LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La settimana del DPEF reticente
Tito Boeri
LA STAMPA 12-07-2005




GIOVED l'incontro con le parti sociali e venerd il Consiglio dei ministri. Dovrebbe essere questa la settimana decisiva per 2 Documento di Programmazione Economica e Finanziaria (Dpef) 2006-9. Arriva, come sempre, in ritardo: a norma di legge, il Dpef doveva essere presentato in Parlamento entro il 30 giugno. Ma questa volta il ritardo pu tornare utile: si potr tenere conto della riunione Ecofin di oggi, dando un segnale chiaro ai mercati sulle intenzioni del governo di prendere sul serio le raccomandazioni che i ministri delle Finanze dell'Unione europea formuleranno sul deficit eccessivo dell'Italia. Collocandosi pi a ridosso della Finanziaria, il Dpef potr anche rendere esplicito l'impegno programmatico del governo da qui a fine mandato, alla luce di accordi presumibilmente raggiunti nella maggioranza quanto alla politica di bilancio prossima futura.
La bozza che circola in questi giorni per la verit ci aiuta a capire dove andremmo in assenza di interventi correttivi, ma molto reticente su cosa intende fare il governo per porre rimedio a un quadro dipinto realisticamente a tinte molto fosche. I dati tendenziali, il quadro a bocce ferme, confermano pienamente gli allarmi lanciati ripetutamente su queste colonne nell'ultimo anno sullo stato dei nostri conti pubblici. Il disavanzo si attester al 4,3 nel 2005 e al 4,7 nel 2006, mentre torner a salire il rapporto fra debito pubblico e Pii.
Si sfora alla grande insomma e per ragioni che potevano essere largamente previste all'inizio di quest'anno quando ancora il governo prevedeva un deficit al 2,7% o a fine aprile quando si introduceva la forbice con un limite superiore al 3,5%. Potevano essere previsti perch si sono riviste per tempo le stime di crescita della nostra economia, si sono sovrastmati gli effetti delle misure di contenimento della spesa previste dalla Finanziaria e si sono avallate pratiche contabili che difficilmente avrebbero passato il vaglio di Eurostat. Oggi si riconoscono di fatto questi errori. Ma si reticenti sui correttivi.
Non che l'aggiustamento programmato dai Dpef per il 2006 sia marginale. Le misure correttive valgono quasi un punto di Pil, dovendoci portare dal 4,7 al 3,8% di disavanzo. Ma i saldi, di per s, sono poco informativi. Conta soprattutto il modo con cui si intende procedere, tagliando te spese o aumentando le tasse e come. Ma la bozza di Dpef non dice nulla sulla composizione di questo aggiustamento. Solo un Dpef meno reticente a riguardo pu servire a tranquillizzare i mercati e a permettere un dibattito informato in Parlamento. Bene porvi rimedio prima di gioved. Non c' davvero tempo da perdere.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news