LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ai tavoli tondi del Regio 300 addetti ai lavori immaginano la cultura
SARA STRIPPOLI
11 novembre 2016 LA REPUBBLICA



GLI STATI GENERALI A TORINO DOPO LE TAPPE NELLE PROVINCE



TREDICI tavoli tondi. Cartellini con i nomi e molti fogli per gli appunti. Al secondo piano del Teatro Regio ci sono gli Stati Generali della Cultura e per nove ore attori e presidenti di associazione, registi e titolari di agenzie di comunicazione, assessori alla cultura e manager, ballerini e appassionati di flash mob parlano fitto fitto. Di cosa? Di "pubblici" e "imprese culturali", di "governance" e prospettive di lavoro. Mica facile, per nulla scontato che chi la cultura la fa, o prova a costruire progetti in grado di camminare e vendere biglietti, sappia poi orientarsi fra leggi e bandi europei, fra canali di finanziamento e contratti.

Vogliamo definirla una "Leopolda della Cultura"? A molti la definizione non piacer, ma tant': gli Stati Generali della cultura, invocati e inseguiti da anni, sono partiti e il tour ha raggiunto Torino dopo aver fatto tappa in tutte le province del Piemonte. Al Regio sono in 300, tutti quelli che si erano iscritti: 27 tavoli per due giorni, tremila ore di lavoro. Alla fine di ogni sessione un verbale. Le relazioni vengono pubblicate on line. La meta una nuova legge che snellisca, velocizzi, assicuri certezze sui tempi dei pagamenti, sostenga. Soprattutto innovi.

A cosa pensiamo quando parliamo di impresa culturale?, si sente passando di fianco al tavolo numero 3. Soltanto il no-profit con l'attuale legge viene finanziato. Pu essere no-profit una impresa culturale?, si interrogano preoccupati al tavolo numero 5. Carlo Salone, coordinatore per l'Universit, lancia il tema della seconda sessione: le imprese culturali appunto. E lo fa con una provocazione: Qui non si mangia con la cultura, come diceva tempo fa un ministro, ma si mangia la cultura. Soprattutto si cerca di produrla .

I posti ai tavoli non sono divisi per settori. Gli attori si mescolano ai manager, gli assessori alla cultura con i presidenti di associazioni. Piccole e grandi. Ci sono critici d'arte ed esperti di marketing. Dalla mescolanza nascono le idee, il principio. Soprattutto, dovrebbero nascere le famose "reti". Termine da tutti invocato quando si tratta di mettersi d'accordo su dove devono finire le poche risorse che il pubblico ha a disposizione. In sala c' Paolo Manera, direttore della Film Commission, e Paolo Messina, direttore dei servizi bibliotecari del Comune. C' Diego Sarno, assessore alla cultura di Nichelino, e Carlotta Margarone, responsabile marketing della Fondazione Torino Musei. Paola Zaini, project manager del Castello di Rivoli, e Paolo Luc, direttore del Folk Club. Pochi i politici. Nel pomeriggio arriva il presidente della commissione cultura Daniele Valle, Pd. Grillini non se ne vedono. Poteva mancare Giampiero Leo? Certamente no. Su tutti veglia l'intero staff dell'assessorato alla cultura della Regione guidata da Antonella Parigi. La supervisione affidata al direttore dell'Osservatorio culturale del Piemonte Luca Dal Pozzolo. Al suo fianco, per l'Universit, Carlo Salone, Germano Paini e Giulio Lughi. Per l'Ires c' Maurizio Maggi. Oggi si tirano le fila sui lavori torinesi. Il 14 dicembre la grande sintesi finale.




news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news