LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Duomo, viaggio fra le statue restaurate
Matteo Chiarelli
Il Giornale, cronaca Milano, 11 luglio 2005

Entro il 2007 sar tutto finito. Via ponteggi e impalcature. E i marmi di Candoglia tornano a risplendere. Dopo gli interventi del Dopoguerra e degli anni Settanta, il restauro della facciata del Duomo in atto dal 2003 si avvia al termine. Rispetto al precedente lavoro sulla facciata - afferma Benigno Morlin, direttore della Veneranda Fabbrica -che per non comprese il risanamento alle guglie eseguito ora, e che si bas forse pi su di un'opera di pulizia e di consolidamento, questa volta ricostruiamo e sostituiamo anche tutte le parti di marmo rovinate.
Un viaggio tra le guglie in compagnia dei maestri della Fabbrica ci ha permesso di fare il punto della situazione. Un tour che rivela una nuova statua di San Zaccaria. La abbiamo dovuta sostituire perch era troppo rovinata, continua Morlin. E la colpa , come al solito, dell'inquinamento. L'intervento ha puntato a ripulire i depositi e le incrostazioni mediante un lavaggio che ha reso necessario un intervento particolarmente drastico con speciali macchinai!
II Duomo torna bianco cos i maestri cancellano il tempo e lo smog
Viaggio nel cantiere dove 60 restauratori da due anni e mezzo
lavorano per ridare luce al marmo della cattedrale. L'inquinamento il nostro principale nemico


Tra un colpo di martello pneumatico e un rullare di trapani elettrici, la facciata del Duomo di Milano sta pian piano riacquistando l'originario splendore. L a lavorare sapientemente i marmi della cattedrale sono una sessantina di operai della Veneranda Fabbrica, specializzati nel restauro. Alcuni di loro prestano servizio nelle cave di Candoglia, dove ancora oggi, dopo secoli, si estrae il marmo necessario alla chiesa. Altri sono in un laboratorio dove vengono ricostruite, secondo i modelli originali, le strutture marmoree da sostituire. Altri ancora invece, circa una trentina, hanno passato gli ultimi due anni e mezzo sulle impalcature montate a ridosso della facciata. Si potrebbe dire che il Duomo sia davvero nelle loro mani.
A me piace questo lavoro. Silvano Cirimbelli a parlare, muratore specializzato, da tempo impegnato nel sempre aperto cantiere della cattedrale. Lo incontriamo all'opera proprio sulle impalcature di facciata della cattedrale, dove l'ingegner Morlin Visconti Castiglione, direttore della Fabbrica, ci conduce in visita. Ormai - prosegue Silvano - ho tanto lavoro alle spalle eseguito per il Duomo. Qui stanno rifacendo un tassello d'angolo - interviene Morlin -, stanno rimuovendo un pezzo di marmo rovinato, per poi alloggiare il nuovo blocco. Sotto lo strato di marmo appena rimosso appaiono alcuni mattoni in cotto: Questi sono mattoni che risalgono al tempo di Napoleone - continua l'ingegnere -. Siamo nella zona della facciata che fu realizzata intorno al 1810. E proprio per volere di Bonaparte che, dopo secoli di dibattiti e progetti mai attuati, fece finalmente portare a termine i lavori. Silvano ha appena finito di trapanare: Ho tolto un blocc di marmo. Era rotto sia all'interno sia all'esterno. Ora dobbiamo ordinare il pezzo nuovo che entro due o tre giorni sar qui. Sembra stanco: Si soffre un po' il caldo - ammette -, ma questa parte di lavoro , forse, la pi semplice. Pi in alto invece, quando eravamo nella zona delle guglie, che ormai abbiamo completato, c'era molto pi da fare, c'era tanto ferro vecchio.
Mentre continua il nostro tour sui ponteggi, l'ingegner Mrlin ci mostra lo stato dei lavori: Questa statua di San Zaccaria abbiamo dovuto sostituirla perch era troppo rovinata. E la colpa, come al solito, da imputare all'inquinamento: Si, il degrado e certe rotture avvengono principalmente per i inquinamento ma anche per altre cause, come quelle strutturali, piccoli assestamenti che formano crepe, oppure per l'azione del caldo e del freddo. Ci viene indicata una lastra di mar-mo ancora in via di sostituzione che appare estremamente rovinata: Questo marmo - afferma Mrlin - rimane immerso nell'aeroso/ della nebbia milanese per troppi anni. L'effetto chimico lo comincia a disgregare e in seguito intervengono il caldo e il freddo. Dai e dai il materiale cuoce completamente, si polverizza nella parte superficiale e perde completamente di coesione.
Ci chiediamo, allora, se i continui restauri che interessano la cattedrale meneghina siano forse causati dalla tipologia particolare del marmo di Candoglia. Il marmo del nostro Duomo - ci risponde - un carbonato di calcio e per consumarlo in realt basterebbe del succo di limone, che un acido modesto. I marmi travertini invece, come quello della Cattedrale di San Pietro a Roma, presentano gli stessi fenomeni di usura per le azioni atmosferiche e le stesse rotture meccaniche, ma resistono un po' di pi all'aggressione chimica. Dopo i restauri in facciata del 1972, quindi i successivi sul lato nord, poi sul lato sud e in ultimo quelli all'abside, terminati circa quattro anni fa, si riattaccato di nuovo con la facciata: Noi abbiamo una manutenzione programmata. E' un lavoro continuo. C' tantissimo da fare. Basti pensare, ad esempio, che solo sulla facciata ci sono tre chilometri di lesene su cui dover operare e oltre quattrocento pezzi di statuaria. Mrlin ci mostra, poi, i doccioni laterali che scolano l'acqua piovana: Ultimamente con una telecamera abbiamo fatto una videoispezione nei canali interni dei doccioni, per riuscire ad analizzarne il percorso e poterli quindi intubare con un materiale plastico che aderisca alla struttura ed eviti cos i problemi d'infiltrazione d'acqua in caso di intasamento. Gli interventi di manutenzione alla cattedrale sembrano davvero non finire mai (la conclusione prevista fra un paio d'anni). Il lavoro viene bene - commenta infine Mrlin -, purtroppo un po' lungo.

