LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Rivoluzione nel restauro: arriva lo scattering (e non solo)
Niccol Gori Sassoli
Il Riformista, 11 luglio 2005

II legame tra scienze, tecnologie e beni culturali sempre pi stretto. Tra i settori che si avvalgono maggiormente delle tecnologie ci sono quelli del restauro, della conservazione e dello studio delle opere d'arte. Strettamente legati tra loro e da sempre votati alla sperimentazione, questi ambiti chiedono continuamente alla scienza nuove soluzioni. Una delle grandi sfide su cui si lavora, attualmente, quella della non invasivit. Si tratta di mettere a punto procedure e tecniche per restaurare, conservare e studiare il patrimonio artistico senza danneggiarlo o facendolo il meno possibile.
stato questo l'argomento principe chiave della conferenza Art '05 sulle Non-Destructive Investigations and Microanalysis for the Diagnostics and Conservation of the Cultura! and Envirannientai Heritage, il maggiore appuntamento internazionale per gli scienziati che si occupano di ricerca applicata ai beni culturali. Nel corso dell'evento, giunto all'ottava edizione e svoltosi quest'anno a Lecce dal 15 al
19 maggio, sono stati presentati ben 161 studi, da gruppi di ricerca provenienti da tutto il mondo.
A guadagnarsi il premio per la ricerca pi innovativa stata un'equipe statunitense che ha utilizzato tecniche di microscopia XRF (X-Ray Fluorescence) per ricostruire il profilo composizionale di alcuni dipinti. Tramite un microscopio confocale a raggi X i ricercatori hanno elaborato dei modelli sulla comnosizione desii strati pittorici in funzione della loro profondit. Potendo ottenere informazioni sugli strati profondi tra i 10 e gli 80 micron, l'apparecchio ha permesso di ricostruire cronologicamente le diverse fasi della produzione di un'opera, dati fondamentali non solo per programmarne la conservazione e il restauro ma anche per documentarne eventuali modifiche e per intepretarne le vicende storiche.
Una parte considerevole degli studi di diagnostica non distruttiva presentati a Lecce si basa su tecniche spettro-scopiche, ovvero sull'inter-pretazione dell'interazione che intercorre tra radiazioni e materia. E' il caso di una ricerca, coordinata dall'universit dell'Aquila, che ha utilizzato vari tipi di radiazioni: XRF, infrarossi, riflettografia ultravioletta e colorimetria. La sovrapposizione dei risultati delle diverse analisi permette di carpire i segreti di affreschi e di materiali lapidei. Nel caso specifico le indagini spettroscopiche sono servite per conoscere lo stato di conservazione delle decorazioni e la natura dei materiali originari nel monastero rosso copto di Sohag, Egitto, del IV secolo a.C.
Un altro sistema per entrare nella materia quello di bombardarla di neutroni. Conosciuta come scattering, questa tecnica stata usata per analizzare i campioni di alcune ceramiche rinvenute nei giacimenti campani di Cuma e Miseno. La ricerca, presentata da un gruppo europeo guidato da Roma Tre, ha fornito informazioni inedite sui processi di cottura delle ceramiche, elementi indispensabili per studiare la civilt che le ha prodotte.
I lavori visti fin qui richiedono misurazioni ripetute, verifiche incrociate e necessitano di tempi lunghi per fornire risultati soddisfacenti. Ma in alcuni casi servono strumenti capaci di fornire informazioni in tempo reale. Per esempio quando si tratta di monitorare l'efficacia di un intervento di restauro. Per rispondere a questa esigenza, alcuni ricercatori nordamericani, hanno pensato alla termografia, cio alla mappatura computerizzata del calore prodotto da un corpo. L'applicazione stata sperimentata con successo per controllare in diretta il comportamento delle resine e dei collanti usati per consolidare un'antica stele cinese.
Molte delle ricerche esposte a Lecce sfruttano conoscenze e strumentazioni innovative, in alcuni casi applicate per la prima volta al settore dei beni culturali. Gli scienziati, comunque, continuano a lavorare anche con i cosiddetti sistemi tradizionali, perfezionando apparecchiature conosciute da tempo e migliorando metodi gi consolidati.
Tra questi c' il radiocarbonio 14 - pi conosciuto come C14 - la famosa tecnica di datazione su reperti di origine organica sviluppata negli anni Cinquanta dal chimico statunitense Willam F. Libby. Le sue ultime evoluzioni mirano, pi che ad aumentare la precisione nella datazione, a diminuire la quantit di carbonio da prelevare e quindi la grandezza del campione da distruggere per effettuare le analisi. Uno studio texano ha confermato che possibile estrarre dalla superficie di UT artefatto Quantit di carbonio insignificanti (ne basta un milligrammo).
Insieme alla non distrutti-vit, gli altri requisiti indispensabili per le tecnologie applicate ai beni culturali sono la porta tilit e l'economicit delle strumentazioni. Per gli addetti ai lavori studiare le opere d'arte nel loro contesto originale e analizzare in situ tutti quei manufatti delicati o impossibili da trasportare sono esigenze primarie.
Soddisfare questi standard l'obiettivo di un'apparecchiatura portatile per la diagnostica a ultrasuoni UPV (Ultrasonic Pulse Velocity), una delle migliori evoluzioni di una tecnologia ''tradizionale1'. Messa a punto da un gruppo del Politecnico di Torino, la strumentazione permette di valutare sul posto il grado di esfolia-zione e le fratture nelle pietre di monumenti e opere architettoniche.
Sebbene la maggioranza dei lavori presentati a Lecce siano stati realizzati da quipe provenienti dai Paesi tecnologicamente pi avanzati nel settore - i soliti, ma con l'Italia in posizione non subordinata - non sono mancati i contributi di altre aree tra cui, in evidenza, l'Europa orientale. Si passa da uno studio sugli ingredienti organici usati da Edward Munch per le sue tele, sperimentato nella Repubblica Ceca, a un nuovo tipo di esaminare i vetri antichi, realizzato da un gruppo congiunto polacco-ungherese. Il primo, grazie alla spettroscopia, individua gli elementi organici presenti nei colori del pittore norvegese. II secondo usa procedimenti di microanalisi molecolare per ricostruire la composizione chimica di preziosi cristalli barocchi, naturalmente senza danneggiarli.
Tutti casi che dimostrano come la convergenza tra le varie discipline scientifiche, considerata la tendenza dominante delle tecnologia applicata alla tutela del patrimonio artistico, sia gi una realt concreta. Per osservarne l'evoluzione bisogner aspettare altri due anni. Il prossimo appuntamento della conferenza Art fissato per il 2007 e dovrebbe svolgersi a Gerusalemme.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news