LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MASSA MARITTIMA - Neg il restauro al palazzo Soprintendenza multata
di Alfredo Faetti
30 ottobre 2016 il Tirreno

MASSA MARITTIMA Senza discussione non c' ragione. il principio di cui convinto il Tar della Toscana, che ha accolto il ricorso di un cittadino che si visto negare il permesso dall'amministrazione comunale prima, e dalla Soprintendenza ai Beni Architettonici poi per alcuni lavori di ristrutturazione che voleva fare nel suo appartamento raccolto nelle mura di Palazzo Malfatti, uno degli edifici storici di Massa Marittima.

Il proprietario dell'abitazione, a suo tempo, aveva presentato tutta la documentazione necessaria per ottenere il via libera agli interventi che aveva intenzione di fare, ma l'ente ministeriale ha bocciato il suo progetto. Secondo il tribunale amministrativo regionale, invece, l'ente avrebbe dovuto dare il via a delle procedure per un confronto con il privato, in modo da poter discutere e, eventualmente, rivedere la sua proposta.

Il confronto tuttavia non c' stato: e il progetto stato bocciato punto e basta. La presa di posizione per stata non solo annullata dal tribunale amministrativo che ha stabilito anche di condannare la Soprintendenza a un risarcimento di 2.500 euro. Il caso risale all'aprile 2015, quando il proprietario di due distinte abitazioni all'interno di Palazzo Malfatti (una al secondo piano e una al terzo, con tanto di ingressi diversi all'edificio) presenta un progetto sia in Comune sia alla Soprintendenza per il recupero della terrazza al secondo piano tramite rimozione di superfetazioni ossia installazioni recenti in contrasto con le caratteristiche del palazzo e alla creazione di accessi verticali con diversa distribuzione degli spazi interni degli appartamenti posti al piano secondo e terzo.

Gli uffici dei Beni Architettonici di Siena, Grosseto e Arezzo studiano le carte, ma alla fine bocciano il progetto per diversi motivi. Innanzitutto, perch l'intervento non risulta compatibile motiva la Soprintendenza con i criteri di tutela dell'edificio e perch le nuove costruzioni costituirebbero un falso storico.

L'intervento comporterebbe l'eliminazione di una fase storica dell'edificio ormai consolidata dice ancora la Soprintendenza.

Punto e basta, senza prevedere nessuna possibilit per il proprietario di consegnare nuovi documenti, n alcuna chance di rivedere il progetto. Ma ci che pi importante, secondo il Tar, che gli uffici non hanno inviato all'interessato i motivi che hanno portato alla bocciatura, impedendogli un contraddittorio.

Il "muro" viene scalfito dalle convinzioni del Tar per poi essere del tutto abbattuto con la sentenza arrivata durante l'estate. Il Tribunale, infatti, contesta all'ente ministeriale di non aver posto in condizione il proprietario dei due appartamenti di interloquire con l'amministrazione (ossia con la Soprintendenza).

Nella sentenza si legge: Con la comunicazione dei motivi ostativi (cio che ostacolano) si sarebbe instaurato fra le parti un contraddittorio che avrebbe consentito di mettere a fuoco in modo migliore la situazione e le ragioni tecniche e giuridiche che hanno portato l'ente ad assumere la determinazione negativa. Una censura, come la chiama il Tar, che basta a ritenere l'illegittimit del parere espresso dalla Soprintendenza.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news