LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il paesaggio e i pontili di Mergellina
Guido Donatone*
la Repubblica, Napoli, 19/7/2005

Che gran parte della classe politica napoletana - con l'eccezione dei Verdi che conferma la regola - costituisca un esempio sconfortante di insensibilit se non addirittura di insofferenza per i valori ambientali e paesaggistici lo abbiamo purtroppo constatato da decenni. Nella cultura di certi politici non suscita alcuna reattivit o segno di interesse perfino la consapevolezza da parte dell'opinione pubblica che il paesaggio tutelato dalla Costituzione della Repubblica italiana. Mi riferisco alla vicenda dei pontili installati sul lungomare di Napoli per realizzare un porto turistico stagionale di 600 barche, su cui si registrato il consenso trasversale degli enti locali. E al riguardo non possiamo sottacere dell'assordante silenzio di Antonio Martusciello, che in qualit di viceministro dei Beni culturali doveva schierarsi e appoggiare la rigorosa opposizione a tale realizzazione da parte della Soprintendenza. Desta tuttavia viva sorpresa la posizione assunta nella vicenda da Antonio Corbo ("Repubblica" del 16 luglio) in appoggio di Regione, Comune e Autorit portuale, mentre il comportamento della competente Soprintendenza per i Beni Architettonici e - si badi bene - per il Paesaggio viene cos commentato: C' la storia di una burocrazia rissosa fino a essere cieca. L'assessore all'Ambiente Monti viene poi bacchettato perch a sua volta si oppone alla soluzione dei pontili e lo si invita a visitare la Costa Azzurra.
Insomma si intende riproporre quello che "II Mattino" del 13 marzo 2003 stentoreamente intitolava: "Un progetto ambizioso: Napoli come Montecarlo!". Contro siffatto inconsulto progetto, che inseguiva modelli di sfrontata deregulation urbanistica e fiscale, insorsero Italia Nostra e numerosi urbanisti, storici dell'architettura (Giancarlo Alisio) e associazioni ambientaliste (Comitato giuridico di difesa ecologica) chiedendo alle soprintendenze napoletane la tutela del lungomare di Napoli. In particolare vennero segnalati i pericolosi aspetti che avrebbero comportato l'ulteriore alterazione e il deturpamento del lungomare pregiudicando anche il livello della qualit della vita. il caso di ricordarli: inquinamento marino dovuto allo scarico a mare a seguito di perdite o svuotamento di serbatoi di oli e carburanti, di versamento anche involontario di rifiuti; inquinamento atmosferico da gas di scarico dei motori di auto e imbarcazioni; congestione del traffico per l'afflusso di autovetture dirette agli approdi e per la sosta delle auto in assenza di idonei parcheggi; accumulo di rifiuti prodotti dai diportisti; incompatibilit con la balneazione sul lungomare, che pure costituisce obiettivo prioritario delle amministrazioni e che potrebbe essere considerato raggiungibile grazie al processo di disinquinamento avviato da tempo.
L'aspetto pi grave della vicenda pontili infine costituito dalla circostanza che l'Autorit portuale di Napoli insista nell'elargire concessioni per un porto turistico sul lungomare, malgrado ci sia espressamente vietato dal vincolo di tutela gi imposto dalla Soprintendenza Beni Architettonici ai sensi dell'art. 46 del D.L. 22-1-2004, n. 42. Tutto ci crea false aspettative di lavoro, che invece possono legittimamente trovare sbocco nel porto turistico da realizzare subito a Vigliena e, secondo alcune proposte, nello stesso porto di Napoli.
Infine una curiosit: etimologicamente il termine assessore sembrerebbe derivare da assiso, seduto. Perch tace oggi il nuovo assessore all'Ambiente della Regione Campania, Gabriella Cundari, che invece su "Repubblica" del 19 marzo 2005 tuonava contro i predetti pontili prevedendo inquinamento dello specchio marino, intasamento del traffico, attivit commerciali abusive, produzione di rifiuti, varie forme di degrado e altri inconvenienti?

*Presidente di Italia Nostra, sezione di Napoli


Il presidente di Italia Nostra ha una visione non solo romantica del Golfo, ma coerente. Auspica un lungomare non deturpato e balneabile. Giusto che sostenga la Sovrintendenza: Si batte per il paesaggio. Il mio articolo invece l'analisi della realt.
1) La Sovrintendenza blocca i pontili mobili di un ormeggio finalmente autorizzato. Presto decider il Tar. Non pu sfuggire intanto che la controversia abbia effetti perversi: rinvia la soluzione, sono fiorenti gli ormeggi abusivi, protetti dalla camorra come dimostra l'inchiesta del pm Raffaele Marino, con arresti e sequestri. Uno specchio d'acqua occupato abusivamente rende 600 mila euro per ogni 200 barche. Con lavoro nero e pizzo ai clan. Questo il lungomare che vorrebbe Italia Nostra?
2) Napoli il terzo porto dei Mediterraneo. Passeggeri, merci, cantieristica. Movimento che impegna tutta la rada con 300 unit al giorno. Inquinano meno di fogne e fiume Sarno. Ma che dice, chiudiamo anche il porto?
3) Una citt che vive di turismo non pu ignorare la nautica da diporto. Una banchina con vele e yacht davvero rovina il paesaggio?
La Sovrintendenza va tuttavia elogiata. Si batte per il paesaggio. Anche contro Comune, Regione, Autorit del porto. uno dei suoi compiti di istituto. Cos come un giorno trover il tempo anche per le 90mila richieste di condono inevase (legge47/85). I Comuni aspettano la sua risposta da vent'anni.
(a.c.)



news

11-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news