LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pompei, un altro tesoro. Riportati alla luce 20 oggetti da tavola in argento
Fabio Isman
Il Messaggero, 19/7/2005

ROMA L'ultimo tesoro di Pompei stato presentato ieri a Roma dal ministro dei Beni culturali Rocco Buttiglione. Si tratta di venti oggetti da tavola in argento perfettamente restaurati: sono stati ritrovati durante gli scavi effettuati a Moregine per la costruzione della terza corsia dell'autostrada Salerno-Reggio Calabria. Rimane per ancora un mistero da risolvere: chi era il fuggiasco che tentava di salvarsi dalla terribile eruzione del Vesuvio che distrusse Pompei nell'agosto del 79 dopo Cristo e portava con s i venti preziosi oggetti durante la fuga?

Non sono i 118 pezzi trovati, nel 1930, nel sotterraneo della Casa del Menandro, ed esposti al museo archeologico di Napoli; e neppure i 109 del "tesoro di Boscoreale", restituiti nel 1895 dalla villa detta "della Pisanella" e, poich lo Stato italiano non si decideva ad acquistarli, rilevati dal barone Edmond de Rothschild che poi li dona al Louvre; ma il "tesoretto" di Moregine, 20 oggetti da tavola in argento, ben quattro chili di metallo prezioso, un ritrovamento eccezionale, e destinato a far discutere: chi era il fuggiasco dall'eruzione del Vesuvio che, nella notte tra il 24 e il 25 agosto del 79 dopo Cristo, lo portava via da Pompei, ed rimasto ucciso ad un passo dalla salvezza, forse rappresentata dal mare ormai vicino? Gli oggetti, appena restaurati dalle studiose di Artificio, sono stati presentati in anteprima assoluta ieri a Roma; il ministro dei Beni culturali Rocco Buttiglione loda assai l'operato dei funzionari statali cui si deve il recupero; mentre il soprintendente Piero Guzzo ci ragiona sopra.
Il ritrovamento avvenuto perch bisognava costruire la terza corsia dell'autostrada Salerno-Reggio Calabria. C' un luogo, Moregine, scoperto nel 1959, quando l'autostrada sorta. Siamo 600 metri a sud delle mura di Pompei, quasi alla foce del fiume Sarno; gi a met Settecento, vi erano stati i primi ritrovamenti. Viene alla luce un edificio, scavato finora per un terzo: tre sale da pranzo e, ora lo sappiamo, terme ancora in costruzione; in una latrina di questo cantiere, una gerla in vimini. Sembrava piena solo di terra dell'eruzione. Radiografie. Si vedono dei corpi metallici. Un microscavo, attentissimo, dentro la terra che era nella gerla. Venti pezzi d'argento di buona fattura e buon peso: piatti, coppe di varia forma, un cucchiaino, due forme decorate a sbalzo con figurazioni d'animali
Professor Guzzo, uno "sciacallo" in fuga? E oggetti fabbricati dove?
Il ladro escluso: materiali troppo ben impilati; forse, avvolti in un panno di lana, perch non si sciupassero. Fabbricati chiss dove: all'epoca, non esistevano certo i punzoni. Ma oggetti che, debitamente studiati, potranno "parlare", e dirci qualcosa sulla distribuzione della ricchezza in quel periodo a Pompei; e magari, anche sulla produzione di vasellame in argento nella zona.
Dopo la Casa di Menandro e Boscoreale, il "tesoro" pi prezioso?
Il pi ingente. Ed anche assai importante: perch da almeno tre quarti di secolo non avvenivano recuperi di tal genere. Poi, il restauro di questi oggetti desta in me particolare ammirazione: erano come aggrovigliati nella gerla, ed averli riportati alla luce in queste splendide condizioni finali un grande merito di chi ha lavorato.
Moregine ha restituito anche splendidi affreschi: presto vedremo in mostra, assieme, i dipinti e questi argenti? Moregine uno posto singolare. Gli affreschi ora sono esposti ad Ottawa: magnifici colori, i ritratti delle Muse e di un Apollo Citaredo. Il vasellame ritrovato, stiamo pensando, con la soprintendente di Napoli Maria Luisa Nava, di presentarlo, appunto a Napoli, l'anno prossimo, con altri oggetti preziosi analogamente ritrovati a Pompei o a Ercolano. Ma anche importante sapere che una famiglia di Pompei aveva immobilizzato un discreto gruzzolo di sesterzi in una serie di oggetti da tavola in argento.
Poi, Guzzo spiega l'importanza di ricostituire i contesti, per capire di pi del nostro passato: ricostruire la vita, fino agli ultimi terribili attimi, di tanti cittadini delle due citt sepolte; da questo punto di vista, Moregine, che ci restituisce un edificio ancora in parte da studiare, dipinti la cui iconografia pu derivare da Nerone, gioielli e perfino dei corpi, un luogo abbastanza topico; l, quasi mezzo secolo fa, sono tornate alla luce 125 tavolette cerate relative ai commerci della famiglia dei Sulpicii; il corpo di chi portava via questi argenti non esiste pi, ma vicino erano quelli di due donne e tre giovanissimi, tra cui una bimba di quattro anni e una ragazza di 14; una delle donne portava con s, nella fuga, dei monili in oro; sappiamo che c'erano anche degli schiavi, deputati agli oggetti preziosi delle singole case: che sia uno di loro, ad aver nascosto quattro chili d'argento in una latrina, l'estremo riparo in un edificio ormai prossimo al collasso dove riporre la propria gerla? Ogni ritrovamento, anche questo l'archeologia, motivo e spinta per nuovi ed ulteriori studi ed indagini; e anche in questo caso.
Mentre si ragiona, il ministro Buttiglione parla dei rischi che il terrorismo internazionale potrebbe far correre anche ai musei e ai luoghi d'arte; attualmente, li reputa bassi, ma l'obiettivo di ridurli ancora di pi; perci, insieme con il ministro dell'Interno Pisanu, sar predisposto un piano ad hoc. I sindacati, per, gi accusano la scarsit di uomini e mezzi, vigilanti e risorse. Per la Uil, Gian Franco Cerasuoli valuta che 5.673 addetti alla vigilanza siano in servizio, e ne mancano 6.165; soltanto Pompei, secondo il Ministero, dovrebbe averne 872, e invece ne possiede appena 386: cio meno della met; un deficit di ben 486 persone. Nel 1990, i custodi in servizio erano 9.960, e i musei assai meno di adesso, e aperti per un periodo di tempo certamente, e di gran lunga, inferiore: inoltre, 1.400 persone, di quelle attualmente in servizio, sono impegnate in altri uffici, che non sono i musei: 150 almeno, in quelli centrali della Capitale. Insomma, per i sindacati, il piano di sicurezza deve partire anche da qui.





news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news