LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MARCHE-Castelli, montagne, chiese: i beni culturali e paesaggistici nelle zone colpite dal sisma
http://www.fanpage.it/castelli-montagne-chiese-i-beni-culturali-e-paesaggistici-nelle-zone-colpite-

Tra paesaggi di montagna, basiliche incastonate tra le colline e crocifissi ritenuti miracolosi, ecco alcuni beni monumentali e paesaggistici di fondamentale importanza nei luoghi del sisma che ha colpito Ussita, Camerino e (purtroppo) di nuovo Norcia.


Come sempre, in seguito a un terremoto, dopo la conta dei feriti, dispersi e, purtroppo, spesso, dei morti, l'Italia è e gli italiani sono costretti a occuparsi dei danni al proprio, patrimonio artistico e paesaggistico. Castelli (come quello della Torre di Ussita), paesaggi (il fiume Visso, sempre a Ussita), percorsi di montagna, chiese: come sempre i disastri naturali sono anche un incredibile occasione per comprendere l'importanza della cultura italiana, spesso misconosciuta dai nostri stessi compatrioti.

Con una breve carrellata, andiamo alla scoperta di alcuni dei luoghi della cultura e del paesaggio, luoghi simbolo delle zone colpite dalle scosse di ieri sera e che, trascorsa l'emergenza, sarà importante salvaguardare.

A Camerino, località insieme ad Ussita, fortemente colpita dal sisma, è crollato il campanile della chiesa di Santa Maria in Via, già danneggiata dal sisma del 24 agosto, finendo per accartocciarsi su una palazzina. Ma il bene monumentale principale della città, anch'esso gravemente lesionato dopo il terremoto che ha distrutto Amatrice e Arquata del Tronto, resta la Basilica di San Venanzio, meravigliosamente incastonata nelle colline circostanti.

Di notevole rilievo artistico, la chiesa patronale di San Venanzio, pregevole testimonianza di architettura tardo-gotica di cui si fanno ammirare le parti preservate dal terremoto del 1799 e dal rifacimento ottocentesco ad opera dell'architetto modenese Luigi Poletti, come la facciata e il campanile: soprattutto i particolari scultorei della prima (portale, rosone, lunetta – contenente Madonna col Bambino – due leoni su mensola) sono squisiti esempi di gotico fiorito. Nella cripta l'arca di San Venanzio, gotica. Nel novembre del 1950 papa Pio XII l'ha elevata alla dignità di basilica minore.

Prima del sisma di ieri sera, Ussita era un comune italiano di 437 abitanti della provincia di Macerata nelle Marche. La conformazione del piccolo paese è quello tipico di un comune diffuso. Il paese, a carattere tipicamente montano, si sviluppa su numerose piccole frazioni tutte adagiate alle pendici del Monte Bove. Di eccezionale importanza paesistica, Ussita è un’amena e attrezzata zona di villeggiatura estiva e invernale. Gli impianti di risalita (seggiovie, sciovie, funivia) e le numerose piste, permettono di praticare i più diffusi sport invernali.

La conformazione dei luoghi circostanti favorisce le escursioni e le ascensioni nei Monti Sibillini, inoltre la presenza del Monte Bove nord (m 2112), del Monte Bove Sud (m 2169) e del Monte Bicco, costituenti un imponente massiccio roccioso dalle caratteristiche decisamente alpine, offre la possibilità di scalate di varia difficoltà e di escursioni di eccezionale interesse.

Tra i luoghi colpiti ieri sera c'è anche Norcia, in Umbria, che aveva incredibilmente resistito al sisma dello scorso agosto. Ieri sera, in diretta televisiva, è crollata la quattrocentesca chiesa di San Salvatore.
Inizialmente dipendente dalla vicina abbazia di Sant'Eutizio, composta di un edificio più antico, corrispondente grossomodo all'attuale navata sinistra, ed uno successivo, frutto dell'ampliamento del XV secolo (il portale di destra reca la data 1491, le cui ante lignee si trovano esposte all'interno della chiesa), l'interno della chiesa di San Salvatore ospitava, nella navata sinistra, una bellissima loggia, utilizzata per raggiungere un crocifisso ritenuto miracoloso. Il prospetto della loggia era decorata da una ricca iconostasi, dipinta a partire dalla metà del XV secolo da Giovanni ed Antonio Sparapane, cui poi si sono aggiunti Nicola da Siena e Domenico da Leonessa. Con il crollo sarà andata persa anche tutta la navata sinistra affrescata, fino alla parete retrostante l'altare. La navata destra, al contrario, risultava meno decorta, ma conservava comunque una interessante testimonianaza: sul pavimento, infatti, è inciso il progetto – mai realizzato – del campanile della chiesa.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news