LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Boeri: Quei paesi schiacciati dai tetti
di Giuseppe Frangi
03 novembre 2016



Larchitetto stato ad Amatrice. Basta vedere quelle falde quasi intatte per terra per capire cosa non funzionato. E suggerisce: I boschi sono la risorsa su cui puntare, non solo per restituire le case ma anche per immaginare una nuova filiera produttiva. Proprio come in Friuli


Ieri, con gli architetti del mio studio e gli imprenditori della filiera friulana del legno, ero ad Amatrice. E di questa tragedia, mi hanno colpito i tetti. Sono note di viaggio di Stefano Boeri, pubblicate sulla sua pagina Facebook. Larchitetto stato nellepicentro del terremoto del 24 agosto per impostare un progetto che verr presentato a breve dal Corriere della Sera e da La7. Il suo punto di vista molto interessante, ovviamente per le competenze che ha. Ma non solo per quelle.

Perch le hanno fatto tanta impressione i tetti di Amatrice?
Basta vedere il corso principale di Amatrice che non esiste pi, perch stato cancellato, sepolto dalle valanghe di macerie. Sono macerie speciali, con tetto sopra. Quei tetti con i cordoli in cemento armato erano stati realizzati 15, 20 anni fa pensando di dare solidit agli edifici. In realt si trattava di tetti pesanti che hanno resistito alle scosse, e quindi li vedi spesso quasi integri, ma con il loro peso hanno polverizzato le pareti di pietra e malta e schiacciato le case in pietra e cemento. E naturalmente, quel che peggio, i loro abitanti. I tetti per terra. Ecco il paradosso crudele che spiega, meglio di molte altre immagini, la tragedia di Amatrice e di molti altri centri avvolti e stravolti dal cratere di un mostro.

Questo cosa insegna in vista della ricostruzione?
Che in queste zone bisogna cambiare filosofia nella costruzione delle case. C un dato che unisce gran parte dei territori italiani pi esposti al rischio sismico: sono territori in gran parte sulla dorsale appenninica con grande ricchezza di boschi. Attorno ad Amatrice ad esempio ci sono boschi ricchissimi di querce, faggi e castagne: il legno pu essere lelemento base per una ricostruzione. Ha caratteristiche di elasticit, di leggerezza, adatto sia in caso di ristrutturazioni (per le solette dei pavimenti, o per i tetti ad esempio) sia in caso di nuovi edifici. Ed anche veloce, specie nei casi di montaggio di prefabbricati. Oltretutto materiale in loco, il che comporta un altro vantaggio.

Quale?
Quello di mandare a rendita una risorsa del luogo. Attorno al legno pu nascere una nuova filiera, com accaduto ad esempio in Friuli. Ci vogliono tante competenze, a partire da quelle che riguardano il taglio dei boschi, che oltretutto va a vantaggio della buona salute dei boschi stessi. In zona esistono gi competenze utili, come quelli della filiera del mobile nelle Marche. Si tratta di investire e di creare cos anche nuove opportunit di lavoro, sul modello del Friuli.

Per questo ha portato con lei i rappresentanti della filiera friulana del legno?
S, con loro faremo gli interventi che stiamo studiando con i fondi raccolti dal Corriere e da La7. Ma il Friuli stato un modello anche da questo punto di vista. Ricordo che le priorit fissate con molta chiarezza dal commissario unico Zamberletti erano queste: prima i luoghi del lavoro, poi le case, infine le chiese. Il lavoro il segreto per garantire una ripresa di vita in queste zone. E il legno pu essere unopportunit su cui puntare.

Ricostruire puntando sul legno vuol dire per costruire staccandosi dallimmagine che questi borghi hanno sempre avuto...
​Certamente in Friuli hanno preferito attenersi alla regola del ricostruire tutto dovera e comera. Nel caso di tanti centri colpiti dai terremoti di questi mesi si pu pensare invece a una progettazione pi innovativa, che sia coerente e rispettosa del contesto ma che sia anche coraggiosa. una scelta che suggerisce anche nuovi modelli di sviluppo per queste zone.

http://www.vita.it/it/article/2016/11/03/boeri-quei-paesi-schiacciati-dai-tetti/141447/


news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news