LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Eureka, i robot prima di Cristo. In mostra la tecnologia del mondo antico
Stella Cervasio
la Repubblica, Napoli, 12/7/2005

" Vedete il signore sulla scala? Per gli antichi gli automi erano questi. Eugenio Lo Sardo, curatore della mostra dell'Archeologico dedicata alla tecnologia dei greci, "Eureka", indica gli operai che alle prese con un'alta bacheca di vetro lavorano all'allestimento nelle sale del museo. Macchine o uomini? Non sapremo mai com'erano le "teste parlanti", come ebbero a definirli in un libro Sellerio del '99 i glottologi napoletani Massimo Pettorino e Antonella Giannini. I robot degli antichi. I giganti di bronzo, i cani d'argento, le splendide ragazze d'oro che accompagnavano il passo malfermo di Efesto, il fabbro divino. Ma possiamo tentare di immaginarlo nelle sale della mostra che sar aperta per i prossimi sei mesi (fino al 9 gennaio, tutti i giorni tranne il marted, 9-19.30; biglietto 9 euro con la visita al museo, catalogo Electa Napoli, con un testo di Salvatore Settis) nelle sale intorno al cortile, alcune delle quali hanno ospitato negli anni passati le mostre di arte contemporanea. A finanziarla stata la Regione Campania e ieri a inaugurarla c'erano anche il viceministro dei Beni culturali Antonio Martusciello, la soprintendente Maria Luisa Nava, il soprintendente regionale Stefano De Caro, gli assessori Marco Di Lello per la Regione e per la Provincia Antonella Basilico.
"Eureka" o, si potrebbe dire, il sequel di "Homo Faber", che costitu un fulcro d'interesse esteso all'Europa intera, partito proprio da Napoli. Indagate le applicazioni della tecnologia degli antichi, questa volta si cerca di risalire alle sue origini. Le sezioni sono undici, si aprono con gli"automata", le macchine giocattolo dei re o i mitici custodi difensori di citt e palazzi inespugnabili, narrate da Omero o da Apollonio Rodio e ricostruite nel Seicento da geni immaginifici, come il gesuita dal multiforme ingegno Athanasius Kircher, al quale Lo Sardo ha dedicato nel 2001 la mostra romana "Il museo del mondo" . Invenzioni pagane che la cristianit doveva strappare all'ambito originario e riproporre in area scientifica, provandone la razionalit. Anche se Kircher qualche volta sembra si lasci prendere la mano.
Appena entrati, come nella trama di Metropolis di Fritz Lang, incontriamo i greci che si ponevano il problema di sollevare dai lavori umili gli schiavi. Se dobbiamo credere a quanto scrive in uno dei suoi gialli della serie di Aristotele Margaret Doody - citata in catalogo da De Caro - il problema non era secondario, anche se la manodopera costava infinitamente meno della ricerca scientifica. Si pone poi la questione delle sembianze del robot avanti Cristo. Dall'automa-donna di Metropolis a C3PO di "Guerre Stellari", non difficile immaginare una iconografia. Ma la mostra propone uno spettacolare vaso proveniente da Ruvo di Puglia che raffigura un gruppo. Al solito, la lettura delle figure che affollano le "strisce" sulla ceramica non appaiono di facile lettura. Ma qui l'effetto immediato: i guerrieri sorreggono un gigante flaccido, lo sguardo fisso, meccanico, il corpo biancastro, diverso da tutti gli altri comprimarii. Su un altro cratere, che viene dal Museo del Sannio, pi o meno la stessa scena: il titano che crolla, dal piede un genietto gli sfila qualcosa. Si tratta di Talos, il robusto guardiano di Creta, programmato per scagliare sassi contro le navi nemiche in avvicinamento. La maga Medea lo seduce, lo fa inciampare, dalla caviglia fuoriesce la vita (forse una metafora della fusione a cera persa, che si lasciava uscire dalle statue di bronzo). Cos gli Argonauti possono sbarcare. Non che una delle "creazioni" evocate in questa prima sezione. Opere di Efesto, ma anche di Dedalo, raffigurato con Icaro in volo su un intonaco ercolanese. L'azzurro di quel cielo familiare a chi conosce il quadretto del veneziano Carlo Saraceni conservato a Capodimonte, ma l'artista barocco non poteva averlo visto.
Dalle terre del mito il viaggio continua con l'ellenismo. Siamo nel 336 avanti Cristo, nei tredici anni di regno di Alessandro Magno scienze e arti fioriscono. Ecco il mosaico della Casa del Fauno che presto torner al suo posto "donato" dai mosaicisti di Ravenna e la Tazza Farnese che raro vedere a una mostra. La "Pneumatica" la sezione dedicata a fontane e acquedotti. Un modello quello della Fontana della Civetta, uno dei meccanismi adottati secoli dopo per abbellire giardini e grotte di principi, un altro invece, nel cortile, riproduce l'orologio ad acqua di Ctesibio. "Il teatro delle meraviglie " propone il plastico del Teatro di Dioniso, con le menadi che girano e il fuoco che si accendeva come per magia. Compito di geni della scenografia, come i settecenteschi Bibbiena, ereditarne i dettami e metterli a frutto. ancora Vitruvio a raccontarci gli strumenti musicali dei greci (e solo cinque composizioni sono giunte fino a noi). L'Atlante Farnese collocato in un planetario simbolo della sezione dedicata alla geometria dell'universo. Poi scienze naturali ed esatte. Per chiudere con una delle sette meraviglie del mondo: il Faro di Alessandria, progenitore dei moderni grattacieli, alto 120 metri, che, come racconta Filippo Coarelli nel suo saggio in catalogo, utilizzava uno specchio enorme per rimandare la luce del fuoco a 55 chilometri di distanza. Per le navi, nessun pericolo. Tranne quello di scambiarlo per una stella.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news