LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Richard Serra. La materia del tempo fa spirali e curve coniche
Paolo Vagheggi
la Repubblica, 18 luglio 2005

La gigantesca installazione dello scultore americano composta di otto pezzi domina una delle gallerie del Guggenheim di Bilbao

Le sculture pesano milleduecento tonnellate e sono alte pi di quattro metri

E molto forte il contrasto fra il bianco della sala e i colori dell'acciaio

Bilbao
Richard Serra racconta che quand'era bambino insieme al padre attravers il Golden Gate Bridge per assistere al varo di una nave e che entrambi questi eventi lo impressionarono fortemente. Oggi quel ricordo viene evocato guardando dall'alto di una delle passerelle sospese del Guggenheim di Bilbao.
Sembra d'essere sopra un ponte e sotto c'e un mare che pare solcato non da scafi ma da sculture.
La grandissima galleria del piano terra, progettata come il resto di questa "museo-icona" da Frank O. Gehry, lunga 142 metri e larga 27 metri, infatti interamente occupata da una gigantesca installazione, di dimensioni senza precedenti nella storia moderna.
E The matter of time (La materia del tempo) costruita da Serra sul linguaggio sviluppato nelle sue Torqued Ellipses: sono otto sculture che "navigano" in rapporto con lo spazio e in relazione reciproca Ie une con Ie altre. E un'installazione, costruita con tre spirali, una Single Torqued Ellipse, una Double Torqued Ellipse, Ie curve coniche di Snake e due opere formate da sezioni sferiche
e torcoidali.
Snake, che e lunga piu di trenta metri e alta quattro, a Bilbao
dal giomo dell'inaugurazione del museo. Ora sono state aggiunte Ie altre sette sculture, tutte in acciaio, pesanti complessivamente
1200 tonnellate, tutte alte pi di quattro metri, formate da enormi nastri attorcigliati, una sequenza di piastre spesse poche centimetri con un diametro che supera i dieci-quindici metri.
L dimensione di ognuna simile a quella di Naples che Richard Serra espose a Napoli tre anni fa in piazza del Plebiscito: una spirale alta quattro metri, composta da sette piastre d'acciaio con un diametro di quindici metri che pesavano piu di 150 tonnellate. Suscit stupore. Ma il risultato finale dell'opera di Bilbao assai pi stupefacente. E una meraviglia nel cuore del meraviglioso edificio di Gehry. E un monumento all'artista americano, tra i pi celebri scultori al mondo, che gareggia con la monumentalit dell'architettura di Gehry, anche lui americano, realizzato da Serra all'eta di 66 anni, a quarant'anni dalla sua prima esposizione, avvenuta a Roma nella galleria "La Salita". Era agli esordi. Present un maiale. Ben poca cosa davanti all'effetto scenografico di Bilbao che nasce dalla visione complessiva delle sculture, dal contrasto tra il bianco della sala e il grigio, l'arancione, l'ambra dell'acciaio, dalla perdita di percezione e di orientarnento che s' avverte nel momento dell' attraversamento di ellissi e spirali. E ha ragione Juan Ignacio Vidarte, direttore del Guggenheim Bilbao, quando dice che quesla e la maggiore committenza della storia moderna di sculture appositamente destinate ad un sito museale.
La materia del tempo non un'esposizione temporanea ma un'opera che entrata a far parte della collezione permanente dei maestri moderni e contemporanei: c' voluto un notevole sforzo: sono stati investiti una ventina di milioni di dollari (cifra tutto sommato modesta per i valori odierni della contemporaneit) ed e intervenuta la multinazionale dell'acciaio, la Arcelor, col cui nome e stata ribattezzata la sala. Afferma Thomas Krens, direttore della Fondazione Solomon R. Guggenheim di New York: La committenza a Richard Serra il culmine di un rapporto tra l'artista e il Guggenheim che dura da 35 anni. Questa galleria stata progettata per ospitare opere d'arte delXXI secolo e Serra, con il suo lavoro a scala monumentale, l'artista perfetto per sfruttarne tutte Ie potenzialit. Aggiunge Vidarre: Questa installazione trasforma il museo in luogo di pellegrinaggio per tutti coloro che sono interessati al presente e al futuro della scultura.
Di sicuro La materia del tempo I'opera pi eclatante della collezione del Guggenheim Bilbao, raccolta in espansione, imperniata su sculture, dipinti e installazioni realizzati tra il 1945 e i giorni nostri. Per ora sono in tutto una novantina, includendo gli interventi esterni di Jenny Holzer, Louise Bourgeois e Puppy di Jeff Koons, cane gigante colorato da centinaia di piante di fiori, simbolo del museo. A questi si aggiunta l'installazione di Serra, che e stata accompagnata dal riallestimento delle gallerie. Il primo piano del museo ora dedicato a mostre a medio e lungo termine di lavori dei musei Guggenheim, in questi giomi solo quelli di Bilbao: Joseph Beuys, Anselm Kiefer, Richard Long, Robert Rauschenberg, James Rosenquist, Andy Warhol... il secondo piano ospita mostre temparanee (fino aI 18 settembre L'impero Azteco) cos come il terzo piano.
E una macchina sempre accesa il Guggenheim Bilbao che dal giorno dell'inaugurazione - ottobre 1997- ha ospitato un'ottantina di mostre e ha accolto circa 7.300.000 visitatori, di cui quasi il 60 per cento stranieri. Alla fine delI'esercizio 2004, questa presenza - afferma il Guggenheim - ha generato un Pil di quasi 1,2 miliardi di euro. Le previsioni - sostiene il direttore - sono state rispettate: nel 2004 ci sono stati novecentomila visitatori che hanno generato pi di 184 milioni di euro di introiti per l'economia dei Paesi baschi con entrate addizionali per l'erario di trenta milioni.
II museo ha contribuito a mantenere - considerando l'indotto - 4.800 posti di lavoro. II bilancio del Guggenheim oggi intorno ai 25 milioni di euro, con una copertura proveniente per tre quarti da privati - banche, industrie, associazioni - dai proventi dei biglietti d' ingresso, e per un quarto da sovvenzioni pubbliche.
Sono questi i numeri di Bilbao, dopo otto anni un "fenomeno" irripetibile - ammette Juan lgnacio Vidarte perch c e c' stato un sommarsi di fattori: dalla posizione geografica della citt ( facilmente raggiungibile dalla Francia e il 25 per cento dei visitatori francese), allo choc provocato dall'edificio di Gehry. Sono 24.000 metri quadrati con un tetto dalle forme ritorte, curve e aggettanti, ricoperto con lastre in titanio, quasi delle squame di pesce rese splendenti dalla luce solare.
E un museo-scultura che ora ospita l'altrettanto spettacolare installazione di Richard Serra, sculture che attingono tutte allo stesso vocabolario - come spiega lo stesso artista - che si collocano all'interno di una polarita tra la spinta verso il basso della forza di gravit, il peso della materia e unelevazione verso l'alto che aspira ad annullare I'effetto gravitazionale.
E un viaggio tra spirali, sfere, ellissi ritorte, cariche di forti richiami borrominiani, da intraprendere senza riserve, "dove a fronte della continuit delle curve Ie osservazioni diventano frammentarie e discontinue".
Percezioni, esperienze per l'osservatore che diventa protagonista dell' opera. E questa la ricerca di Richard Serra.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news