LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli, la priorit assoluta dare un lavoro ai giovani
Marco Guidi
Il Messaggero, 12/7/2005

NAPOLI - Le grandi mostre di Napoli? Direi le grandi mostre a Napoli. Sa quanti napoletani sono venuti a vedere quella bellissima dedicata a Velazquez? Il 20% dei visitatori, l'80 arriva da fuori.
Nicola Spinosa, soprintendente ai Beni artistici e culturali, compie un'analisi serrata: Il Rinascimento napoletano dell'allora sindaco Bassolino? S, allora si seppero cogliere l'orgoglio, l'identit di una citt. Andato via Bassolino per ci si rese conto che mica si pu vivere solo di progetti e di speranze. E in questa citt la cui sola industria stata l'edilizia non si vissuto d'altro, con i giovani che escono dall'universit e non trovano un lavoro e con l'edilizia sostituita da un'altra e sola industria locale, la camorra. Una camorra che ha frantumato il territorio in tante parti controllate ognuna da un clan diverso. E conta poco che abbiamo le stazioni del metr pi adornate da opere moderne se intanto il centro storico, la citt antica, stanno diventando assolutamente impraticabili con l'intrusione quotidiana di bande che arrivano da periferie ancor pi degradate. Con gli anni tutti i progetti sono venuti meno, basti pensare a Bagnoli. Qui mancano il governo della citt e quello del territorio e ci sono responsabili.
Bassolino che non sa fare squadra e la Iervolino che semplicemente non sa amministrare. E intanto uno dei monumenti pi importanti, come palazzo D'Avalos, sta crollando e abbiamo due gallerie d'arte moderna di cui non si sa bene cosa fare. E l'Albergo dei Poveri su cui sono state spese tante parole? Abbandonato al degrado. Troppa improvvisazione e poca concertazione e nessuna programmazione, questa la citt dove ci si incontra e non si riesce a comunicare. E noi, ormai anziani, che lottiamo per mantenere in vita i nostri settori e intanto ci tagliano i viveri, e i giovani disperati, senza una prospettiva che non siano lavori a contratto, saltuari e malpagati. E cos questa citt, un tempo affascinante, punto di incontro tra occidente e oriente, lentamente si squaglia, scompare e i nostri successori non hanno nemmeno pi i sogni, i progetti, la tensione morale che ci caratterizzarono. Per riuscire a rimediare? Le solite cose che tutti dicono e nessuno fa: riconquistare il territorio, smetterla con gli interventi di sola facciata, ma soprattutto dare un lavoro, vero, ai giovani.
L'analisi disperata e disperante di Nicola Spinosa va a confrontarsi con quella di Gennaro Ferrara, storico rettore dell'universit Partenope, gi Navale. Le responsabilit di tutto questo? Non ce n' una sola, tutti quanti hanno le loro colpe, anche se non nella stessa misura e nella stessa qualit a partire dalle istituzioni, autoreferenziali e autocelebrative. E dire che negli ultimi 15 anni la citt ha avuto una grande occasione di ripresa. Quando scoppi la grande crisi del settore siderurgico pubblico, Bagnoli, contemporaneamente and in crisi l'area portuale e anche il settore petrolchimico. Allora era l'occasione per cambiare il volto della citt, per cambiare il porto da universale a specialistico. Invece chi poteva individuare una strategia complessiva non ha avuto respiro culturale e progettuale. Si accontentato dell'imbellettamento autocelebrativo del cosiddetto Rinascimento napoletano. Il rettore non nomina mai Bassolino ma come lo facesse. E prosegue: D'altra parte creare citt dormitori lasciate al loro destino, come Scampia o Secondigliano, ha avuto l'effetto di produrre dei veri ghetti, dove illegalit e malavita prosperano.
E qui torna fuori, come nelle puntate precedenti, il problema del tempo. Il tempo un fattore fondamentale, non ne abbiamo molto per intervenire. Anzi, abbiamo tempi ristretti.
E si ripete ancora una volta il solito leit motiv: per salvarsi bisogna fare sistema, agire tutti insieme. Se le istituzioni, le universit, il governo locale e quello nazionale, prefettura, carabinieri, polizia, imprenditori si raccoglieranno tutti insieme potremo ancora farcela. Sapendo che c' molto da fare, anche perch se da altre parti quattro pi quattro pu fare dieci qui da noi fa al massimo sei.
Insomma, comunque la si giri, l'aspetto della citt rimane il medesimo. E vale in fondo poco riesaminare i tanti errori e le poche cose positive, sta di fatto che oggi Napoli malata grave. Episodi di assalto al salotto buono, come le rapine fatte usando le auto come arieti in pieno centro sono prima di tutto uno sfregio, un sintomo (considerato che spesso avvengono a non oltre duecento metri da caserme e stazioni della forza pubblica). I giovani, soprattutto quelli dei quartieri periferici ma anche dei centrali quartieri spagnoli, crescono nell'evasione scolastica e nel disprezzo per tutto quello che legalit. Poliziotti e carabinieri, basta chiedere in giro, sono sbirri, nella migliore delle ipotesi. Anche qui si interrotta una antica consuetudine, tu eri sbirro e io mariolo, quando mi prendevi mi andava bene andare dentro. Ora non pi: migliaia di persone cui negato tutto vogliono ogni cosa superflua: cellulare ultima generazione, auto di lusso, orologio di marca. E se la vanno a prendere dove possono, dove vogliono. E l'altra parte della citt comincia a ripensare al triste invito che fu di Eduardo: Fuitevenne, scappate.









news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news