteggiare una schiera agguerrita di oppositori. La proprietaria, Maria Angela Lillo, da battaglia legale, con due ricorsi al Tar contro gli espropri dei terreni e chiede un vincolo alla Soprintendenza. Si scatena Vittorio Sgarbi, che ha eletto Piacenza a sua citt preferita e di recente vi ha curato la mostra su Gaspare Landi: Il sindaco non un podest e quell'opera barbara, quell'insulto alla civilt, va fermata tuona. Arrivano la levata di scudi di Italia Nostra, Fai e Legambiente e gli appelli assortiti di intellettuali, opinionisti e storici dell'arte per proteggere l'integrit paesaggistica della villa. L'unico conforto, Reggi lo trova tra i sindaci dei paesi congestionati dagli incolonnamenti di auto e camion provenienti dalle valli e dalla via Emilia. Il raccordo utile per combattere l'inquinamento - si difende il sindaco -. La villa ci sta a cuore. Ben venga un vincolo, ma pi protetta dal cemento tenendola al di fuori del raccordo, dove il piano regolatore vieta di costruire. E poi oltre duecento metri di stradello bastano e avanzano per rispettarne il contesto.
In attesa dell'attuazione di un progetto viabilistico definitivo, molto pi esterno, molto pi costoso e forse per questo gi destinato ad impantanarsi, il passante temporaneo rischiava di aprire una ferita non rimarginabile su un territorio che, come tanti altri in Italia, si illude di poter investire contemporaneamente sugli agriturismi e sui capannoni. Nella cittadina sulle rive del Po fondata dai romani e sede del ducato famesiano, oggi tartassata dai canneti dell'Alta Velocit, tra le prime d'Italia per ricchezza e tra le ultime per qualit dell'aria, la battaglia di Villa Serena una sorta di simbolo nazionale di quanto sia difficile decidere la Linea Gotica tra asfalto e campagna, tra bellezza e utilit pubblica.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news