LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Italia in testa alla lista del patrimonio mondiale
Emanuela Lancianese
ItallaOggi 22-LUG-2005

A Durban il via libera all'inserimento di Siracusa nell'elenco. E la Sicilia arriva a quota cinque Unesco: l'Italia il paese pi bello

Nella lista del patrimonio mondiale al primo posto con 40 siti


Appena sbarcata a Durban (Sudafrica) la delegazione italiana ha messo a segno un colpo formidabile: l'inserimento di Siracusa e delle necropoli rupestri di Pantalica nella lista del patrimonio mondiale dell'Unesco.
Un bel primato raggiunto durante la 29a sessione del comitato che ogni anno decide quali siano in tutto il mondo le meraviglie culturali e paesaggistiche del pianeta meritevoli della tutela accordata dalle Nazioni Unite e dell'impegno di tutti i popoli alla loro salvaguardia.
Un primato appunto per la Sicilia, che ospita cos il quinto sito inserito nella lista Unesco, oggi composta da 628 nomi, e per l'Italia, che sale al top dei paesi presenti in graduatoria con 40 luoghi protetti.
Per restare nell'isola siciliana i primi due posti a essere stati inseriti sono stati, nel 1997, l'area archeologica di Agrigento e la villa romana del Casale a Piazza Arme-ina.
Il prezioso riconoscimento stato poi conferito alle Eolie (2000) e infine alle citt tar-do-barocche del Val di Noto (Sicilia sud-orientale) nel 2002.
L'iscrizione di Siracusa e le necropoli rupestri di Pantalica si giustifica, secondo gli esperti, in quanto colonia della Magna Grecia che occup il territorio della civilt preistorica di Pantalica, divenendo presto il pi importante centro della cultura greca del Mediterraneo.
Primeggi anche sulle rivali Cartagine e Atene diventando residenza di importanti personaggi del pensiero e dell'arte dell'antichit, quali Pindaro, Eschilo e Archimede. La stratificazione umana, culturale, architettonica e artistica che caratterizza l'area di Siracusa, si legge nella motivazione del riconoscimento, dimostra come non ci siano esempi analoghi nella storia del Mediterraneo: dall'antichit greca al barocco la citt un significativo esempio di un bene di eccezionale valore universale.
una conferma dell'apprezzamento verso la nostra metodologia, ha dichiarato Nicola Bono, sottosegretario ai beni e attivit culturali, titolare della delega per l'Unesco, che ha posto al centro delle proprie candidature la strategia legata alla redazione dei piani di gestione.
Nel 2001 l'Unesco ha imposto infatti che gli stati all'interno dei quali si trovano i siti mettano a punto piani di gestione articolati in funzione degli aspetti economici, finanziari, ambientali e paesaggistici.
Un vincolo fatto da regole specifiche, con l'obbligo, tra l'altro, di rendere conto all'Unesco di ogni modifica dei luoghi protetti, pena l'espulsione dalla lista, che punta alla salvaguardia di bellezze non solo culturali.
Nel corso della valutazione del sito effettuata da esperti internazionali nei mesi scorsi, ha aggiunto il sottosegretario, stata messa in evidenza proprio l'alta qualit del piano di gestione presentato, da considerarsi come un modello di tale tipologia di strumento.
Senza l'adozione di misure strutturali di lunga durata, infatti, il rischio di disperdere i benefici legati a questo riconoscimento, che genera nel primo anno dalla sua concessione un aumento dei flussi turistici pari al 30%.
una stima che possibile fare per le localit pi legate al turismo culturale perch altrove, per esempio a Catania (anch'essa parte, come Ragusa, dell'area protetta sud-orientale), alta anche l'incidenza del turismo congressuale che chiaramente non influenzato dal prestigio di questo premio, precisa Ma-riella Miti, sovrintendente dei beni culturali a Siracusa, che ha al suo attivo un altro Guinness: essere riuscita a ottenere l'inserimento nella lista Unesco di nove siti italiani candidati.
La bellezza e l'unicit dello straordinario patrimonio storico, artistico, architettonico e naturalistico di Siracusa e delle necropoli rupestri di Pantalica, ha proseguito Nicola Bono, coniugate quindi con un piano di gestione apprezzato dagli stessi ispettori internazionali hanno garantito l'ambito e meritato risultato, che conferma come lo sviluppo della Sicilia sud-orientale sia sempre pi legato alla valorizzazione del comparto turistico-culturale.
E gli obblighi imposti dal-l'Unesco hanno gi dato i primi risultati: lo scorso anno stata evitata la costruzione di 12 alberghi nelle isole Eolie e questo mese l'amministrazione siciliana ha bloccato le perforazioni avviate in provincia di Siracusa.
Per la gestione dei siti comunque possibile il coinvolgimento dei privati, oltre ai piccoli comuni, che intendano integrare e allargare ai vicini i propri piani regolatori urbanistici e paesaggistici.
un modo per attrarre i turisti producendo benefici nel modo pi esteso possibile.
L'Unesco ha il compito di rafforzare il rapporto con le realt locali, mettendo al servizio dei comuni assistiti la propria consulenza tecnica.
Hanno cos buone chance anche i restanti 46 siti italiani che sono in lista d'attesa.
L'iter prevede infatti un aggiornamento quinquennale della lista operata dal ministero dei beni culturali che ha cura di presentarla all'assemblea annuale dell'Unesco.
Gli ispettori dell'agenzia devono visitare di persona i siti prendendo visione anche del dossier che contiene la gestione e i programmi di salvaguardia adottati e da adottare.
Quindi il plenum del comitato per il patrimonio mondiale ad adottare la decisione finale.
Dal prossimo anno, su proposta italiana, la novit sar quella di un duplice riconoscimento: ci saranno infatti due candidature, una per i siti naturali e l'altra per quelli culturali.
E negli ultimi anni l'onore dell'inclusione nella lista toccato ad Agrigento, seguita dalle isole Eolie, dalla villa romana del Casale a Piazza Armerina e dalle otto citt barocche della Val di Nono.
La prima, in quanto splendida colonia greca fondata nel VI secolo a.C, stata una delle principali citt del bacino mediterraneo.
Alla villa romana del Casale a Piazza Armerina attribuito invece il fulcro di un ampio possedimento su cui si fondava l'economia rurale dell'impero romano d'Occidente, di cui la villa uno degli esempi pi lussuosi di architettura monumentale.
Alle Eolie, da sempre il paradiso dei vulcanologi di ogni parte del mondo, si affiancano in splendore le citt tardo-barocche del Val di Noto Caltagirone, Militello Val di Catania, Catania, Modica, Noto, Palazzolo, Ragusa e Scicli.
Quest'anno le ultime iscrizioni decise dal comitato sono state 17 su 42 candidature. Tra le altre, il centro storico di Macao in Cina, il quartiere del vecchio ponte di Mostar in Bosnia Herzegovina e il centro della citt francese di Le Havre. (riproduzione riservata)



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news