LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pompei. Santuario terra di nessuno
Michele De Marsico
Roma, 19/7/2005

Pi attenti a come vestono i fedeli che a uomini e movimenti "sospetti".
La Uil: sorveglianza zero

Pompei. L'allarme per gli attentati terroristici ai luoghi d'arte sembra non preoccupare la citt mariana, meta preferita ogni anno da milioni di persone per la presenza degli scavi archeologici e del Santuario. Proprio nell'area di piazza Bartolo Longo e della Basilica di Pompei, tutto tranquillo, come dimostrava, almeno sino a ieri, la mancata adozione di misure per aumentare la sicurezza, contro il rischio di attentati, dei luoghi pi interessati dal flusso dei visitatori.
Nel Santuario si pu infatti entrare senza subire alcun particolare controllo. Agli ingressi di una delle chiese pi importanti della Campania e dell'intero Meridione, avviene solo una verifica sull'abbigliamento dei fedeli. A quelli che indossano abiti succinti e/o trasparenti viene inibito l'accesso, almeno quando alle porte della Basilica sono presenti gli addetti alla vigilanza o i volontari. Oltre questa precauzione non sembra che venga adottato alcun provvedimento aggiuntivo. Possono quindi entrare dagli ingressi principali del Santuario, anche persone magari munite di borse e/o zaini, senza subire alcun controllo. Stessa situazione anche alla portineria sita nei pressi del campanile, che possibile utilizzare per recarsi in chiesa, oppure in altri luoghi della Basilica stessa, come l'area attrezzata con telefoni pubblici, la galleria degli ex voto, la sala delle offerte, le varie cappelle, senza essere sottoposti a particolari controlli.
Gli accessi della stessa Basilica del resto sono sprovvisti di qualsiasi sistema per rivelare se qualcuno delle persone in visita al Santuario ha indosso un'arma o, peggio ancora, nasconde all'interno di uno zaino un ordigno. Le zone d'ingresso e quelle interne alla chiesa sono comunque sorvegliate da un sistema di telecamere, che pu essere un deterrente contro ladri e borseggiatori, ma di certo non sembra sufficiente a garantire la sicurezza da eventuali attentati.
C' da aggiungere che, come fanno notare alcuni, da diverse settimane l'intera citt mariana registra comunque un aumento della presenza delle forze dell'ordine ed una crescita dei controlli da parte di polizia e carabinieri, che oltre a potenziare i posti di blocco in zone trafficate dai turisti, hanno incrementato anche le perlustrazioni attuate da parte di agenti in borghese a bordo di motocicli. Proprio il segretario generale della Uil Beni Culturali Gianfranco Cerasoli, ha denunciato che nei musei italiani la mancanza di addetti alla sorveglianza da codice rosso. E i conti sulle carenze, rivela, arrivano proprio dal ministero con uno studio, messo a punto gi nel '99, in base al quale mancano all'appello addirittura 6.165 guardiani.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news