LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PALERMO - Centro storico, Comune assente
PASQUALE BELFIORE
20 ottobre 2016 LA REPUBBLICA




PROTESTANO cittadini e associazioni per il miserevole stato in cui versano monumenti e spazi storici della citt. il turno, purtroppo ricorrente, della Villa Comunale. Rispondono gli assessori competenti con la lista degli interventi previsti. Storie di questi giorni, storie del passato e di sempre. Nel migliore dei casi, si faranno i lavori e poi tra qualche mese o anno, si ricomincia perch nessuno si prender cura del bene risanato e nel frattempo incombe altro degrado. Stiamo parlando di cose (e valori immateriali che le cose esprimono) non appartenenti a Napoli ma all'umanit intera. Non v' nulla di enfatico nell'espressione perch questo il significato del riconoscimento riservato al centro storico di Napoli nel 1995 dalla massima organizzazione mondiale della cultura, l'Unesco, che lo inser nella World Heritage List, la lista del patrimonio universale, appunto.

Per gestirlo con metodo e non con la politica della toppa, era previsto un Piano di gestione che fu approvato nel 2011 e oggi vigente. Prevede una serie di decisioni coordinate, tutte finalizzate ad evitare interventi frammentati, a dotare l'amministrazione comunale di risorse adeguate e di strutture tecniche efficienti. Tra i punti pi qualificanti e operativi: il sindaco il responsabile politico del centro storico, una scelta non solo simbolica volta a recepire il carattere eccezionale del Sito Unesco ma anche operativa per i maggiori poteri che la legge gli assegna; la costituzione di un Dipartimento per il centro storico diretto da un Conservatore che agisce e decide in tempi stretti su delega diretta del sindaco; una struttura di monitoraggio sullo stato di conservazione e sulle situazioni di emergenza; un fondo di almeno il 15% del tetto di indebitamento da prevedere ogni anno in bilancio e destinato alla valorizzazione del centro storico; i Patti, strumenti di collaborazione con enti e istituzioni proprietari di considerevoli quote di patrimonio immobiliare storico; la concertazione e i forum d'ascolto come metodo di lavoro, in linea con i vincolanti protocolli Unesco.

Nulla di tutto ci accaduto nei cinque anni che ci separano dalla sua approvazione. Semplicemente ignorato. E allora, come episodi isolati ma non per questo meno gravi, accade che nasca una pizzeria all'aperto sul sagrato della chiesa dei Girolamini che copre la facciata con gli ombrelloni e involgarisce l'ambiente con un arredo, diciamo, orrendamente creativo. I cittadini segnalano (sempre loro). Risponde l'assessore alle Attivit produttive per le questioni di autorizzazione commerciale. Non una parola sugli aspetti di tutela proviene dalla amministrazione comunale. Tutela, bene precisare, che non compito esclusivo della Soprintendenza che interviene "per quanto di competenza". Quella pi ampia e primaria appartiene ai cittadini (che continuano a denunziare) e, nel caso specifico, all'amministrazione comunale. Accade ancora che pali metallici su rozze basi di cemento siano stati conficcati di recente su marciapiedi del centro storico Unesco. A piazza Nicola Amore si arriva allo sfregio d'aver usato come base un pozzetto in calcestruzzo prefabbricato utilizzato (con decenza parlando) per gli impianti fognari. un'immagine degna d'essere inviata alla direzione dell'Unesco a Parigi per documentare lo stile di conservazione del bene che ci stato affidato.

Ora, nessuno pu ragionevolmente dare la colpa diretta di tutto ci al sindaco o a qualche assessore. Colpa diretta no, ma colpa politica s perch ci che latita da sempre in questa amministrazione la sensibilit politico-culturale per questo tema che ha impedito una razionale ed efficiente organizzazione della macchina comunale per gestire e risolvere i problemi del centro storico Unesco. Questi rilievi sono venuti e vengono all'amministrazione da pi parti e non da ora (vogliamo ricordare lo strappo di Marotta per Bagnoli o alcune riserve espresse dalle Assise di Palazzo Marigliano?), a conferma d'una posizione non preconcetta. A ci si risponde con la solita litania di parole d'ordine. Ultima, in ordine di tempo, quella sublime vaghezza di Napoli citt autonoma, parole tutte appartenenti ad una strategia di distrazione di massa che si rivela, purtroppo, efficace.



news

29-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 29 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news