Storia
Nella facciata 400 pezzi
liberate dall'impalcatura; le dodici guglie del Duomo spuntano in tutto il loro splendore. Da san Biagio a san Giovanni Battista de la Salle, la cattedrale si mostra in tutto il suo splendore. Era il 1386 quando la Fabbrica diede inizio ai favori e solo nel 1774 fu completata la guglia maggiore, alla cui sommit fu posta la Madonnina. Dedicata a Mariae nascenti e collocata all'altezza di 108,50metri, soia majestaa la Madonna-, come la defin Carlo Porta, un'icona dell'arte e della fede - spiega Gianfranco Ravasi, prefetto della biblioteca Ambrosiana - con un grande valore civico evidenziato dal fatto i che pi volte all'anno sull'alabarda Sventola il tricolore: dal 2 giugno, festa della Repubblica, al 25 aprile, giorno della liberazione. Con cinque portali di bronzo, 2,3 chilometri di fregi, otto finestroni e circa tremilaquattrocento statue, il Duomo, largo 67,90 metri e alto 32,75, ha subito numerosi interventi di manutenzione. Nel corso dei Novecento, oltre ai lavori che, a partire dal 1945, ripararono i pesanti danni dovuti ai bombardamenti, l'intero corpus vetrario fu istaurato negli anni Sessanta e vent'anni dopo, fu la volta dei quattro piloni del tiburio e di altri ventun piloni secondari. Tra le statue, spiccano due pugili scolpiti in onore di Primo Carnera, primo italiano a vincere, nel 1933, il titolo mondiale dei pesi massimi.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news