LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Vi spiego la chimica del Getty. A colloquio con Giacomo Chiari
Sylvie Coyaud
Il Sole 24 Ore, 10 luglio 2005

Parla il cristallografo italiano incaricato della conservazione delle opere al museo di Los Angeles

LUnione internazionale dei cristallografi terr il suo XX congresso nella Fortezza da Basso (abbastanza capiente per i tremila chimici previsti) di Firenze. Tra il 23 e il 31 agosto, interverranno tra gli altri Roald Hoffmann, Nobel per la chimica 1981, Martin Kemp, lo storico dell'arte che i lettori ben conoscono, Doris Schattschneider, la matematica che nei quaderni di Maurits Escher ha trovato la fonte di simmetrie che i cristallografi non avevano immaginato e che poi sono servite a riconoscerle nella configurazione delle molecole. Perch Firenze citt d'arte e un XX congresso un'occasione da festeggiare, il segretario generale del comitato scientifico Carlo Mealli delPIccom-Cnr ha voluto aprire al pubblico le sessioni meno tecniche e la mostra Arte e cristallografia. Il programma si trova sul sito http://www.iu-cr2005.il/iucr2005.htm.
Domenica 28, Giacomo Chiar chiuder la sessione sui beni culturali con un intervento dal titolo n blu dei Maya: svelato un antico mistero. L'abbiamo incontrate alla Fondazione Getty di Los Angeles a fine giugno (in quel momento il suo presidente Barry Munitz era molto presente nei media: nel 2004 aveva percepito 1,2 milioni di dollari, retribuzione ritenuta troppo lucrativa dall'organo di autoregolamentazione degli enti non a scopi di lucro).
Nella parte riservata agli addetti, la Fondazione ospitava generosamente scienziati, artisti, divulgatori e storici dell'arte per l'incontro Image & Meaning in Science sulle tecnologie, soprattutto informatiche, che rendono sfumato il confine tra rappresentazione esatta e immagine mediatica. Era organizzato da Feh'ce Frankel, la fotografa scientifica, dal Massachusetts Institute of Technology e dalle universit della California. Privilegio dei partecipanti, potevano girare per tutto il Getty e con il permesso di Felice saltare una sessione per chiacchierare con Giacomo Chiari.

