LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Soprintendenza al Comune "Rimuovete i maxitabelloni abusivi"
(g.d.m.)
la Repubblica cronaca Napoli 20-LUG-2005

SILENZIOSAMENTE. Come stato installato, cos ieri stato rimosso. Il maxicartellone pubblicitario davanti alla Casina del Boschetto stato smontato pezzo per pezzo. Ora non c' pi, resteranno a terra le buche che dovevano sostenerlo. Un'invasione, quella dei "quadri topografici", met informazioni (con una cartina che dice "noi siamo qui") e met pubblicit. Un'invasione che non ha tenuto conto dei vincoli paesaggistici e storici. Chi ha ordinato la rimozione del maxitabellone davanti alla Casina del Boschetto? L'amministrazione comunale, la risposta secca degli operai. E' vero, conferma l'assessore comunale all'Arredo Urbano, Luca Esposito. Stiamo valutando altre destinazioni, di concerto con la Jolly Pubblicit, la societ concessionaria. Tant', perch dalla Soprintendenza dei Beni Architettonici, dopo una serie di sopralluoghi, sta per partire un'ordinanza che regola l'installazione dei "quadri": e quelli che derogano al decreto legge 42/2004, pi conosciuto come "Codice Urbani", dovranno essere rimossi. Immediatamente.
L'avviso indirizzato a Palazzo San Giacomo e alla Jolly Pubblicit. E segna una vittoria a favore degli uffici coordinati dal soprintendente Enrico Guglielmo in un braccio di ferro con l'amministrazione comunale che dura da qualche anno. Dopo i totem, i "quadri topografici" piazzati in tutta la citt e in particolare a via Caracciolo, area sotto vincolo per eccellenza: 750 i cartelloni pubblicitari, piccoli e grandi (alcuni sono alti 2 metri e 60 centimetri e larghi un metro e quaranta), alcuni da installare (o gi piazzati) davanti a edifici storici o ad aree paesaggistiche. Solo nel quartiere Vomero ce ne saranno, secondo i piani, 75 (14 in via Cilea, 12 in via Luca Giordano). Altrettanti a Ghiaia. I primi tre sono comparsi, nei giorni scorsi, nei pressi della Villa Comunale: uno posizionato davanti alla Casina del Boschetto (ed stato rimosso ieri), il secondo a pochi passi dalla Stazione Zoologica Dorhn, il terzo copre il paesaggio a uno dei chioschi del Parco. Ma quei "quadri" non li vuole nessuno. Il no arriva soprattutto da alcune circoscrizioni. Il parlamentino del Vomero ha votato nei giorni scorsi un ordine del giorno in cui si chiede di riconsiderare ilpiano territoriale e che i maxitabelloni vengano ridotti. Richieste da discutere amcora in una conferenza di servizi. Non possibile sottoporre il quartiere collinare aun ulteriore degrado, denuncia il capogruppo diessino alla circoscrizione, Giuliano De Cristofaro. Non c' nessuna polemica con la Soprintendenza e le circoscrizioni, spiega Luca Esposito. Anzi in atto una linea di confronto. L'installazione sar compatibile con i vincoli paesaggistici imposti dal "Codice Urbani".



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news