LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'Olimpica da Rutelli a Veltroni
SIMONA CASALINI e GABRIELE ISMAN
la Repubblica cronaca Roma 15-07-2005

il 1960 quando villa Doria Pamphili, il pi grande parco della citt, viene tagliato in due da una strada, la via Olimpica, che prender il nome dall'evento che in quello stesso anno si svolge nella Capitale. Una lingua di cemento nel tratto che parte da piazza Pio XI e arriva a via del Casaletto
In prima linea nella battaglia per la ricucitura tra le due parti di Villa Doria Pamphili fu il grande ambientalista Antonio Cederna. Anche in qualit di presidente della sezione romana di Italia Nostra, Cedema parl pi volte della ferita inferta al parco con la strada realizzata nel 1960.
Due corsie per senso di marcia, in un tunnel a una profondit di circa sei metri, per un costo complessivo di 55 miliardi di vecchie lire: l'interramento dell'Olimpica era nel pacchetto delle opere da realizzare se Roma avesse ospitato le Olimpiadi del 2004. Poi salter per mancanza di fondi.

LA LUNGHEZZA DEI TUNNEL
Ognuna delle due gallerie separate dal progetto approvato dal Campidoglio per riunificare le due parti di Villa Pamphili sar lunga 1700 metri, con due corsie per ogni senso di marcia
IL COSTO DELL'OPERA
Interrare la via Olimpica da piazza Pio XI a via del
Casaletto coster 80 milioni di euro: la prima parte dei fondi stata stanziata nell'ultimo assestamento di bilancio del Comune
LA DURATA DEL CANTIERE
Una volta assegnato l'appalto, i lavori dovrebbero durare non pi di 24 mesi. Alle estremit del parco di Villa Pamphili sono previsti anche due parcheggi


IL GIORNO dopo, s sentono di buon mattino, si dicono di ottimo umore: Non riuscirete a farmi litigare con Veltroni scherza Rutelli con i giornalisti, con lui vado d'accordissimo e sostengo in pieno l'amministrazione di Roma. Ci siamo parlati e insieme abbiamo riso su quanto basti poco a far scoppiare una polemica. Poche ore dopo, il guanto della pace dall'altro versante: Rutelli e io andiamo d'accordo, siamo sempre andati d'accordo e continueremo a farlo, cos Veltroni. Chiusa la partita, dunque? No, qualche strascico rimasto. Un piccolo colpo di scena. Il progetto della giunta Veltroni criticato da Rutelli, quell'interramento della via Olimpica per ricucire i due versanti di Villa Pamphili declassato dall'ex sindaco come non prioritario perch troppo costoso a fronte di altri progetti pi importanti ad esempio la ramificazione tra Circo Massimo e Palatino in verit era stato elaborato e illustrato ai romani proprio dallo stesso Rutelli, nei primi anni del suo mandato. Era il 27 dicembre del 1996. Cos recita un'agenzia Ansa: Entro il Giubileo il parco di Villa Pamphili torner ad essere unito e gli edifici saranno tutti restaurati. Ancora, conlestesse parole di Rutelli: Si tratta di risarcire dopo 40 anni la ferita provocata dalle Olimpiadi del '60.
L'interramento della via Olimpica, allora, faceva parte dei progetti irrinunciabili che Roma avrebbe dovuto realizzare se si fosse aggiudicata i giochi olimpici del 2004, per i quali Rutelli volle concorrere e che invece planarono suAtene. Fu anche un omaggio a un grande ambientalista, Antonio Cederna, che della ricucitura di Villa Pamphili aveva fatto una campagna di alto valore storico e paesaggistico, e che ottenne dall'allora sindaco impegno preciso contro l'orrenda ferita. Non arriv l'Olimpiade, ma si profil il Giubileo e quelle stesse grandi opere pubbliche previste per la Roma dei Giochi, divennero progetti-chiave anche per l'Anno Santo. S, certo, anche Villa Pamphili riunita. Ma poi il piano sfum anche dalle opere giubilar, perch i tempi erano stretti, c'erano presenze archeologiche all'altezza Aurelia antica. Ci s concentr pi sul sottopassino di Castel Sant'Angelo.
S, scegliemmo di accantonare Villa Pamphili, anche se tutti noi eravamo convinti del grande valore del piano ricorda oggi Esterino Montino, senatore e segretario romano dei Ds, ma anche ex assessoredellagiuntaRutelli.Poi, rivolto al suo ex sindaco: Mi meraviglia che Francesco, sempre cos coerente, dopo nove anni abbia cambiato idea. Allora c'era anche Silvio Di Francia, coordinatore della maggioranza del Campidoglio: S, quella riunificazione era una storica istanza del mondo ambientalista. Cederna accett la candidatura alle Olimpiadi con tutta la mole di grandi opere pubbliche purch la "sua" Villa fosse sanata. Per, non vedo nessuna polemica tra Veltroni e Rutelli. E Mario Di Carlo, gi amministratore nelle due giunte e ora consigliere regionale della Margherita: Veltroni non un clone di Rutelli, e viceversa. Va bene cos. In nome dell'unit non bisogna cancellare le diversit, altrimenti si sta in una specie di caserma.
E il centro-destra? Balza sulla singolare spaccatura tra Rutelli e Veltroni, come dice Beatrice Lorenzin, coordinatrice di Fi; La sinistra divisa su tutto taglia corto Marchi (An). Ma, ancora Di Francia: Capisco che al centrodestra piacerebbe molto vederci litigare, ma non cos.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news