LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Regione apre le maglie per i tecnici che censiscono musei, opere d'arte e siti archeologici. Pagano sotto accusa
Massimo Lorello
LA REPUBBLICA - PALERMO VENERD 15 LUGLIO 2005



Riaperto il bando, i 430 non ci stanno: "Prima il posto a noi"

LO DICONO gli stessi dirigenti dell'assessorato che queste persone non possono rimanere precarie per tutta la vita.

Eppure, a oggi, non solo restano prigioniere di un lavoro incerto ma fra poco saranno pure in compagnia di altri lavoratori a tempo determinato sebbene rinnovabile. Cos va l'universo dei catalogatori, ovvero laureati e no ai quali la Regione ha affidato il compito di censire tutti i beni culturali della Sicilia: dalle statue ai libri antichi.

Per reclutare il personale, il 20 dicembre del 2002, sono stati istituiti gli elenchi speciali per esperti catalogatori e ca-talogatori semplici.

Allo scadere del bando e al netto di tutte le scremature hanno potuto lavorare in 430 con contratti a tempo determinato validi fino alla fine del prossimo anno. Ma il nuovo assessore ai Beni culturali Alessandro Pagano, a met del mese scorso, ha riaperto i termini di iscrizione facendo s, di fatto, che si allargasse il bacino dei precari ai quali dare risposte.


Il tutto con buona pace del maxiconcorso da797 posti ai Beni culturali bandito nel 2001 e a oggi in buona parte bloccato per impossibilit (o incapacit) manifesta di selezionare le duecentomila domande (il dato approssimato in difetto) che sono piovute allaRegione. Il concorso dovrebbe risolvere se non tutti, almeno la maggior parte dei problemi di personale dei quali soffre il settore.

Quando chiediamo perch dopo dieci anni di vario precariato non ci assumono, la Regione risponde che non ci sono soldi a sufficienzaracconta una catalogatrice della prima ora Abbiamo iniziato con un contratto da metalmeccanici e siamo andati avanti con le pi diverse forme di pagamento. I catalogatori lavorano 37 ore settimanali e guadagnano fra 1.270 euro mensili (i laureati) e 1.100 (i diplomati) .

Tutto il nostro lavoro di catalogazioneaggiunge la contrattista entro il 2006 sar in rete, non riusciamo a capire il perch di questo nuovo bando e soprattutto non sappiamo cosa ne sar di noi.
Il perch di questa riapertura la spiega il direttore generale dell'assessorato ai Beni culturali Antonino Lumia: Bisogna considerare che circa cento catalogatori sono stati sistemati grazie al maxiconcorso.

Non credo che ci sar un'adesione di massa al nuovo elenco perch non abbiamo modificato i requisiti, non li abbiamo estesi. Poi ammette: Questo dei catalogatori precari purtroppo un problema che si trascina da troppo tempo e che andrebbe risolto.
Fin qui il giudizio tecnico, il perch politico della necessit di lasciare sempre attiva una lista di disoccupati in cerca di sistemazione la azzarda Teodoro La Monica, segretario regionale della Cgil funzione pubblica: Tenere sulla corda chi non halavoro un vecchio sistema che funziona e che serve alla politica soprattutto in campagna elettorale. Sevenissero banditi e portati a termine i concorsi non ci sarebbero pi precari e i precari da sempre costituiscono un sicuro allevamento di voti, spesso distribuito tra candidati diversi.

Il fatto pi grave che questi cittadini in cerca di lavoro non hanno alcuna sicurezza sui loro diritti.

A finanziare i progetti dei catalogatori sono i fondi di Agenda 2000, esattamente l'azione A, misura 2.02 del Por Sicilia 2000/2006 (realizzazione del catalogo unico informatizzato regionale dei beni culturali). Ma quando finir il budget di Agenda 2000 cosa ne sar di questi lavoratori? domanda polemicamente La Monica Noi chiediamo da tempo la loro stabilizzazione. fondamentale che la Regione riveda la sua pianta organica, solo in questo modo sar posibile individuare le necessit reali della pubblica amministrazione e intervenire per risolvere le emergenze. Ma forse proprio quello che non si vuole fare.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news