LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La mostra un evento. Se non sa comunicare, che evento ?
Renato Rizzo
La Stampa, 19/7/2005

Il memorandum, di quelli scritti sui foglietti gialli che il creatore di eventi d'arte appiccica alla scrivania per guardarli quando va in crisi d'astinenza di stimoli, potrebbe essere questo: Il Louvre ha 6 milioni di visitatori l'anno, Disney Paris 12. Accostamento paradossale, per qualcuno blasfemo, ma mutile, oggi, richiamarsi all'ars gratia artis. L'aspetto commerciale - immagine che produce soldi, soldi che producono immagine - un elemento sempre pi cospicuo nel varo d'una mostra: importante quanto la qualit delle opere. A Torino un convegno al quale partecipano 210 esperti internazionali, direttori di musei, curatori, strateghi della comunicazione, indaga sul tema come riuscire a creare un'esposizione ideale: per i meno prosaici una sfida che equivale a rendere concreta un'utopia; per i pi pragmatici, come il direttore della National Gallery di Londra, Charles Saumarez Smith, realizzare un piatto di altissima cucina nel quale tutti gli ingredienti siano in armonia tra loro.
A riunire a Palazzo Reale il gotha dei professionisti dell'arte, la societ francese Agenda che, da 5 anni, organizza conferenze internazionali legate a alla promozione e alla gestione di eventi culturali. Per la direttrice, Corinne Estrada, la mistura alchemica perfetta deve partire da due parole: immagine, appunto; ma anche un termine che bisogna pronunciare senza vergogna: snobismo: Ogni esposizione dev' essere un evento unico, inatteso e prestigioso. Oggi tutti siamo immersi nella civilt degli avvenimenti e le mostre temporanee rispondono a questa tendenza di "esserci", di poter dire che, in qualche modo, si fatto parte dell'evento. Ecco lo snobismo. Non offensivo definirlo cos. 0, magari, chiamarlo consumismo culturale nel quale il pubblico diventa fruitore e, contestualmente, attore. L'altro elemento di puro marketing: la mostra diventa la griffe del museo che la ospita. Tutto contribuisce: titolo, opere, curatore, allestimento, catalogo, comunicazione, prezzo del biglietto. Esposizione dopo esposizione, tappa dopo tappa, l'immagine si riverbera sulla citt, sul Paese.
Ma c' un esempio compiuto di questa esposizione perfetta? Tra gli addetti ai lavori un titolo troneggia su tutti: quella su Caravaggio alla National Gallery. Solo 16 opere tra le pi mere e le pi tristi dell'artista. Eppure stata un trionfo di visitatori, a dispetto degli sponsor che non avevano voluto stanziare un soldo perch i quadri d'argomento religioso sono poco graditi dal pubblico. Cos poco graditi che, dal 23 febbraio al 22 maggio, 240 mila presenze hanno smentito gli uffici studi di multinazionali avide d'apparire come mecenati. Confesso che, anche tra noi, eravamo in pochi ad attenderci un successo simile - dice Saumarez Smith -. Invece la rassegna ha catturato il cuore della gente. Stabilito quel feeling indispensabile nella ricetta della mostra ideale. Le altre componenti? Non rivolgersi, come spesso ancora avviene, solo ai critici e curare con grandissima attenzione l'allestimento.
Ci fa, invece, un esempio di mostra non riuscita? Quella sul Canaletto proposta recentemente a Roma. Che delusione: aveva pezzi importanti, ma non riusciva a comunicare con il pubblico. C'era un che di noioso. Sta succedendo anche a noi con una rassegna di opere sui cavalli: ha qualit, accattivante, eppure c' qualcosa che non le d fascino. Non mi chieda che cos' perch non lo so neppure io.
Maxwell L. Anderson, per 16 anni curatore di musei come il Metropolitan e il Whitney di New York, , oggi, responsabile dell'Area, societ di consulenze con sedi negli Usa e a Londra che si occupa di organizzare eventi d'arte nel mondo. Loda la qualit delle mostre europee e italiane in particolare: Da voi il grande pubblico arriva "preparato", quasi inconsciamente, a certi appuntamenti. Merito dell'ambiente in cui vive: palazzi d'epoca, memoria, storia. E, poi, in Europa, si pu contare spesso sull'apporto delle istituzioni: vero che in tal modo si allestiscono anche esposizioni per far piacere al politico di turno o, magari, a sua moglie, ma generalmente i contributi rendono pi liberi i curatori.
Contraltare di questa cultura indotta e di questo lavoro sulla qualit sono forse gli Usa? Non generalizziamo. Certo, da noi la prima domanda che ci si pone prima di pensare una mostra : sar popolare? La seconda: ci sono soldi per sponsorizzarla? Solo una decina di grandi istituzioni private pu contare esclusivamente sui propri mezzi. E, cos, succede che si facciano rassegne su Star Wars, sovvenzionate dal regista George Lucas, o che il Guggenheim ne allestisca una dedicata ad Armani: un non senso dal punto di vista artistico.



news

11-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news