LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Storici dell'arte e ambientalisti: basta con lo scempio delle Alpi Apuane. A rischio decine di posti di lavoro
Marco Gasperetti
CORRIERE DELLA SERA 13-07-2005


Tagliamo il monte di Michelangelo
La societ che estrae marmo: cava in esaurimento, spianiamo una nuova vetta, Polemiche in Versilia

FORTE DEI MARMI (Lucca)

E' una delle creste dell'Altissimo, il monte grigio di Michelangelo. Guardando il monte dal mare di Forte dei Marmi sta alla destra della vetta che domina colline e spiagge della Versilia.

Forse ancora per poco, perch dopo millenni da guardiano questo sperone delle Apuane rischia di scomparire per sempre, trasformato in marmo, ridotto in pietre.

La Henraux, societ lapidea versiliese con 147 dipendenti e quasi due secoli di storia, chiede di abbattere la cresta. L'unico modo, sostiene insieme ai sindacati, per mantenere l'occupazione ed evitare il licenziamento di una ventina di cavatori.


Sull'Altissimo Henraux proprietaria delle Cervaiole, l'eccellenza delle cave, da dove estrae uno dei marmi pi pregiati al mondo.

Il giacimento per quasi prosciugato e adesso resta solo il cucuzzolo: cento metri di altezza e trecento di larghezza, secondo i responsabili del Parco delle Apuane, soltanto 50 metri di altezza per i sindacati favorevoli al taglio.

La Versilia si divisa. Sindacati e Comuni sono possibilisti, vogliono trovare un accordo per salvare il lavoro e decine di famiglie che rischiano di restare sul lastrico. Il Parco delle Apuane schierato per il no al taglio, insieme ad
ambientalisti, paesaggisti e storici dell'arte.

Perch per il fronte del no l'Altissimo non solo una montagna, ma uno scrigno di storia.
Qui Michelangelo arriv nel 1517, tracci una strada sino al mare (fondando di fatto Forte dei Marmi) e trasse alla base il marmo migliore. Che gli serv per realizzare le enormi colonne per la facciata della chiesa di San Lorenzo a Firenze, un progetto mai portato a termine.

Il Buonarroti non giunse mai alla vetta del monte grigio, fermato da enormi difficolt. Ma fu lui a scoprire che l'Altissimo era un enorme giacimento marmifero, e lo studi accuratamente spiega Piero Pierotti, ordinario di Storia dell'architettura all'Universit di Pisa . Altri grandi, seguendo la sua tecnica e utilizzando la sua strada fino al mare, usarono quel marmo. Lo fecero Vasari, Giambologna e Ammannati, che da qui trasse il materiale per forgiare la statua del Nettuno in Piazza della Signoria a Firenze.

Ieri a Carrara si svolto un summit, tra i sindaci e gli amministratori di Stazzema e Seravezza, due comuni dell'Altissimo, e il presidente del Parco delle Apuane.

Altre riunioni saranno organizzate nei prossimi giorni per trovare una via di uscita, una mediazione.
Sempre che sia possibile. Dice Giuseppe Nardini, presidente del Parco: L'Altissimo un patrimonio dell'umanit e bisogna fare di tutto per salvare quella cresta. Con un po' di buona volont credo che sia ancora possibile.
Andrea Antonioli, segretario della Cgil della Versilia ribatte: II marmo fa parte della tradizione della vita di intere generazioni. Il problema governarne l'estrazione. Quel cucuzzolo deve essere tagliato per salvaguardare il lavoro di tanti cavatori. Ma in seguito bisogner fare un piano serio per tutelare ambiente e lavoro. Non si pu continuare ad estrarre e poi esportare, il materiale va lavorato in Versilia, come accadeva una volta. E poi devono valere regole uguali per tutti. Non si possono chiudere due occhi a Carrara e scandalizzarsi in Versilia.

Lo scultore Retro Cascella combattuto. Tra etica ed estetica confessa , il primo impulso sarebbe quello di dire gi le mani dall'Altissimo, via le cave dalle Apuane i monti dei grandi capolavori della scultura mondiale. Per ci sono anche gli operai, la loro vita, il loro lavoro. Credo che l'arte, la storia, la cultura e il paesaggio debbano trovare un accordo con esigenze diverse.

Antonio Paolucci, sovrintendente ai musei di Firenze, lancia una proposta: II lavoro va salvaguardato, ma lo sfruttamento delle Apuane ormai intollerabile. Contingentiamo l'uso delle cave, rendiamo il lavoro delle societ che estraggono marmo compatibile con un patrimonio di interesse mondiale. Non pu prevalere l'egoismo di oggi. Questi monti devono essere lasciati il pi possibile intatti, pensando anche a chi verr dopo di noi.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news