LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI - Zevi: " qui la pi grande raccolta di leggi romane"
08 ottobre 2016 LA REPUBBLICA



L'ARCHEOLOGO VISITA LA COLLEZIONE EPIGRAFICA CHE SAR INAUGURATA NEL MARZO 2017

TRA gli ospiti illustri, accorsi ad ammirare la nuova sistemazione della collezione Egizia dell'Archeologico, c'era ieri Fausto Zevi, uno dei principali archeologi italiani, 78 anni e oltre 250 pubblicazioni alle spalle di archeologia romana e antichit italiche incentrate su Magna Grecia, mondo etrusco, Pompei, Pozzuoli e l'area flegrea, Ostia. Ma da grande studioso di Pompei (affont da soprintendente archeologo di Napoli l'emergenza del terremoto del 1980 nei siti vesuviani), Zevi stato richiamato dalla nuova sistemazione della collezione Epigrafica del Mann contigua alla sezione Egizia, che sar inaugurata ufficialmente a marzo 2017 con la pubblicazione della guida. Qui, grazie alle ricerche di numerosi studiosi, tra i quali Carmela Capaldi della Federico II, e sotto la guida di Valeria Sampaolo, esposto il corpus pi rilevante di lapidi, graffiti e iscrizioni dipinte o su incise su metallo del mondo classico. Ecco la sala dedicata a Roma. Il museo di Napoli il centro del diritto romano - spiega Carmela Capaldi - qui, e il professore Zevi lo sa bene, c' la pi grande collezione di leggi romane originali inscritte su bronzo, tavole che erano nel Tabularium sul Campidoglio, finite nella collezione Farnese, sono ora qui. Roma non ha questo patrimonio . Fausto Zevi annuisce: cos. Poi si ferma nella prima sala, quella dedicata ai graffiti e alle iscrizioni dipinte da Pompei. Ed eccolo avvicinarsi ai tre grandi blocchi di intonaco che furono staccati nel XIX secolo dalla parete nord della Basilica di Pompei, il tribunale della citt vesuviana. Il professore Zevi, allievo di Rannuccio Bianchi Bandinelli, accademico dei Linceii, ordinario alla Federico II e alla Sapienza, avvicina lo sguardo alla superficie intonacata. E cerca con entusiasmo crescente di rileggere i graffiti in corsivo latino lasciato dagli antichi pompeiani. Quelle pareti sono state per lungo tempo nei depositi, oggi il loro studio certamente pi agevole. Tiberio Caesare tertio Germanico Caesare iter consules legge Zevi, e riconosce il graffito che fissa una data consolare certa, tra 18 e 19 dopo Cristo, prima della morte di Germanico. Poi legge salutem e altri nomi. Ora si capisce bene come queste pareti fossero piene di graffiti - commenta il professore - sono giustamente collocate nel nuovo allestimento alla stessa altezza d'uomo in cui erano a Pompei. Per questo sono piene di graffiti. Una popolazione assai letterata, quello di Pompei, scrive molto bene, con grafia elegante, riporta versi a memoria. Accanto a Zevi, Carmela Capaldi annuisce. Il fatto che i Borbone staccassero non solo affreschi belli, ma anche pareti con iscrizioni, ci dice che avevano attenzione per la vita quotidiana, al contrario di quanto si pensi. Lo dimostrano le pareti con iscrizioni dipinte staccate nel 1755 dalla Villa di Giulia Felice qui esposte .

(antonio ferrara)



news

15-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 giugno 2019

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

Archivio news