LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

N'ALBERO IN UN QUARTIERE ANNOIATO
NICOLA PAGLIARA
12 novembre 2016 LA REPUBBLICA






N'ALBERO, "a cui tendevi la pargoletta mano." suona male, forse Di Giacomo avrebbe trovato un acronimo pi appropriato al canto disperato di Giosu Carducci. Ma intanto N'Albero si far e gi il 51% dei cittadini felice e contento di questa trovata d'artista in gara con l'altra di Salerno di altrettanta innegabile suggestione.

Qualcuno protesta, ma per lo pi sono gli ultranovantenni, come ha ipotizzato il soprintendente, legati alla conservazione dell'habitat e allo skyline della nostra costa.

L'altro 49% non si spaventa perch fa parte di quella "minoranza silenziosa" che di fatto "se ne fotte" di qualunque cosa accada in citt. Di conseguenza il nostro popolo spaccato in due e questo potrebbe essere un bel segno di democrazia: Guelfi e Ghibellini, il mondo non cambia mai.

L'animosit e la vivacit intellettuale non si dimostra, per in tutti i casi e si preferisce farsi scivolare addosso ogni decisione che i nostri governanti, tanto poi a conti fatti, si potr criticare in piena libert.

Il caso recente nella polemica su "N'Albero" ne la prova lampante.

Ragioniamo per un momento: il centro storico cade a pezzi nell'indifferenza totale, avendo trasformato in folklore turistico da "suk" un disastro urbano; piazza del Plebiscito una landa anonima e senza riferimenti che permettono di attraversare in lungo e in largo come un puzzle, il cui risultato il vuoto assoluto.

La nuova via Marina segnata da alti Washingtonia, una volta ultimata ci dar la sensazione di trovarci in un'oasi circondata dai ruderi di una Libano bombardata da aerei dalla nazionalit misteriosa. La palazzata su via Marina, nonostante la nuova pavimentazione la pi orrenda porta d'ingresso di una citt europea; senza mare, senza un fiore che accolga l'ignaro visitatore che piomba in citt entrando in un suburbio di strade e mercatini rionali che non ha di uguale in Europa. Eppure questo la citt colta degli intellettuali e dei politici, l'ha trasformata in una nota di colore, della quale il turista dovrebbe risultare affascinato. E credo bene perch, una citt che conserva ancora le ferite dei bombardamenti del '43 e '44 non esiste nel resto del mondo.

Lasciata cos al suo destino di reperto archeologico, presto sar preferita agli scavi di Pompei, dove giustamente ogni frammento di intonaco, ogni murales sono diventati feticci intoccabili.

N'Albero della Rotonda Diaz a mio parere il minor danno che questa citt possa subire: provvisorio (solo tre mesi), porter un po' di allegria in una strada, in un quartiere nel quale ormai si muore di noia. Dove i continui fallimenti di negozi, bar e ristoranti passano in secondo piano rispetto ad una richiesta sempre pi urgente di rinnovamento urbano, di presenze inquietanti che diano un senso a quell'habitat perduto ormai nella notte del tempo.

Eppure se oggi si facesse un referendum sulla conservazione o sul rinnovamento della citt, come successo in Inghilterra con il Brexit, sarebbero i vecchi a dire "No!", emarginando ogni eventuale programma di cambiamento. Devo dare ragione al soprintendente architetto Garella, che giudica la protesta un inutile presa di posizione di una parte di pur eroici intellettuali napoletani, molto simile alla posizione che il governo ha assunto nei confronti delle aree terremotate: com'era e dov'era un segno di incapacit creativa e decisionale che il nostro Sud ha ormai consolidato, aumentando la spaccatura con il Nord che ormai viaggia su livelli internazionali ai quali non riusciremo mai pi a tendere "quella pargoletta mano" all'albero cantato gi pi di un secolo fa da Giosu Carducci.




news

15-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 giugno 2019

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

Archivio news