LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PRATO - La Soprintendenza riporta i quadri a Prato
di Stefano Taglione
20 ottobre 2016 IL TIRRENO

PRATO Quei quadri devono tornare a casa. Lo ha deciso la Soprintendenza di Firenze, Pistoia e Prato. Entro la fine della prossima settimana il professor Andrea Pessina responsabile dell'organo ministeriale avvier la procedura per riportare in Toscana le opere d'arte trasferite dall'ex presidente della Banca Popolare di Vicenza, Gianni Zonin, che nella citt del Palladio voleva creare un super museo per dar lustro all'intero istituto di credito, proprietario della Cassa di Risparmio di Prato. Un sogno come quello di incrementare il numero degli sportelli in tutta Italia svanito con il crac finanziario. Un buco che ha portato alla completa svalutazione delle azioni della Popolare e a ingenti e drammatiche perdite per i risparmiatori. Solo a Prato ne hanno fatto le spese in seimila. Pensionati, dipendenti e liberi professionisti che avevano comprato titoli a pi di 60 euro e che prima dell'estate con l'acquisizione da parte del Fondo Atlante li hanno visti sprofondare a 10 centesimi. E siccome la storia insegna, ora la citt si mossa per riavere i quadri. Perch la paura quella che possano essere venduti ancora una volta. Dipinti dal valore inestimabile come il Crocifisso con cimitero ebraico di Giovanni Bellini (che da solo vale fra i 20 e i 30 milioni di euro), la Madonna col bambino di Filippo Lippi e l'Incoronazione di spine del Caravaggio. Ma anche i marmi di Lorenzo Bartolini, fra i pi importanti scultori vissuti fra il 1700 e il 1800 dopo Antonio Canova, oltre ad alcuni dipinti di Cesare Dandini. Portati via da Gianni Zonin, il re dei viticoltori veneti, proprietario di una splendida tenuta sulle colline di Radda in Chianti, che ha guidato l'istituto per quasi 20 anni. Con manie egemoniche spiega l'attuale presidente della Fondazione Cariprato, Fabia Romagnoli e una gestione accentrata su s stesso che ha portato a grossi errori di valutazione. In tutto stando ai dati della Soprintendenza in Veneto il "Doge" (questo il soprannome di Zonin) avrebbe spostato una trentina di opere fra le 120 dell'intera collezione, per un valore complessivo di circa 50 milioni di euro secondo il critico d'arte Vittorio Sgarbi. Opere che entro febbraio-marzo potrebbero per tornare a casa. Stiamo lavorando da molto tempo all'introduzione del vincolo conferma il soprintendente Andrea Pessina e anche stamani (ieri per chi legge ndr) ho presieduto una riunione su questo tema. Entro la fine della prossima settimana avvieremo il procedimento e fin da subito le opere saranno vincolate a livello cautelativo. Ma che cosa vuol dire tutto ci? I dipinti e le sculture rimarranno della Banca Popolare di Vicenza, che per non potr disporne liberamente. Dovranno infatti restare a Prato: quella la loro sede naturale. Solo l spiega la Soprintendenza hanno un senso. Il vincolo, che scatter subito, diventer definitivo dopo 120 giorni, verso la fine di febbraio. Superato questo lasso di tempo sottolinea Pessina la banca dovr riportarle in citt. Naturalmente bisogner vedere se i vertici dell'istituto saranno d'accordo, visto che potranno ricorrere al Tar. Se non lo faranno sono sicuro che renderanno le opere fruibili, visto che la loro importanza dar lustro alla banca. Il nuovo presidente di BpVi, Gianni Mion, in una lettera inviata alla CariPrato si per altro detto disponibile a incontrare la presidente Fabia Romagnoli e a riportare le opere nella citt tessile. Non ci sono difficolt soggettive fanno sapere dell'istituto veneto e sulla riuscita dell'operazione non c' dubbio. Dobbiamo sederci a un tavolo e stabilire il da farsi. Ad esempio concordare in quanto tempo organizzare il tutto, con che soldi farlo e quali vincoli giuridici abbiamo di fronte. Ma per Vittorio Sgarbi quella della Soprintendenza una decisione priva di senso. un atto romantico che mette in discussione il principio della propriet privata spiega il critico d'arte e il Tar lo smentir. Per altro nello sfondo del Crocifisso con cimitero ebraico di Bellini si vede Vicenza, quindi Zonin ha fatto bene a riportarlo in Veneto. Ha pi senso l che a Prato e da solo vale pi del resto della collezione. La Soprintendenza non pu riportarlo in Toscana semplicemente perch prima stava l. La ex banca locale continua Sgarbi che con la Galleria degli Alberti aveva realizzato una cosa bellissima, ha venduto il suo patrimonio mobile e immobiliare. Il discorso finito. Nel frattempo, mentre si discute del destino del patrimonio artistico, i seimila risparmiatori chiedono giustizia. Il 26 novembre si riuniranno nella citt del Palladio per stabilire il da farsi. L'architetto Tommaso Caparrotti, che dal crac ha perso 12mila euro, guida il comitato dei ribelli. I risparmiatori hanno visto andare in fumo milioni di euro commenta e ci sono ancora aziende che con la banca hanno fidi aperti. Aspettiamo che le Procure vadano avanti nel loro lavoro e ci costituiremo parte civile.



news

23-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 agosto 2019

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news