LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

II "Satiro danzante" spicca il volo
Francesco De Sanctis
l'Unit, 1 APR 2003





Una mostra a Montecitorio restituisce al pubblico la statua bronzea ritrovata nel canale di Sicilia.

Vigoroso ed elegante, ebbro di vino e di ritmi musicali, forse quelli liberati dai cembali o da strumenti a percussione che hanno rapito la magnifica creatura riemersa dalle acque di Mazara del Vallo fino a farla cadere in trance, trasportata da una danza vorticosa e folle. Il Satiro danzante, recuperato cinque anni fa dalle reti dei pescatori siciliani, da oggi esposto per la prima volta al pubblico, che potr ammirarlo in tutta la sua bellezza nella mostra allestita nella Sala della Regina di Palazzo Montecitorio (catalogo Leonardo International) e ufficialmente inaugurata ieri dal presidente della Camera Pierferdinando Casini, alla presenza del presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi. Un evento, come ha precisato Gabriella Pistone (vice presidente della Commissione del COmitato per la tutela del patrimonio artistico) e come aveva intuito Walter Veltron (allora ministro per i Beni culturali) quando, nel 1998, la statua bronzea mancante di braccia e della gamba destra fu ritrovata nel Canale di Sicilia a circa 500 metri di profondit. Da allora, un anno dopo il ritrovamento della gamba sinistra, il satiro stato sottoposto alle cure dell'Istituto di Ricerca di Roma, che ora ce lo restituisce restaurato. Malridotto per la permanenza sui fondali marini, la statua, ha detto Roberto Petriaggi (direttore dei lavori di restauro e responsabile del Nucleo per gli interventi di archeologia subacquea I.c.r. Roma, oltre che curatore della mostra), presentava un notevole deturpamento e mineralizzazione della superficie. Il fatto di
non avere un sostegno naturale ha poi reso ancora pi rischiose le indagini diagnostiche e la fase di pulitura. stato quindi messo a punto un macchinario simile a un cestello della lavatrice, che consentiva di operare sul bronzo in totale sicurezza. Dopo i rilevamenti per accertarne lo stato clinico e fare una mappatura della superficie si proceduto con un restauro manuale e con strumentazione di tipo chirurgico - ha raccontato Petriaggi - per liberare la "pelle" del satiro da incrostazioni ed elementi marini.

Gi settemila le prenotazioni per il Satiro danzante. Molto probabilmente la statua, una lega in bronzo, rame e piombo, risale al IV secolo avanti Cristo. Ma per ora, tutte le ipotesi sulla datazione precisa e sulla ricostruzione del contesto sarebbero azzardate. Non si sbilanciano, infatti, gli storici dell'arte che si limitano ad ammirare la magnifica creatura - come la chiama il profes-sor Petriaggi - che sembra voler spiccare il volo. Proprio per non bloccare questo guizzo di libert Petriaggi non avrebbe voluto il Satiro danzante in una teca in cristallo, come apparir invece nella ex chiesa di S. Egido a Mazara da giugno in poi, dove torner il satiro. Perch giusto che resti in Sicilia, ha detto Sebastiano Tusa, responsabile de) gruppo di intervento di archeologia subacquea dell'Assessorato per i Beni Culturali ed Ambientali della Regione siciliana. Ma la teca in cristallo necessaria per preservare la statua dalle condizioni atmosferiche. Il bronzo sar collocato su un basamento antisismico. II satiro esposto a Montecitorio al centro di una struttura che accentua la sua plasticit e il movimento rotatorio del corpo stesso (la rampa di scale che lo circonda va percorsa dal sinistra a destra, in senso antiorario). La sua espressivit appare ottimale per i due terzi, e questo farebbe pensare che la statua faceva parte di un gruppo. Cos la pensano Petriaggi e Tusa, mentre Paolo Moreno, professore di Archeologia e storia dell'arte greca e romana all'Universit di Roma Tre, non parla di gruppo e attribuisce la statua a Prassitele. Secondo Moreno confermerebbero l'origine greca lo spessore del bronzo
(6-7 millimetri) e la fusione separata delle tre dita centrali del piede della statua. Ma, considerando la lega, potrebbe anche trattarsi di una splendida copia romana.

La discussione scientifica sul satiro prender il via probabilmente il 29 e il 30 maggio a Roma, quando gli studiosi saranno chiamati a confrontarsi pi in dettaglio sul prezioso ritrovamento. Alcune certezze, tuttavia, ci sono. Innanzitutto non c' alcun dubbio sul fAtto che si tratti di un satiro (lo confermano le orecchie a punta e il foro visibile sulla schiena dove si inseriva la coda), Alto circa due metri e pesante 108 chilogrammi, il satiro fa parte della corte orgiastica che accompagnava Dioniso, il dio greco del vino. La cosa che pi colpisce senza dubbio questo movimento rotatorio dovuto ad una danza furibonda, una sorta di antico sirtaki. E il satiro danzante sta giusto per saltare, proteso sulla punta del piede destro e la gamba sinistra sollevata. Il suo busto ruotato e la testa, con i capelli al vento, abbandonata all'indie-tro, quasi a toccare le spalle. Se fosse un ballerino di danza classica, sarebbe immortalato mentre descrive Un jet. Difficile ricostruire il movimento delle braccia, anche se probabilmente sul sinistro era avvolto una pelle di pantera e la mano teneva la coppa di vino vuota, mentre la mano destra, forse, scuoteva il tirso, una lunga asta sormontata di edere, Certo, molti interrogativi per ora sono senza risposta, ma la sinergia delle istituzioni e l'impegno dei tecnici ci hanno restituito la statua senza danneggiarla. E questo, per ora, quello che conta.



news

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

22-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 agosto 2019

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news