LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'UNESCO E LA LEZIONE DI SIRACUSA
MARCELLA CROCE
Repubblica ed. Palermo 20-LUG-2005

LA NOTIZIA che Siracusa e le necropoli rupestri di Pantalica siano state recentemente inserite nella lista dei luoghi dichiarati dall'Unesco Patrimonio dell'Umanit, dovrebbe fare rinsavire i fautori del cosiddetto "progresso" e convertirli alla causa dell'Ambiente. Con ben cinque siti nella lista (gli altri quattro sono la Villa del Casale di Piazza Armerina, il Barocco della Val di Noto, le isole Eolie e la Valle dei Templi di Agrigento), fra le regioni italiane la Sicilia oggi seconda solo alla Toscana, che ne ha gi visti riconoscere sei. Mozia e le Saline di Trapani, le Madonie e la Rocca di Cefal, il parco archeologico di Selinunte con le Cave di Cusa e il Santuario della Malophoros: itinerari splendidi, tutti straordinariamente paesaggistici, fra archeologia e natura. Eppure gran parte della Sicilia occidentale non stata ancora inserita nella lista dell'Unesco.
L'Italia, a quota 40, nel mondo la nazione che pu vantare il maggior numero di luoghi che hanno ottenuto l'ambito riconoscimento. Con i pragmatici incalliti per inutile sottolineare l'importanza, anche economica, di questo primato. Il turismo di qualit, che l'unico che val la pena di coltivare, da tempo abituato a considerare lalistadell'Unesco come linea guida privilegiata per girare il mondo. Tutte sciocchezze per i pragmatici, il cui rinsaviineiito molto improbabile; essi rimarranno comunque scettici davanti a notizie di questo tipo, nella loro concezione della vita esistono solo palazzi, strade, ponti e ciminiere. Non suggeriscono loro proprio nulla il silenzio della natura e il fascino della storia, che rimangono per essi Regno dell'Ignoto, e che di conseguenza hanno il potere di renderli vagamente nervosi. Ciechi e sordi alla musica dell'universo, sembrano smentire i celebri versi danteschi, intenzionati come sono a continuare imperterriti a "viver come bruti".
Se negli anni'60 ci additavano le raffinerie di Gela e Priolo, adesso il turismo ad essere spesso invocato come il deus ex machina che permetter un giorno alla Sicilia di uscire dal suo perenne stato di precariet esistenziale. Purtroppo anche questa risorsa, se non ben gestita, pu risultare altamente inquinante. Inquinamento culturale e antropologico grave, spesso irreparabile, di cui proprio il turismo spesso responsabile in tutto il mondo: bancarelle di paccottiglia immonda sommergono i paesini, un tempo incantevoli, della Cornovaglia, pub inglesi punteggiano la Costa Brava, McDonald's si affacciano ai margini dei deserti. Il pianeta pieno di posti che hanno ormai perso tutta la loro identit originaria per adattarsi fino allo stremo ai supposti desideri di vacanzieri che, guarda caso, si assomigliano tutti fra loro a qualunque nazionalit essi appartengano. Mal'offertachege-nera la domanda: se a queste stesse persone si offrisse la qualit culturale, essi saprebbero molto probabilmente apprezzarla.
Welcome cocktail: Deve essere roba da mangiare spiegava alla moglie uno degli anziani partecipanti a un'escursione, leggendo e storpiando quelle strane parole sul depliant di una gita organizzata dalla sua parrocchia. Similmente altre due parole oggi molto in voga, manager o marketing, sono state comunemente interpretate come "Deve essere roba per fare soldi". Ma in realt il loro significato, ancora misterioso per tanti, molto pi complesso: il marketing una vera scienza in cui si deve fare uso di una buona dose di matematica e di statistica, e un vero manager deve saper programmare, prevedere, regolamentare, tutte capacit in cui i siciliani non hanno mai brillato, e che invece proprio ci di cui il turismo oggi ha bisogno.
Non siamo turisti, siamo viaggiatori: cos la protagonista del T nel deserto mette va le distanze fra le proprie ansie di conoscenza e le sbirciate superficiali di chi gira in tondo a vuoto. Anche qui da noi solo il calendario potrebbe un giorno suggerire a questo tipo di turisti dove si trovano in quel momento: marted, dobbiamo essere in Sicilia. Un pericolo reale, che l'inserimento nella lista dell'Unesco dovrebbe contribuire a scongiurare almeno nei siti selezionati.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news