Tornerebbe in Italia?.
Giacomo Chiari sorride e spalanca le braccia. Alla sua destra, ci sono i giardini color smeraldo di Beverly Hills e in lontananza i grattacieli del centro di Los Angeles che bucano il solito strato d'ozono grigio e marrone. A sinistra, l'oceano e i primi contrafforti dei monti di Santa Monica nell'aria tersa. Davanti e dietro a s, distribuiti su due colline appositamente spianate tra Sunset Boulevard e una superstrada ingorgata da mattina a sera, ci sono i vari edifici della Fondazione Getty. Da sotto, sembrano padiglioni ospedalieri, il tipico omaggio di Richard Meier a Le Corbusier. Una volta sull'acropoli, giardini, piazze, terrazze, scalinate, bastioni di travertino disegnano spazi accoglienti, gli edifici del museo verso il mare; gli uffici, l'auditorio, i centri studi, i laboratori di ricerca verso le montagne.
Dal gennaio 2003, Giacomo Chiari direttore scientifico del Getty Conservation Institute. Ci arrivato da Carmagnola, passando dall'universit di Torino dove si era specializzato in mineralogia e in cristallografia. Nel 1968, aveva seguito Giorgio Torraca, un suo professore, in Iraq fra gli scavi di citt mesopotamiche, scoperte anche nel senso di essere rimaste senza riparo dalle intemperie. Occorreva trovare il modo di preservarne i mattoni di terra, inventare il modo per evitare che con la pioggia ridiventassero fango. Poi nel 1975, l'Unesco gli aveva chiesto di salvare certi bassorilievi peruviani in terra cruda dipinta, vecchi di 2.800 anni. Da allora ha passato met del tempo sul campo e met sui campus.
E ancora cos perch la Fondazione Getty finanzia progetti di restauro in tutto il mondo e perch le opere conservate al museo Getty sono in perfetto stato e non hanno bisogno di lui. Le va a trovare lo stesso, le antichit soprattutto, per la curiosit, per capire com' stato fatto un oggetto, quale tecnica stata usata. (Sono sottratte alla curiosit del pubblico fino all'apertura della Villa di Malibu, le loro nuova sede, nel 2006). In questi giorni sta in laboratorio con le mummie e i ritratti del Fayoum in preparazione di una mostra, con certi vasi greci dalla decorazione insolita. Non cita nemmeno il Van Gogh appena giunto per una diagnosi, gli pare banale. Quello che un chimico, in particolare un cristallografo, cerca di vedere ci deluderebbe, dice. Guardo nel piccolo, ad atomi e molecole. Qualunque alterazione in qualunque opera d'arte, quadro o fortezza che sia, avviene al livello atomico. Da l, si risale di scala in scala fino all'opera, al suo ambiente, alle ragioni vere del degrado macroscopico. Quali sono? Gli uomini. E il clima, le muffe, i batteri, l'inquinamento, i terremoti? Se vuole un elenco in ordine di gravit, prima gli uomini e poi l'acqua. Il resto secondario. Gli uomini, cio guerre, urbanizzazione, mercato globale e nero, ma anche la loro voglia di strafare, i restauri sbagliati. Ancora troppi anche se ormai i criteri sono chiari. Nel passato, diciamo dal Settecento a met del secolo scorso, per ignoranza dell'oggetto da restaurare e delle sostanze che si usavano per farlo, sono stati combinati i pasticci ai quali ci tocca rimediare. Negli anni Sessanta, con Cesare Brandi, si affermato il concetto di reversibilit degli interventi. Oggi sappiamo che l'ideale a cui tendere, non la soluzione ai nostri problemi. Pensi a una superficie di mattoni di fango che si sta disgregando. Uso una sostanza per consolidarla, so che esiste un solvente per rimuoverla, il quale scioglier pure i mattoni. Cosa devo fare, allora? Oggi prevalgono i concetti di minimo intervento, di ritrattabilit, di rispetto per la superficie. Cercher di non modificarne n l'aspetto n per quanto possibile la composizione chimica. Cos, le parti trattate e non trattate saranno compatibili, potranno convivere senza problemi. Nel futuro, non richiederanno interventi distinti per curare la superficie originale e quella aggiunta. In attesa che siano scoperte soluzioni a lungo teraii-ne, dobbiamo cercare di fermare, o di frenare il degrado per cinque o dieci anni invece che nei secoli dei secoli. Da scienziati dobbiamo avere l'umilt di aspettare i risultati di nuove ricerche. E nel frattempo? La parola d'ordine sapere quello che si fa o non fare niente.
Non una resa definitiva: ogni oggetto immesso in condizioni ambientali e magari si pu agire su alcune di queste. Roald Hoffmann, venuto a dare una mano alla cronista, suggerisce giganteschi freezer nei quali immettere quadri, sculture, monumenti e la nave Vasa, che si potrebbe tenere in animazione sospesa, magari a temperature vicine allo zero assoluto perch l'agitazione termica dei suoi atomi si plachi, finalmente, e regali tempo agli scienziati. I quali praticano una disciplina ancora senza nome, gli fa notare Chiari, che trova conservation science un termine poco convincente: L'archeometria, che studia come, quando, dove un oggetto culturale sia stato fatto, ha molto poco a che vedere con la conservazione; "studio per la preservazione, il ricupero e la salvaguardia dei beni culturali" plumbeo! La nostra scienza un misto di chimica, fisica, geologia, storia dell'arte... Se qualcuno inventa un nome breve e chiaro, mi avverta. Deve attirare gli studenti, per loro il lavoro c'. Infatti. Dopo un anno come scholar intern in residence al Getty Conservation Institute, Francesca Casadio stata incaricata di fondare il laboratorio scientifico del Museum of Fine Arts di Chicago. C' anche Marco Leona al Metropolitan di New York, segnala Roald Hoffmann.
Quando si parla di arte contemporanea Chiari ha degli incubi in cui ricorrono polimeri, vernici acriliche e altri materiali in uso da quarant'anni a questa parte. Invecchiano male e provocano conflitti. Ha presente lo squalo?. Come no. Il titolo esatto The Physical Impossibility Of Dea-
th In The Mind Of Someone Living. Damien Hirst l'aveva venduto a Charles Saatchi che l'ha rivenduto per 17 milioni di dollari. stato ribattezzato II sottaceto pi caro del mondo dai quotidiani inglesi. Forse Hirst almeno da giovane, voleva davvero che si spappolasse davanti a tutti. Ma chi l'ha comprato vorr ritrovarsi tra qualche anno con dei brandelli di carne sul fondo di una teca e sopra un liquido grigio e opaco?.
Dei rapporti con gli artisti si occupano i conservatori, dice Chiari senza rimpianti, io faccio un altro mestiere. Lo fa bene, risaputo. Tanti chimici provano una vera e propria passione per un colore, il suo il blu. I blu. li blu egiziano poi il lapislazzuli del cielo di Michelangelo nel Giudizio e infine quello dei Maya. Gli ho dedicato cinque anni della mia vita. Come mai? Perch un turchese di una bellezza estrema, tutto artificiale, un gioiello della nanotecnologia precolombiana. Perch complesso e perch, per un cristallografo c' da divertirsi. Si deve usare tutto l'armamentario a disposizione, sincrotrone, neutroni... Le procedure standard per identificare i pigmenti non bastano.
Ne ha scoperto il segreto con avventure degne di Indiana Jones che racconter a Firenze (per ora diamo soltanto due indizi: indaco e palygorskite).
Allora torna in Italia? Spesso, per congressi, progetti internazionali, per seguire le collaborazioni di vari enti di ricerca con il Getty Conservation Institute. Ma da qui me ne vado solo se mi cacciano a pedate.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news