LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Quando Arnolfo venne smantellato
Giuseppe M. della Fina
Ia Repubblica, 18 luglio 2005

Lesposizione.
Perugia e Orvieto celebrano il grande artista.

Perugia. La storico dell'arte Bruno Toscano ha teorizzato, qualche anno fa, il rilievo da dare alle tessere andate smarrite e di cui resta traccia solo in negativo nella ricomposizione del vasto puzzle rappresentato dalla storia dell'arte. Ora la mostraArnolfo di Cambio. Una rinascita nell'Umbria medievale curata dallo stesso studioso, insieme a Vittoria Garibaldi, prova a verificare quelle posizioni teoriche. L' esposizione si articola in due sedi a Perugia, nella Galleria Nazionale dell'Umbria, e a Orvieto all'interno della chiesa di Sant'Agostino (sino all'8 gennaio 2006). Vanno visitate entrambe per comprendere a pieno l'importanza di Arnolfo e del periodo d'oro che i due centri vissero nella seconda meta del Duecento e agli inizi del secolo successivo, quando cambia in maniera duratura il loro volto. L'immagine urbana derivata da quella trasformazione e inserita, nel caso di Orvieto, all'interno dell'esposizione: si parte dal Duomo, il cui cantiere venneaperto negli anni Ottanta del XIII secolo, e si raggiunge la chiesa di Sam'Agostino. Una volta a Orvieto, si pu raggiungere poi la chiesa di San Domenico che accoglie il monumento aI cardinale De Braye, una delle opere pi celebrate di Arnolfo. A Perugia sono esposti i marmi superstiti di una fontana che Arnolfo realizz nel 1281 e della quale viene offerta una ricostruzione. Ha avuto vicende singolari: da un lato venne ritenuta cosi significativa da essere affiancata alla Fontana Maggiore di Giovanni e Nicola Pisano per inglobare i celebri bronzi del Grifo e del Leone gia tra i simboli di Perugia; dall'altro venne ridimensionata e smantellata nel volgere di breve tempo. Nel 1300 iI Grifo e il Leone furono asportati e collocati al di sopra del Portale del nuovo Palazzo del Popolo, e da l a qualche anno l'intero monumento venne smontato. Lungo il percorso espositivo non s'incontra solo Arnolfo: l'iIlustrazione della cultura dell'epoca e affidata anche alle testimonianze pittoriche con due tavole di Cimabue e Duccio e un frammento di affresco attribuito a Giotto. La sezione orvietana ha dimensioni contenute quanto al numero delle opere esposte ma due, almeno, sono di fattura eccezionale: un Cristo benedicente, intagliato in una forcella di albero di pero, e una Madonna col Bambino attribuibili entrambe alla bottega del "Maestro Sottile" .



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news